La degustazione parte 2: colore ed intensità

La degustazione parte 2: colore ed intensità

Questo pezzo segue da La Degustazione: guardare il vino. Parlavamo dunque di tonalità e limpidezza, intesa come assenza di particelle solide in sospensione nel vino, o addirittura come capacità del vino stesso di riflettere la luce. E’ un elemento importante, che tuttavia è meno vincolante rispetto ad alcuni anni fa. Oggi infatti è comune trovare vini non filtrati per precisa scelta del produttore; infatti evitando i processi di filtrazione e/o chiarifica, il produttore opera una precisa scelta che influirà radicalmente sull’aspetto visivo della degustazione del vino. Questi concetti li lasciamo ad un prossimo pezzo, per ora limitiamoci a constatare che un vino leggermente torbido può non essere difettoso bensì... cercato.

Concentriamoci invece, nella nostra degustazione, sulla tonalità del colore e sulla sua carica. Una corretta degustazione prende infatti in esame questi aspetti del vino. La tonalità dei vini rossi va dal rosso violaceo fino al color aranciato dei vini molto vecchi, e cambia in funzione di due elementi principali: il vitigno e il tempo. Partiamo dal secondo, il passare degli anni provoca nel vino reazioni chimiche continue, ricordiamoci che il vino è vivo anche dopo essere stato imbottigliato. Queste mutazioni fanno si che il colore passi da uno spettro più freddo (il viola) ad uno spettro più caldo (il rosso mattone), inoltre fanno si che parte delle molecole coloranti si leghino con altre molecole presenti nel vino e, diventate pesanti, precipitino in forma solida verso il fondo. Ecco che un vino più vecchio avrà fondo e meno colore.

Anche il vitigno dice la sua però. Va attribuito al vitigno il punto di partenza, potremmo dire, del colore. Mi spiego meglio, se il colore di un vino giovane è tendenzialmente più carico e freddo, del colore che lo stesso vino avrà diversi anni dopo, è anche vero che non tutti i vini hanno la stessa tonalità di partenza. Infatti un vino a base nebbiolo, anche molto giovane, presenterà un colore granato, che poi col tempo andrà a stemperare e a prendere sfumature sempre più mattonate. Una lacrima di Morro d’Alba al contrario, avrà un bel colore violaceo in gioventù e nonostante gli anni le faranno perdere vitalità e intensità, e faranno virare il colore verso tonalità più calde, difficilmente arriverà ad un color rosso aranciato. In sostanza se la curva di evoluzione è sicuramente uguale per ogni vino, il vitigno determina il punto cromatico in cui ogni vino nasce. Anche l’intensità del colore dipende dal vitigno, il Pinot nero, per fare un esempio, è generalmente molto scarico di colore.
Abbiamo parlato finora di vini rossi, i bianchi invece? I vini bianchi si comportano all’esatto contrario ... quasi. Alla degustazione noteremo che il colore tenderà a scurirsi col tempo e non a sbiadire, però anche questa tipologia vedrà la tonalità passare da colori più freddi a colori più caldi. Di nuovo il vitigno sancirà il colore di partenza di ogni vino. La Ribolla Gialla ed il Gewurztraminer, ad esempio, presentano un colore giallo paglierino intenso anche se govanissimi
Affrontato lo spettro cromatico, nella prossima puntata completeremo la parte visiva della nostra degustazione.

Se vuoi seguire il mio blog con tutti i miei articoli ==>clicka qui<==
Di seguito trovi un breve elenco ed il relativo link:
Ricordando Mario Soldati: Montevecchia
Un vitigno mediterraneo: il Vermentino
Tanto vino da fare girare la testa: il Veneto
Frutti e profumi di Sicilia
Marche: una pubblicità vera
Toscana: il Sangiovese
Piemonte: dialogo improbabile tra Barbera e Nebbiolo
Il Friuli ed i suoi grandi vini
Dieci Millenni di Vino parte 2
Dieci Millenni di vino parte 1
Montalcino. quando il vino fa economia
Tre buoni motivi per bere Lambrusco
Montalcino: quando il vino fa economia
L'Amarone. In principio fu Recioto
Gewurztraminer: l'uva di Termeno cresciuta in Alsazia
Collio: DOC inter ...statale
Sua Maestà il Barolo
Bolgheri: Cipressi e Vino
Lugana: un vino da scoprire
Bortolomiol: Prosecco da tre Secoli
C'è Prosecco e ... Cartizze
Hofstatter: l'importanza della vigna
Ca' del Bosco. L'arte del vino
Il successo di Bellavista: ottimo vino, idee e marketing
Il Marsala tra storia e mito parte 2
Il Marsala tra storia e mito parte 1
Discussione "alta" sulla mineralità del vino
Tre falsi miti sul vino ed una verità
Uva e Nuraghi. I grandi rossi di Sardegna
Uva e Nuraghi. I grandi bianchi di Sardegna
Il caso Gaja e quanto vale una DOP (o DOCG)
Trento DOC
La vita della vite
La sequenza dei vini a tavola
I profumi del vino

La giusta temperatura
Geografia del vino: le Langhe
Come conservare un vino

Tappi, tappi, tanti tappi ...
La degustazione parte 1: guardare un vino
La degustazione parte 2: colore ed intensità
La degustazione parte 3: la densità
La degustazione parte 4: prima di berlo ... annusiamolo
La degustazione parte 5: il Vino all'assaggio
La degustazione parte 6: la strana bilancia
La degustazione parte 7: lo stato evolutivo
Un passito è sempre un vino dolce?
Ad un piatto orientale, quale vino abbinare?
Il Pinot Nero ed il decanter
Bollicine a pasto? Certo che SI


Iscriviti alla newsletter

Nome:
E-mail:
Informativa sul trattamento