Catalogo Viognier

Hai scelto
Filtri
Filtra per

Fascia di prezzo
Filtra Fascia di prezzo
Carta dei vini
Filtra Carta dei vini
Filosofia produttiva
Abbinamento
Filtra Abbinamento
Nazione
Filtra Nazione
Regione
Mostra tutti i filtri
La Segreta Il Bianco Planeta 2021
Planeta La Segreta Il Bianco Planeta 2021

Vino bianco di gradevole beva, dagli ampi sentori olfattivi di ginestra, camomilla, acacia, agrumi e pesche. Prodotto dal blend di uve Grecanico, Chardonnay, Fiano e Viognier.

Da bere tutti i giorni Più venduti
JS
92/100
Vermentino Aia Vecchia 2021 Toscana IGT
Aia Vecchia Vermentino Aia Vecchia 2021 Toscana IGT

Vino bianco fermo dal colore giallo luminoso. Il profumo è fresco e con aromi di pesca, albicocca e delicati sentori di erba fresca. Il palato è in perfetto equilibrio tra mineralità e freschezza. Buon corpo, elegante sapidità e grande piacevolezza di beva.

Viognier 'Vola Vola' Cantine Fina 2021 Terre Siciliane IGP
Fina Viognier 'Vola Vola' Cantine Fina 2021 Terre Siciliane IGP

Vino elegante fresco realizzato con uve Viognier in purezza. All’olfatto affiorano sentori agrumati, minerali e delicatamente floreali. Al palato è sapido ed elegante. Affinamento inziale in acciaio inox per alcuni mesi, e successivamente in bottiglia per 6 mesi.

Da bere tutti i giorni Più venduti
LM
91/100
Ve
87/100
Grillo e Viognier 'Rina Ianca' Feudo di Santa Tresa 2020
santa tresa Grillo e Viognier 'Rina Ianca' Feudo di Santa Tresa 2020

Vino bianco siciliano leggero, armonico e fragrante, il Rina lanca di Feudo di Santa Teresa è un blend di uve Grillo e Viogner che vinifica e affina esclusivamente in acciaio.

Viognier 'Ginolfo' Baglio Di Pianetto 2015 Sicilia DOC
baglio di pianetto Viognier 'Ginolfo' Baglio Di Pianetto 2015 Sicilia DOC

Perfetto per un pranzo in famiglia, “Ginolfo” di Baglio di Pianetto si abbina bene con secondi piatti di pesce e carni bianche leggere.

'Fiorano Bianco' Tenuta di Fiorano 2016
tenuta di fiorano 'Fiorano Bianco' Tenuta di Fiorano 2016

Apprezzato dalla critica italiana ed estera, questo bianco del Lazio colpisce fin dal primo sorso e si caratterizza come un vino di grande eleganza, complessità e profondità. Vinifica esclusivamente in legno e matura sulle fecce fini in botti di rovere e di castagno da 10 ettolitri. Ottimo da solo, con salmone o tonno affumicato, antipasti di mare e piatti di pesce anche in salsa.

GR
3 bicchieri rossi
JS
92/100
Ve
88/100
Bi
5 Grappoli
Vi
4 Viti AIS
'Vigna di Gabri' Donnafugata 2020  Bianco Sicilia DOC
Donnafugata 'Vigna di Gabri' Donnafugata 2020 Bianco Sicilia DOC

Un blend di uve Ansonica, Catarratto, Chardonnay, Sauvignon Blanc e Viognier costituisce questo vino bianco. E' fermo e secco, ma molto aromatico, che rivela note di mela, fiori e ottima mineralità. Affina in acciaio e in piccola parte in barrique di rovere francese. Unite le parti, affina ulteriori 6 mesi in bottiglia.

Vini per momenti romantici
GR
2 bicchieri
FM
90/100
Viognier 'Bauci' La Fralluca 2015 Costa Toscana IGT
La Fralluca Viognier 'Bauci' La Fralluca 2015 Costa Toscana IGT

Il Viognier “Bauci” di La Fralluca è frutto di una vinificazione in acciaio e in legno. Le uve infatti fermentano e maturano parte in serbatoio di acciaio a temperatura controllata e parte in tonneaux di rovere francese. Da provare con secondi di pesce, scampi alla griglia e pollame.

GR
2 bicchieri rossi
Viognier Astruc Domaine d'A 2019
domaine d'a Viognier Astruc Domaine d'A 2019

Perfetto come vino quotidiano o per una spensierata serata tra amici, il Viognier del Domaine Astruc è perfetto da abbinare a piatti di pesce, pollame e carne bianca.

Viognier 'Occhi Verdi' Tenute Riccardi Toscanelli 2019 Toscana IGT
tenute riccardi toscanelli Viognier 'Occhi Verdi' Tenute Riccardi Toscanelli 2019 Toscana IGT

Il Viognier di Tenute Riccardo Toscanelli vinifica in cemento ed è perfetto come vino da aperitivo, servito a circa 8-10 °C. Ottimo anche con piatti di pesce e antipasti leggeri.

Da bere tutti i giorni
Bianco 'Barbazzale' Cottanera 2021 Sicilia DOC
Cottanera Bianco 'Barbazzale' Cottanera 2021 Sicilia DOC

Vino bianco che alla vista si presenta di color giallo paglierino. Prodotto con uve Catarratto e Viognier, al naso offre toni minerali e note di fiori bianchi e gialli, pesca noce e mandorla. Il palato è sapido, di buona struttura, equilibrato e morbido.

GR
2 bicchieri
Viognier 'Bauci' La Fralluca 2018 Costa Toscana IGT
La Fralluca Viognier 'Bauci' La Fralluca 2018 Costa Toscana IGT

Il Viognier “Bauci” di La Fralluca è frutto di una vinificazione in acciaio e in legno. Le uve infatti fermentano e maturano parte in serbatoio di acciaio a temperatura controllata e parte in tonneaux di rovere francese. Da provare con secondi di pesce, scampi alla griglia e pollame.

GR
2 bicchieri rossi

Viognier. il Vino ed il vitigno

Intenso e aromatico, il Viognier è un vitigno che ama mettere alla prova la maestria di chi lo alleva con passione e dedizione. Inarrestabile seduttore dei palati più difficili, nasconde tra i suoi grappoli una storia lunga e tortuosa.

Il Viognier: storia di un vitigno inebriante e inafferrabile

L'osservatore attento e amante dei particolari non può
rimanere impassibile di fronte alla storia di un'uva nata
in Croazia e diventata secoli dopo uno dei vitigni più
apprezzati e celebrati della California. Quanta strada,
quante vicissitudini hanno percorso questi grappoli la cui
origine si perde nella notte dei tempi. Le prime tracce
documentali risalgono al 200 d.C., anno in cui
l'imperatore romano Marco Aurelio Probo decise di
impiantarli nella valle del Rodano. Secondo i suoi calcoli
le condizioni del luogo (quello che oggi
chiamiamo terroir) erano tra le migliori. Il clima
continentale era animato dal potente Mistral, il vento
capace di spazzare l'intera vallata con la sua anima
gelida e furiosa.

Condrieu, piccolo comune situato nella punta estrema
del Rodano, diventa luogo d'elezione dell'allevamento di
questo vitigno che mostra subito un carattere bizzarro e
indomabile. La produzione è variabile, indisciplinata,

concede poco tempo per la vendemmia e risulta particolarmente sensibile a malattie come lo oidio e la filossera che distrugge, verso la prima metà dell'Ottocento, ettari su ettari di superficie vitata. Il Viognier quindi diventa un prodotto di nicchia fino agli anni Quaranta quando, grazie alla famiglia Vernay, nasce l'AOC Condrieu. Questi vignerons credono talmente tanto alle potenzialità di tale uva da investire tempo, soldi, ricerche e fatica nel tentativo di riportarla in auge. E ci riescono. Dagli anni '70 il Viognier si diffonde a macchia d'olio in molte zone del mondo e diventa, tanto per fare un esempio, il protagonista di due vini francesi molto apprezzati a livello internazionale. Il primo è il Condrieu, etichetta rara e preziosa tra le più costose, e l'altro è lo Chateau Grillet, considerato tra i 5 migliori vini bianchi francesi.

Le aree di coltivazione del Viognier

Fedele alle sue origini croate, il Viognier viene allevato con successo in Dalmazia, nell'isola di Vis e in Francia, nella Provenza e nella regione del Rodano Meridionale. Nel nostro Paese predilige le zone temperate dell'Emilia-Romagna, del Lazio, dell'Umbria, della Toscana e della Sicilia. Ha un grande successo, come abbiamo già sottolineato, in nazioni come la California, l'Australia, la Spagna, la Grecia e l'Austria.

Caratteristiche del territorio

Sebbene in origine sia stato coltivato in terreni nordici fortemente acidi, il Viognier si adatta con facilità anche alle zone meridionali purché sia piantato su suoli abbastanza profondi, perfetti per allontanare il pericolo di siccità. Altra condizione essenziale è che il suolo sia poco fertile per permettere alla vite di fornire rese basse ma di grande qualità.

Caratteristiche ampelografiche dell'uva

La foglia del Viognier è piccola e orbicolare. Da giovane presenta degli inediti riflessi dorati persi poi in età adulta quando il colore si attesta su un verde chiaro molto intenso. I bordi, tre o cinque, sono leggermente arricciati. Il grappolo è compatto, di forma tronco-conica e solitamente ha una dimensione medio-piccola così come gli acini sferici o ovoidali, caratterizzati da una buccia spessa bianca con venature ambrate.

Vinificazione del Viognier

La vinificazione del Viognier gioca sul fil rouge di un equilibrio difficile da trovare. Come dicevamo all'inizio, è un vitigno che mette a dura prova la maestria dei vignaioli già dalla vendemmia. La caratteristica di questi grappoli infatti sta nel fatto che, se raccolti troppo presto, regalano vini poco strutturati e intensi, piacevoli senza dubbio ma che non rendono giustizia alla maestosità di questa uva. Al contrario una vendemmia tardiva potrebbe sacrificare l'innata freschezza a favore di un tenore zuccherino più accentuato e una scia alcolica troppo "ingombrante". “In media stat virtus”, dicevano i Romani e l'abilità del vigneron si gioca sull'individuare l'esatto momento, quell'ora X in cui il nostro vitigno è pronto per regalare ai suoi estimatori la sua natura più intima e preziosa.

Per quanto riguarda la vinificazione in senso stretto, il mondo dei produttori si divide in chi preferisce seguire l'esempio francese, ottenendo quindi un vino cremoso e fortemente aromatico e chi invece predilige esaltare lo slancio e la seducente freschezza del Viognier. Nel primo caso il modus operandi in cantina vedrà una breve sosta nell'acciaio e un affinamento di qualche mese nel legno di rovere. Nel secondo invece i grappoli, dopo la criomacerazione, avranno modo di riposare nell'assoluta sterilità del metallo che notoriamente nulla dà e nulla toglie ai caratteri varietali tipici dell'uva.

Caratteristiche organolettiche del vino

Il Viognier è un vino che si annuncia allo sguardo con un brillante e luminoso giallo paglierino. Al naso rivela un interessante bouquet che da un'iniziale scena floreale sfuma in una verve aromatica dettata da profumi fruttati molto intensi. Il mughetto, i fiori di limone e l'aristocratica gardenia incontrano l'aroma dell'uva spina e della pesca e sono ravvivati da un leggero sentore di anice stellato. Il palato è rivestito da un sorso rotondo e da una beva fresca e piacevole. Mediamente strutturato sul finale svela una calda nota di albicocca.

Curiosità

Gli addetti del settore amano chiamare questo vitigno "Galopine" ovvero monello per sottolineare la sua natura volubile e a tratti inafferrabile. Prezioso ed elegante, è uno dei pochi bianchi che fa della versatilità il suo biglietto da visita. Si abbina infatti a ricette nostrane, primi leggeri, taglieri di formaggi freschi ma è capace di esaltare l'asparago, uno dei vegetali più difficili da abbinare a un vino, e di sottolineare le note intense di cucine particolari come quella thailandese o sudamericana.
Su WinePoint puoi acquistare una vasta selezione di vini Viognier delle grenadi cantine ed anche dei piccoli vignaioli di elevata qualità. Trovi consigli su come abbinare i vini e spiegazioni sulle caratteristiche del vino e tecniche e filosofia del vignaiolo. Approfitta degli sconti periodici e delle offerte speciali.