Catalogo Alicante

Hai scelto
Filtri
Filtra per

Fascia di prezzo
Filtra Fascia di prezzo
Carta dei vini
Filtra Carta dei vini
Filosofia produttiva
Filtra Filosofia produttiva
Vini a tema
Abbinamento
Filtra Abbinamento
Mostra tutti i filtri
Morellino di Scansano Fattoria Le Pupille 2021
fattoria le pupille Morellino di Scansano Fattoria Le Pupille 2021

Ottimo Morellino dal sorso vellutato e dal colore rubino. Al naso si aprono profumi di chiodi di garofano, macchia mediterranea e ciliegia. Dopo pochi minuti di riposo nel bicchiere emergono sensazioni di marasca sotto spirito. Al palato è caldo, vellutato ed equilibrato. Fa un breve affinamento di pochi mesi in barrique di secondo passaggio precedentemente utilizzate per il Poggio Valente.

Preferiti di Winepoint Da bere tutti i giorni
Alicante La Fralluca 2015 Costa Toscana IGT
La Fralluca Alicante La Fralluca 2015 Costa Toscana IGT

Vino rosso potente e intrigante, l'Alicante della cantina La Fralluca vinifica in acciaio e affina 18 mesi in barrique di rovere, a cui seguono 24 mesi in bottiglia.

'Poggio Valente' Fattoria Le Pupille 2019 Rosso Toscana IGT
fattoria le pupille 'Poggio Valente' Fattoria Le Pupille 2019 Rosso Toscana IGT

Vino rosso toscano ricco e complesso e dal colore rubino cupo. Al naso emergono profumi speziati e fumé, sensazioni di ciliegie nere, tabacco dolce e vaniglia. Il sorso è ricco, avvolgente ed accompagnato da un tannino setoso ed elegante. Di lunga persistenza e con un finale piacevolmente sapido. Affina 15 mesi in barrique.

JS
93/100
Vi
3 Viti AIS
RP
94/100
Ve
90/100
Bi
4 Grappoli
Sangiovese 'Dono' Serpaia 2015 Maremma Toscana DOC
Serpaia Sangiovese 'Dono' Serpaia 2015 Maremma Toscana DOC

Il Dono Morellino di Scansano Riserva di Serpaia è un vino rosso rubino, caratterizzato da sentori di frutti a bacca rossa. Il palato è ricco, pieno ed armonico, con elegante tannicità ed equilibrio. Matura 12 mesi in barrique.

Bi
4 Grappoli
'Fillide' La Fralluca 2014 Toscana Rosso IGT
La Fralluca 'Fillide' La Fralluca 2014 Toscana Rosso IGT

Appagante al palato e versatile nell’abbinamento cibo-vino, “Fillide” accompagna un intero pasto a base di carne, formaggi e salumi mediamente stagionati. Frutto di una vinificazione separata dei tre vitigni, affina in bottiglia per circa 18 mesi una volta assemblato.

Vi
3 Viti AIS
GR
2 bicchieri rossi
Ve
90/100
Morellino di Scansano Riserva 'Primo' Provveditore Bargagli 2015
provveditore bargagli Morellino di Scansano Riserva 'Primo' Provveditore Bargagli 2015

Morellino di Scansano in versione Riserva, “Primo” è un vino rosso dal lungo potenziale evolutivo (oltre 15 anni), da abbinare con carni rosse, formaggi e selvaggina.

'Fillide' La Fralluca 2016 Toscana Rosso IGT
La Fralluca 'Fillide' La Fralluca 2016 Toscana Rosso IGT

Appagante al palato e versatile nell’abbinamento cibo-vino, “Fillide” accompagna un intero pasto a base di carne, formaggi e salumi mediamente stagionati. Frutto di una vinificazione separata dei tre vitigni, affina in bottiglia per circa 18 mesi una volta assemblato.

Vi
3 Viti AIS
GR
2 bicchieri rossi
Ve
90/100

Storia e caratteristiche dell'Alicante, focoso vitigno mediterraneo

Il suo nome non lascia adito ad alcun dubbio: il vitigno Alicante reca in sè l'indicazione delle sue origini e della sua natura. Sono infatti le colline della città spagnola di Alicante la più probabile culla di questo vitigno. Affacciata sul Mediterraneo, è stata fin dall'epoca romana un importantissimo porto commerciale. Proprio da qui partirono le navi che vi portarono in Italia i primi tralci di Alicante. Siamo a cavallo tra la fine del 1200 e il 1400, epoca che vide l'espansione della Corona d'Aragona nel Sud Italia.
Sembra sia stata la Sardegna la prima regione a ricevere e coltivare la focosa uva iberica. Seguì la Sicilia, da dove l'Alicante raggiunse poi tutto il bacino del Mediterraneo diffondendosi in regioni ad altissima vocazione vinicola come la Toscana, la Liguria, il Veneto e l'intera area dell'Italia Centrale. Tannico, corposo, particolarmente alcolico, oggi come un tempo l'Alicante è utilizzato spesso per tagliare altri vini, a cui sa conferire carattere e aromi inconfondibili. Le moderne tecniche di vinificazione consentono di ampliare le possibilità di utilizzo di questo potente vitigno per offrire al pubblico vini di grande raffinatezza e qualità. L'Alicante entra in denominazioni d'eccellenza quali la DOC Sicilia, la DOCG Morellino di Scansano e la IGT Toscana, Colline Savonesi e Liguria di levante.

 

Caratteristiche del grappolo e della pianta di Alicante

 

I grappoli di Alicante sono caratterizzati da forma conica o piramidale e dimensioni medie. Si presentano alati, compatti o mediamente compatti e di dimensioni medie. Media grandezza mostrano anche gli acini dalla forma sferoidale o ovoidale. La loro buccia blu-scuro tendente al nero è spessa e coriacea, ricoperta da abbondante pruina. Le viti di Alicante germogliano precocemente, entro la prima metà di Marzo, e fioriscono generalmente nei primi dieci giorni di Maggio. La maturazione delle bacche, influenzata dal clima e dall'andamento dell'annata, determina i tempi della vendemmia che si svolge entro il mese di Settembre. Si tratta di un vitigno di buona resistenza e vigoria, capace di assicurare una produttività costante e una soddisfacente resistenza alla più diffuse malattie delle viti.

 

Vinificazione delle uve Alicante

 

I tannini decisi, gli aromi fruttati, il colore intenso dell'Alicante raggiungono i calici grazie a una vinificazione sapiente che prende il via con la macerazione delle uve. Una fase delicata che, come la fermentazione, è solitamente condotta a temperatura costante. I vini destinati al consumo immediato affinano poi in acciaio per un periodo che, in genere, non supera i 4-6 mesi. Maggiore morbidezza, carattere e complessità aromatica contraddistinguono i vini lasciati affinare in legno. Metodo a cui l'Alicante è sottoposto soprattutto quando incontra l'intensità di altre eccellenti bacche nere: Sangiovese e Syrah, Merlot e Massaretta.

 

Caratteristiche organolettiche dei vini Alicante

 

Profumi netti di frutti rossi attraversati da intriganti sentori speziati caratterizzano i vini ottenuti dalla lavorazione delle uve Alicante. Un bouquet aromatico suadente da cui emergono fragranze di ribes, more e mirtilli. Il colore rosso-rubino del vino, spesso impreziosito da riflessi viola e granata, anticipa il sorso corposo, tannico, vellutato, dominato da un'armoniosa morbidezza. La maturazione in legno restituisce vini ancor più fini e complessi, impreziositi da sentori di cacao e tabacco. Dal blend con il Sangiovese, il Merlot e il Massaretta si ottengono vini caldi, sapidi ed equilibrati, veri testimoni della potenza delle terre Mediterranee, della laboriosità dei vignaioli liguri, della grande tradizione vinicola delle Marche e della Toscana, dell'Umbria e del Veneto.

Caratteristiche del terroir ideale

Se l'Alicante è riuscito a diffondersi in così tante regioni d'Italia e del mondo è per la sua buona capacità di adattamento a climi e suoli diversi. In linea con le sue origini, non teme le estati siccitose o gli impietosi raggi del sole del Sud e ciò spiega il suo successo in regioni quali la Sardegna e la Sicilia, la Liguria e la Toscana. Predilige i substrati sabbiosi e drenanti ma si adatta bene ai suoli calcarei o argillosi e ai terreni ricchi di rocce e arenaria. Naturalmente, ogni terroir influenza il risultato del lavoro dei vignaioli e degli enologi. Il vino diviene perciò portavoce delle peculiarità del del territorio che nutre l'Alicante.

Tutti i nomi di un vitigno giramondo

La storia dell'Alicante è quella di un lungo viaggio di porto in porto, per giungere in terre ubertose capaci di offrirgli una dimora ideale. Naturalmente, ogni popolo lo ribattezzò secondo gli usi locali, facendolo proprio. Se in Toscana, in Sicilia e in Liguria mantenne il nome di Alicante, in Sardegna divenne il Cannonau, in Veneto il Tocai Rosso, nelle Marche ebbe il nome di Vernaccia Nera. Nelle terre d'Aragona da cui proviene è chiamato "Garnacho", nome simile al "Grénache" francese. Per il suo colore intenso è detto "Tinta" e "Tintella" in Andalusia e Granada. Non si esaurisce qui la lunga lista dei sinonimi di questo vitigno, tanto che alcuni ampelografi dubitano che tanti vitigni possano avere la medesima origine. Dubbi che che, almeno fino ad oggi, la maggior parte degli studi smentiscono.