BLOG  

Verdicchio

 aggiungi ai PREFERITI


L'origine di questo vitigno non è certa, anche se sembra
proprio che abbia origine nelle Marche, regione in cui è
massimamente diffuso. In modo molto meno significativo
si trova anche in Lazio, Abruzzo, Emilia Romagna e
Toscana. Il nome Verdicchio ha origine dal colore
dell'acino
che mantiene belle ed evidenti sfumature di
verde anche in piena maturazione.
Le prime testimonianze sulla coltivazione del Verdicchio
nelle Marche risalgono al secolo XVI. Analisi genetiche
effettuate in tempi recenti hanno messo in evidenza una
parentela molto stretta tra il Verdicchio ed il Trebbiano
di Soave
. Si pensa quindi che il Verdicchio sia stato
portato da abitanti originari della zona dell'attuale Veneto,
giunti nelle Marche alla fine del '400 per ripopolare le
campagne dopo una epidemia di peste.
E' un vitigno che ama particolarmente i terreni ben esposti
e ventilati, visto che il suo grappolo compatto soffre
parecchio il ristgno di umidità.
Produce un vino dai profumi fruttati e floreali, minerali con
l'invecchiamento, dalla beva ricca e sapida, sostenuta

sempre da una buona spina dorsale acida. Fra le DOC interessate ricordiamo Verdicchio di Matelica (DOCG nella versione Riserva), Verdicchio dei Castelli di Jesi, che offre un profilo ricco e polposo


Vini con uve del vitigno Verdicchio