Brunello di Montalcino D.O.C.G.

Hai scelto
Filtri
Filtra per

Fascia di prezzo
Filtra Fascia di prezzo
Carta dei vini
Filtra Carta dei vini
Filosofia produttiva
Filtra Filosofia produttiva
Vini a tema
Denominazione
Vitigni
Filtra Vitigni
Mostra tutti i filtri
Brunello di Montalcino Banfi 2016
Banfi Brunello di Montalcino Banfi 2016

Elegante vino rosso che si presenta al naso con una notevole complessità olfattiva, sentori di  prugne in confettura, caffè e tabacco. Al palato è morbido, dal finale di grande persistenza. Affinamento per almeno 24 mesi in botti di rovere e barrique.

Perfetti da regalare
RP
94/100
JS
95/100
Bi
4 Grappoli
Brunello di Montalcino Riserva 'Poggio all'Oro' Banfi 2015
Banfi Brunello di Montalcino Riserva 'Poggio all'Oro' Banfi 2015

Poggio all’Oro Brunello di Montalcino Banfi è il gioiello della famiglia Banfi. Un Brunello Riserva prodotto esclusivamente nelle grandi annate, con uve selezionate del vigneto Poggio all’Oro, dove il Sangiovese trova le condizioni ideali per esprimere il suo grande potenziale. Vino rosso estremamente piacevole al naso, che si esprime con sentori di ciliegia e prugna, accompagnati da piacevoli note floreali. Al palato si rivela estremamente morbido ed armonico. 

 

Brunello di Montalcino 'Poggio alle Mura' Banfi 2017
Banfi Brunello di Montalcino 'Poggio alle Mura' Banfi 2017

Raffinato vino rosso che si esprime al naso con una certa complessità, lasciando affiorare confettura di more e tabacco, accompagnati da sentori di vaniglia. All'assaggio la struttura si rivela decisamente importante, morbida ed equilibrata, con un finale lungo e persistente. Prima dell'imbottigliamento affina per almeno 24 mesi in botti di legno e barrique di rovere.

Preferiti di Winepoint
WS
92/100
JS
93/100
RP
93/100
WE
92/100
Vi
3 Viti AIS
Bi
5 Grappoli
Brunello di Montalcino Castello Romitorio 2016
castello romitorio Brunello di Montalcino Castello Romitorio 2016

Il Brunello di Montalcino di Castello Romitorio è un vino rosso di colore granato intenso. Al naso intriga con sentori di piccoli frutti rossi tra cui distinguiamo mora e lampone. In bocca denota una notevole struttura, risultando intenso, avvolgente, raffinato, dal finale di ottima persistenza e sapidità. Affina 26 mesi in tonneaux e 14 mesi in botti di rovere di Slavonia.

GR
2 bicchieri
Bi
4 Grappoli
Brunello di Montalcino Caprili 2017
caprili Brunello di Montalcino Caprili 2017

Vino rosso raffinato di colore rubino che offre al naso spunti di spezie dolci e frutti di bosco. Al palato è elegante, equilibrato e persistente. Buona la struttura.

RP
93/100
AG
95/100
WS
95/100
JS
94/100
GR
2 bicchieri
Bi
4 Grappoli
Brunello di Montalcino Riserva 'Ad Alberto' Caprili 2015
caprili Brunello di Montalcino Riserva 'Ad Alberto' Caprili 2015

Raffinato vino rosso da uve Sangiovese di colore rubino-granata nel calice. Al naso richiami fruttati maturi, balsamici e di resine speziate. All’assaggio è intenso, caldo ed armonioso, dal finale persistente.

Perfetti da regalare
JS
96/100
GR
2 bicchieri
Brunello di Montalcino Riserva Corte dei Venti 2015
corte dei venti Brunello di Montalcino Riserva Corte dei Venti 2015

Brunello di Montalcino Riserva elegante e bilanciato, dalle note fruttate e delicatamente speziate. Un rosso importante, da conservare a lungo o da servire nelle occasioni speciali. Affina in botti di rovere per circa 42-48 mesi.

Brunello di Montalcino ''La Mannella'' 2012 Cortonesi
cortonesi Brunello di Montalcino ''La Mannella'' 2012 Cortonesi

Vino fermo ed intenso di colore amaranto con riflessi granata. All'olfatto emergono note di piccoli frutti rossi maturi e sentori speziati. All'assaggio risulta corposo, armonico e sapido, dal finale lungo. Affinamento in botti di Slavonia per 40 mesi circa.

WS
92/100
JS
91/100
RP
91/100
GR
2 bicchieri rossi
AG
91/100
Brunello di Montalcino 'Sorgente' Salicutti 2015
podere salicutti Brunello di Montalcino 'Sorgente' Salicutti 2015

Il Brunello di Montalcino “Sorgente” matura in botti di rovere e affina in legno, offrendo un sorso raffinato e molto piacevole, da abbinare a carni rosse e bianche, selvaggina e formaggi stagionati dal sapore deciso. Da provare con tacchino ripieno ai marroni.

AG
96/100
FM
91/100
Brunello di Montalcino Le Macioche 2016
le macioche Brunello di Montalcino Le Macioche 2016

Brunello di Montalcino elegante e dotati di delicati profumi di piccoli frutti di bosco che anticipano sensazioni speziate di vaniglia, pepe e chiodi di garofano. Sorso intrigante, caldo e di buona persistenza

GR
2 bicchieri rossi
Brunello di Montalcino San Polo 2016
san polo montalcino Brunello di Montalcino San Polo 2016

Vino rosso da uve Sangiovese di grande eleganza e struttura. Alla vista si presenta in color rubino con sfumature granata. Al naso emergono ricchi sentori fruttati di sottobosco, note floreali e richiami speziati di tabacco e caffè. Sorso corposo, caldo, dai tannini rotondi. Finale molto lungo e speziato. Affinamento in tonneaux per 24 mesi.

Perfetti da regalare
WE
95/100
WS
92/100
Ve
93/100
RP
93/100
Vi
3 Viti AIS
JS
97/100
LM
92/100
GR
2 bicchieri rossi
Bi
4 Grappoli
Brunello di Montalcino 'Il Piaggione' Salicutti 2015
podere salicutti Brunello di Montalcino 'Il Piaggione' Salicutti 2015

Il Brunello di Montalcino “Piaggione” di Salicutti affina in legno per 3 lunghi anni prima di essere imbottigliato senza chiarifiche e filtrazioni. Dopo un ulteriore riposo in vetro di 12 mesi è pronto da bere, ma può tranquillamente essere “dimenticato” in cantina, grazie al lungo potenziale evolutivo che lo caratterizza.

Perfetti da regalare
AG
97/100
FM
96/100
Brunello di Montalcino Poggio Landi - Dievole 2015
poggio landi Brunello di Montalcino Poggio Landi - Dievole 2015

Un Brunello di Montalcino DOCG tra i più apprezzati questo di Poggio Landi, intenso ed avvolgente regala al naso note di frutta rossa e spezie come pepe, liquirizia e vaniglia. L’assaggio è persistente e appagante, il che lo rende versatile sia a tavola che per un aperitivo. Un’ottima struttura, dovuta anche all’invecchiamento di trentotto mesi e l’affinamento di sei.

GR
2 bicchieri rossi
Bi
4 Grappoli
Brunello di Montalcino 'Greppone Mazzi' Ruffino 2014
ruffino Brunello di Montalcino 'Greppone Mazzi' Ruffino 2014

Vino rosso di grande eleganza prodotto da uve Sangiovese. Di colore rubino con riflessi granata alla vista, apre al naso a richiami di cacao, tabacco, pepe nero e frutti rossi maturi. In bocca è rotondo, morbido e corposo.

WE
95/100
JS
93/100
WS
91/100
Brunello di Montalcino Corte dei Venti 2016
corte dei venti Brunello di Montalcino Corte dei Venti 2016

Il Brunello di Montalcino di Corte dei Venti affina 36 mesi in botti di rovere di Slavonia, esaltando così armonia, eleganza e complessità gusto-olfattiva. Ottimo con carni rosse importanti e con la selvaggina.

GR
2 bicchieri
Brunello di Montalcino DOCG Podere Brizio - Dievole 2015
podere brizio Brunello di Montalcino DOCG Podere Brizio - Dievole 2015

Intenso e raffinato vino rosso rubino, dai netti richiami di frutta rossa matura, erbe balsamiche e sensazioni speziate. All’assaggio è di grande eleganza, con tannini rotondi e beva armonica. Chiusura lunga e persistente. Ciò che caratterizza questo vino è il lungo affinamento di 38 mesi in grandi botti di rovere.

Ve
94/100
JS
94/100
Grappa di Brunello di Montalcino Riserva Poggio alle Mura Banfi - astucciata - cl 50
Banfi Grappa di Brunello di Montalcino Riserva Poggio alle Mura Banfi - astucciata - cl 50

Grappa prodotta dalle vinacce di uve Sangiovese del Brunello di Montalcino Riserva. All’olfatto affiorano sentori di frutta a polpa gialla, unitamente a note speziate di tabacco, cuoio, pepe nero ed anice stellato. Al palato è morbida ed intensa, chiudendo persistente e ammandorlata. Affinamento in botti di rovere di Slavonia per 18 mesi.

 

Brunello di Montalcino DOCG. La storia, le caratteristiche ed il terriorio dei uno dei vini più famosi al mondo

Montalcino è un comune a sud di Siena, verso la valle dell’Orcia, noto soprattutto per il suo pregiato vino rosso: il Brunello di Montalcino docg, abbreviato Brunello docg. Un vino rosso di grande pregio capofila dei grandi rossi Toscani.

La sua storia non è così antica, solo nella seconda metà del ‘900 il Brunello diventa “il Brunello”. Tuttavia il fascino e la fama che oggi lo circondano rendono meno importante il suo passato, considerato appunto un presente nella piena luce dei riflettori.

Il vino Brunello di Montalcino è costituito al 100% da Sangiovese Grosso, che in zona veniva chiamato Brunello. Il Sangiovese è il vitigno a bacca rossa più coltivato in tutto il centro e sud Italia, la sua origine è incerta, Toscana e Romagna se ne combattono la paternità. Una sentenza non ci sarà mai, e nemmeno importa a ben guardare, dato che ogni regione d’Italia ha saputo interpretare il vitigno secondo il proprio territorio e la propria storia. Possiamo dire però che, più tipico della Toscana è il Sangiovese piccolo, quello cioè con bacca più ridotta, rispetto al Sangiovese grosso, più coltivato sulla sponda adriatica. Montalcino in questo fa eccezione, perché il clone di Sangiovese qui coltivato è appunto appartenente alla famiglia dei Sangiovese a bacca grande (Sangiovese Grosso).

Caratteristiche del territorio ed affinamento del Brunello di Montalcino

La vinificazione è ovviamente in rosso, con pieno contatto delle bucce con il mosto e piena estrazione del colore, del tannino e di tutte le sostanze contenute nella parte più esterna dell’acino.
Una caratteristica importante del Brunello di Montalcino docg è il suo lungo affinamento prima di poter essere messo in commercio. Il disciplinare di produzione cita: “Il vino a denominazione di origine controllata e garantita Brunello di Montalcino non può essere immesso al consumo prima del 1° gennaio dell’anno successivo al termine di cinque anni calcolati considerando l’annata della vendemmia.” Ovvero il disciplinare ci dice che devono decorrere almeno 5 anni di invecchiamento prima che il vino possa essere commercializzato, considerando inoltre che trascorso questo lustro, bisognerà attendere inoltre l’inizio del successivo anno solare. Anche per questo motivo il prezzo di un Brunello è spesso più elevato rispetto ad altri vini rossi Toscani e non solo. È dunque un vino prezioso, e in più il costo del Brunello lievita nelle annate migliori, ma su questo torneremo.

Prima di discutere di prezzo è opportuno definire i contorni di questo grande rosso italiano. Il suo carattere risente molto di almeno due fattori: la posizione geografica delle vigne e lo stile del vignaiolo.
Partiamo da quest’ultimo. A Montalcino non è di casa la botte piccola, la barrique infatti è “di importazione”, mentre il contenitore tipico e storico in questa fetta di Toscana è la botte grande, quella da svariate migliaia di litri. Esistono tuttavia molti produttori che prediligono un gusto più rotondo e morbido per il proprio vino e seguono la strada della piccola botte francese per ingentilire ed arrotondare il loro vino. Va considerato che gran parte delle vendite del Brunello avvengono negli Stati Uniti, dove trova un pubblico molto avvezzo alla morbidezza dei vini e ad una generale semplicità di beva.

Un secondo parametro molto importante è la zona di produzione. Come dicevamo il comune di Montalcino (Toscana) è l’unica area di produzione autorizzata. Dal cucuzzolo appollaiato in cima alla collina, le vigne scendono verso valle a perdita d’occhio e l’intero areale di produzione è meno piccolo di quel che si potrebbe supporre. Il versante nord e il versante sud sono le due macro aree principali.

Le diverse esposizioni e le diverse composizioni dei terreni offrono diverse possibilità di espressione al vino finito. Di solito sono più corposi quelli del versante sud e più magri ed eleganti quelli del versante nord. Questa generalizzazione non è però da prendere come un mantra intoccabile, dato che la mano del produttore incide tanto quanto e forse di più del terreno.

Oltre alle differenti impostazioni che le cantine vogliono dare al loro vino, anche i terreni incidono, soprattutto i microclimi, perché Montalcino è in cima ad un colle e sotto di esso si stendono le vigne in ogni direzione e per diversi chilometri. I diversi versanti, ad esempio il nord e il sud, durante l'anno presentano microclimi molto diversi per via della diversa esposizione al sole. La versione meno invecchiata di Brunello può essere etichettata come Rosso di Montalcino; in questo caso il vino deve riposare in cantina per soli tre anni dopo la vendemmia

Caratteristiche organolettiche del Brunello di Montalcino

Qual è invece il gusto di questo ottimo vino rosso toscano? Leggiamo il disciplinare che riporta: “Il vino a denominazione di origine controllata e garantita Brunello di Montalcino all’atto dell’immissione al consumo deve  rispondere  alle caratteristiche di seguito esposte: colore: rosso rubino intenso tendente al granato; odore: caratteristico ed intenso; sapore: asciutto, caldo, un po’ tannico, robusto, armonico, persistente.” Asciutto e secco, senza residuo zuccherino, caldo di un buon alcool presente, la gradazione minima è 12,5% ma praticamente sempre le gradazioni son ben maggiori; un po’ tannico cita il disciplinare, ma anche in questo caso possiamo dire che il tannino non fa certo difetto.
Robusto, quindi un vino rosso strutturato e persistente, ovvero che rimane al gusto anche molto dopo la deglutizione. Ecco le caratteristiche principali, alle quali potremmo aggiungere, specificando meglio quel generico “odore caratteristico ed intenso”, una nota fruttata di frutta a bacca rossa, sentori terziari di cuoio e terra, sentori di legno e vaniglia se l’utilizzo della barrique ha prevalso, altrimenti sentori di legno e magari leggera tostatura ma niente burro e vaniglia.

Una bottiglia di Brunello è una bottiglia preziosa e deve essere tassativamente di forma bordolese, bandita la borgognotta, la bottiglia più larga e affusolata, che non è prevista dal disciplinare. Largo dunque alla bottiglia dritta di bordeaux, sulle quali possiamo trovare diverse diciture ulteriori, tra le quali “riserva”. Un Brunello riserva è un vino che ha fatto un periodo di affinamento più lungo rispetto a quanto preposto per la versione base.

Ma qual è il miglior Brunello di Montalcino? Ovviamente non è possibile e non è nemmeno giusto rispondere. Certo un nome viene in mente a tutti: Biondi Santi, che se non può essere definito il miglior Brunello, perché nessuno può esserlo, certamente può essere considerato il più famoso, o almeno uno dei più famosi. I nomi però sono davvero tanti, i circa 260 produttori presenti a Montalcino rivaleggiano a colpi di grandi vini e di grandi annate e nessuno di questi piò essere considerato secondario o di minor pregio.

Le grandi annate del Brunello di Montalcino

Parlando proprio di grandi annate val la pena citare le migliori. Secondo il Consorzio del Brunello nato nel 1967 immediatamente dopo la nascita della denominazione, i migliori millesimi delle ultime decadi sono: 1985, 1988, 1990, 1995, 1997, 2004, 2006, 2007, 2010, 2012, 2015, 2016. Considerato che il Brunello di Montalcino invecchiato è un gran bel bere, possiamo considerare alcune di queste annate già nella storia, la 85, l’annata 90, il 97 come il 2004, mentre per altre occorrerà ancora del tempo per valutarne davvero la portata.

Su Winepoint trovi un'ampia selezione di Brunello di Montalcino dove poter acquistare al miglior prezzo. Trovi inoltre offerte periodiche e prezzi scontati

 

Leggi di più
Leggi di meno