Catalogo Carricante

Hai scelto
Filtri
Filtra per

Fascia di prezzo
Filtra Fascia di prezzo
Carta dei vini
Filtra Carta dei vini
Abbinamento
Filtra Abbinamento
Denominazione
Filtra Denominazione
Vitigni
Mostra tutti i filtri
Etna Bianco Cottanera 2020
Cottanera Etna Bianco Cottanera 2020

Vino bianco da uve Carricante in purezza che alla vista si presenta di color giallo paglierino. Toni minerali, floreali e fortemente salmastri si aprono ad un palato sapido, di grande struttura, decisamente equilibrato e di lunga persistenza. Prima dell'imbottigliamento affina 6 mesi in acciaio sui lieviti.

RP
91/100
LM
92/100
JS
92/100
Ve
90/100
GR
2 bicchieri
Bi
4 Grappoli
Etna Bianco Caruso 2019
Caruso Etna Bianco Caruso 2019

Fresco e leggero, il Bianco dell’Etna di Caruso è un vino da servire nelle occasioni informali e per accompagnare delicati piatti di pesce.

'Quater Vitis' Bianco Firriato 2020
firriato 'Quater Vitis' Bianco Firriato 2020

Bianco morbido e piacevole al palato, dal sorso fruttato e generoso. Vinifica in solo acciaio ed è ottimo con secondi piatti di pesce, in particolare con pesce spada e tonno alla griglia.

RP
87/100
Vi
3 Viti AIS
Ve
88/100
GR
2 bicchieri
Etna Bianco 'Quantico' Giuliemi 2018
Giuliemi Etna Bianco 'Quantico' Giuliemi 2018

Vino bianco prodotto dalla cantina Giuliemi seguendo i principi della fisica quantistica, il Quantico Etna DOC è frutti di un blend di uve Carricante, Catarratto e Grillo. Sapido, intenso e fresco al palato, con finale che persiste.

Carricante 'Aurora' I Vigneri 2020
I Vigneri Carricante 'Aurora' I Vigneri 2020

Strettamente legato al terroir e vinificato secondo metodi artigianali, “Aurora” è un vino bianco sapido e minerale, da abbinare con tutti i piatti della cucina di mare.

Sl
Vino Quotidiano
Etna Bianco DOC Tenuta Bastonaca 2017
Tenuta Bastonaca Etna Bianco DOC Tenuta Bastonaca 2017

Bianco fresco-sapido dal bouquet vivace e fruttato, perfetto da abbinare con la cucina di mare.

GR
2 bicchieri rossi
Ve
87/100
Bi
4 Grappoli
Etna Bianco 'Quantico' Giuliemi 2017
Giuliemi Etna Bianco 'Quantico' Giuliemi 2017

Vino bianco prodotto dalla cantina Giuliemi seguendo i principi della fisica quantistica, il Quantico Etna DOC è frutti di un blend di uve Carricante, Catarratto e Grillo. Sapido, intenso e fresco al palato, con finale che persiste.

Etna Bianco 'Calderara' Cottanera 2019
Cottanera Etna Bianco 'Calderara' Cottanera 2019

Vino bianco che prende il nome dalla medesima Contrada in cui vengono allevate le uve Carricante impiegate per la produzione. Al naso apre a richiami floreali di limone, sambuco ed origano, unitamente ad intensi sentori minerali e fruttati di agrumi e susine. Il sorso è sapido, di buon corpo e ricco nel finale. Affinamento in botti di rovere e vasche di cemento.

AG
92/100
RP
93/100
Vi
3 Viti AIS
LM
92/100
Ve
90/100
GR
2 bicchieri
Bi
4 Grappoli
Etna Bianco Tenuta delle Terre Nere 2021
tenuta delle terre nere Etna Bianco Tenuta delle Terre Nere 2021

Vino bianco di spiccata mineralità e freschezza che appare alla vista in color paglierino carico. Al naso si percepiscono intensi sentori di tiglio e fiori bianchi.

WE
92/100
Ve
91/100
WS
91/100
Bi
4 Grappoli

Il Carricante sta all'Etna come il sole sta alla Sicilia. Pregevole uva a bacca bianca, cresce in quel terreno fertile e unico al mondo creato dalle numerose colate di lava che nel corso dei secoli hanno plasmato il territorio etneo. Lo spettacolo è dei più suggestivi. Mare cristallino all'orizzonte, l'ombra di un vulcano temibile eppure così amato dai siciliani alle spalle. Questa è la cornice che ospita uno dei vitigni autoctoni più antichi dell'intera isola.

 

Storia del Carricante

 

"U Carricanti", così i contadini etnei definivano questa uva in antichità, sottolineando una delle sue caratteristiche più importanti ovvero l'abbondante produzione, così generosa da riempire, "carricari", i carretti destinati alla raccolta dell'uva. La storia del vino etneo inizia in epoche remote, pare addirittura nel neolitico, anche se le prime tracce documentali risalgono al periodo della colonizzazione greca in Sicilia.
Il Carricante nasce nel piccolo paese di Viagrande e il primo a parlarne è l'archeologo Domenico Sestini nel XIII secolo. All'inizio il Carricante viene utilizzato semplicemente come uva da taglio. Molti non apprezzano la forte componente acida per cui spesso viene lasciato a macerare sulle fecce all'interno delle botti per qualche mese.
Intorno al 1800 alcuni viticoltori provano a coltivarlo anche nelle zone di Agrigento, Ragusa e Caltanissetta ma senza successo. La storia del nostro Carricante, in ogni caso, non ha mai conosciuto battute d'arresto, anzi nel tempo la sua fama è cresciuta tanto da spingere alcuni produttori ad utilizzarlo in purezza. Oggi è la base di un vino famoso come l'Etna Bianco Doc.

 

Le aree di coltivazione del Carricante

 

A livello nazionale si contano ben 268 vigneti, di cui ben 101 solo in Sicilia. Questo vitigno viene allevato soprattutto nella zona orientale dell'isola e in particolar modo lungo il versante meridionale e orientale dell'Etna. La Contrada Caselle è una delle più rinomate per la qualità del suo Carricante che cresce irregolare e attorcigliato al palo di legno che lo sostiene, circondato da boschi, noccioleti e frutteti.

 

Caratteristiche del territorio dove cresce il Carricante

 

Si dice che chi arriva in Sicilia e vede l'Etna erigersi fiero contro il cielo azzurro venga colto da una specie di mal d'Africa. Il paesaggio dove cresce il Carricante è suggestivo, fertile, a volte lunare, soprattutto mano a mano che ci si avvicina alla sommità del vulcano. Il terreno è senza dubbio uno degli aspetti più interessanti. I vini dell'Etna infatti portano con sé una carica minerale sbalorditiva. Il merito è di un suolo vulcanico che non presenta nessuna traccia di calcio, azoto e fosforo ma in compenso è ricco di minerali come il rame o il ferro che influiscono in modo prepotente sulle caratteristiche sensoriali dell'uva.

Al resto ci pensa il clima, influenzato sia dalla vicinanza al mare sia dall'altezza del vulcano. Il nostro Carricante infatti, rispetto al cugino Nerello Mascalese, altro vitigno autoctono della zona etnea, predilige le alture e i luoghi dove le temperature sono molto più basse rispetto al resto dell'isola. Questo versante dell'Etna inoltre è noto per la piovosità molto più accentuata in confronto alla parte occidentale.

Infine, il tocco da maestro lo danno le forti escursioni termiche che si verificano durante la primavera e l'estate. Gli esperti hanno calcolato che si può arrivare fino a 20 °C di differenza tra giorno e notte. Questo terroir è la chiave per capire il motivo del successo di vini unici e irripetibili come quelli etnei.

 

Caratteristiche ampelografiche dell'uva Carricante

 

La foglia del Carricante è di media grandezza, pentagonale, trilobata o pentalobata. Il grappolo è lungo circa 20 cm, ha una forma conica molto semplice ed è mediamente spargolo, ovvero ha degli acini leggermente distanziati tra di loro. L'acino, di colore giallo-verdognolo, ha una forma regolare e la buccia, spessa e consistente, è ricoperta di pruina, una sostanza che protegge il frutto dal calore eccessivo del sole siciliano.

Il Carricante è poco resistente alle malattie ed è particolarmente sensibile alla calura del mese d'agosto tanto che gli acini non protetti dalle foglie sono soggetti a scottature che mettono a rischio il futuro raccolto.

 

Vinificazione del Carricante

 

Il Carricante viene allevato generalmente ad alberello e vendemmiato nella seconda metà di ottobre. In cantina, i grappoli subiscono una pressatura soffice, perfetta per rispettare la delicata natura degli acini. Il mosto così ottenuto fermenta inizialmente in vasche d'acciaio. L'affinamento è frutto del concept di ogni singolo produttore. C'è chi preferisce un riposo breve in serbatoi d'acciaio per non alterare la tipica freschezza e acidità del vino e chi invece preferisce un rapido passaggio in barriques di rovere per aiutare il Carricante a sviluppare aromi e profumi terziari più evoluti e profondi.

 

Caratteristiche organolettiche del vino Carricante

 

Per capire a fondo le caratteristiche del Carricante dobbiamo riflettere sulla sua natura acida, sorprendente in un vino tipicamente del sud. Questo aspetto del suo sapore va a diminuire entro tre-quattro anni dalla vendemmia a causa di una serie di fenomeni naturali come può essere ad esempio una precipitazione tartarica. Eppure, nonostante questo, il vino arriva al palato mantenendo un nerbo assolutamente apprezzabile unito a una freschezza e una mineralità incredibili. Nel calice la veste è tipicamente giallo paglierino mentre l'olfatto è un connubio ben riuscito tra note di fiori bianchi, un leggero sentore agrumato e qualche traccia di erbe mediterranee. È ideale da servire con pesce e crostacei.
Scopri questo prestigioso vitigno su WinePoint dove puoi acquistare vini da uve Carricante vinificate in purezza o in blend con altri vitigni a bacca bianca. Puoi acquistare i vini delle migliori cantine siciliane, leggendo le schede tecniche dei vini ed anche i premi e le recensioni delle principali Guide italiane ed internazionali come Gambero Rosso, Wine Spectator, Luca Maroni, Robert Parker …

 

Curiosità sul Carricante

 

Il Carricante è conosciuto anche con i nomi di Catanese Bianco o Nocera Bianco.