Clicca e Scopri tutte le migliori offerte della settimana del Black Friday. Sconti fino al 50%

Aglianico Riserva 'Contado' Di Majo Norante 2015

Di Majo Norante
 aggiungi ai PREFERITI

Aglianico Riserva 'Contado' Di Majo Norante 2015

Aglianico Riserva 'Contado' Di Majo Norante 2015

Di Majo Norante
 aggiungi ai PREFERITI
€ 12,90 € 10,30

Avvisami quando disponibile

Valutazione media:
Gambero Rosso: 2014 - 3 bicchieri Guida Bibenda: 2015 - Guida Bibenda Guida Bibenda Guida Bibenda Guida Bibenda Veronelli: 2015 - 92/100 Wine Spectator: 2014 - 88/100 James Suckling: 2015 - 92/100 Luca Maroni: 2015 - 90/100

L'Aglianico Riserva "ContadoDi Majo Norante è un vino rosso corposo ed intenso dal colore rubino. Al naso offre un bouquet ampio e complesso con golose note speziate e tostate di cioccolato e tabacco che accompagnano aromi fruttati di mora, ciliegia e mirtillo sotto spirito. In bocca il frutto denso e consistente ritorna piacevolmente con un tannino importante, ma morbido. Buona l’acidità che, priva di spigolosità, si esprime con carattere. Un vino importante ed elegante affinato 18 mesi in piccole botti di rovere.


Classificazione: Molise D.O.C.
Uve:
100% Aglianico
Produttore: Di Majo Norante
Contenuto:
75 cl
Regione: Molise
Altitudine: 100 mt s.l.m.
Terreno: argilloso - sabbioso
Vendemmia: fine Ottobre - Novembre
Vinificazione: tradizionale, con macerazione a contatto con le bucce per circa 1 mese
Fermentazione malolattica: completamente svolta
Affinamento: parte in botti di rovere di medio e piccolo taglio per 18 mesi e parte in vasca d’acciaio – 6 mesi in bottiglia
Gradazione alcolica: 13,5% vol.

Caratteristiche dell'Aglianico Contado Di Majo Norante

Espressivo e intenso, il vino rosso Aglianico Contado Riserva Molise DOC Di Majo Norante è un viaggio alla scoperta della tradizione vitivinicola molisana. La produzione di vini di gran pregio ebbe inizio già in età romana, proseguendo costantemente fino ai nostri giorni. La DOC Molise, creata alla fine degli anni '90, è sinonimo di tipicità e di qualità artigianale. Criteri a cui si ispira la cantina Di Majo Norante, da sempre impegnata nella selezione di vitigni capaci di dare il meglio nell'habitat molisano.
vigneti aziendali si estendono nel territorio di Campomarino, a pochi km dall'Adriatico e dalle sue salubri brezze. Il terroir, argilloso e sabbioso, e il clima mite sono condizioni ideali per la coltivazione dell'Aglianicovitigno portato sulle coste italiane dai coloni Greci in tempi antichissimi. Criteri biologici di allevamento ne esaltano le peculiarità, ponendo la qualità innanzi alla resa. Macerando sulle bucce, il vino ne acquisisce il colore rosso intenso e gli aromi netti e fruttati. Il lungo affinamento in botti di legno, donando al vino morbidezza e armonia, gli merita la menzione "Riserva".
L'Aglianico Contado Riserva Molise DOC Di Majo Norante si apre al naso con suadenti sentori di frutti maturitabaccocioccolato. Una complessità che conquista il palato, lo avvolge armoniosamente, comunicando grande personalità. È un vino vellutato e corposo, perfetto per accompagnare il gusto deciso della selvaggina e delle carni in umido, sia bianche che rosse. Ama i primi piatti conditi con sughi saporiti, i salumi e i formaggi stagionati.

Regione: Italia - Molise

Cantina: Di Majo Norante  aggiungi ai PREFERITI

Vitigni: Aglianico

Denominazione: Molise D.O.C.

Lo sapevi che:

Cenni storici: l’Aglianico un vitigno antico, probabilmente originario della Grecia e introdotto in Italia intorno al VII-VI secolo a.C. Una delle tante testimonianze della sua lunga storia è il ritrovamento dei resti di un torchio romano nella zona di Rionero in Vulture, provincia di Potenza. Non ci sono certezze sulle origini del nome, che potrebbero risalire all'antica città di Elea (Eleanico), sulla costa tirrenica della Campania, o essere più semplicemente una storpiatura della parola Hellenico (per l’origine della Grecia). Testimonianze storico-letterarie sulla presenza di questo vitigno si trovano in Orazio, che cantò le qualità della sua terra natia Venosa e del suo ottimo vino. Il nome originario (Elleanico o Ellenico) divenne Aglianico durante la dominazione aragonese nel corso del XV secolo, a causa della doppia “L” pronunciata “gli” nell'uso fonetico spagnolo.