BLOG  

Elenco di tutti le Cantine

Casale del Giglio

 aggiungi ai PREFERITI

Casale del Giglio

Casale del Giglio è stata fondata nel 1967 dal Dr. Berardino Santarelli e si trova nell’Agro Pontino in località Le Ferriere (comune di Aprilia) in Provincia di Latina. Circa 50 Km a Sud di Roma.
Questo territorio rappresentava, rispetto ad altre zone del Lazio e di altre regioni d’Italia, -un ambiente tutto da esplorare dal punto di vista vitivinicolo.

Per questa ragione nel 1985 si diede vita al progetto di ricerca e sviluppo “Casale del Giglio”, autorizzato dall’Assessorato all’Agricoltura della Regione Lazio. Collaborano tuttora a questa iniziativa l’Istituto di Coltivazioni Arboree dell’Università di Milano, l’Istituto Sperimentale per la Viticoltura di Conegliano (Treviso) e l’Istituto Agrario Provinciale San Michele all’Adige (Trento) da cui proviene l’enologo dell’azienda, Paolo Tiefenthaler.

I modelli di coltivazione viticola ai quali si sono ispirate queste ricerche sono quelli praticati a Bordeaux, in Australia ed in California, che sono territori esposti all’influenza della costa, esattamente come l’Agro Pontino, che beneficia dell’influenza del Mar Tirreno.

Secondo la filosofia di Casale del Giglio, «lo sviluppo futuro della vitivinicoltura Italiana non risiede solamente nel consolidamento dell’immagine di zone dalla grande tradizione, ma anche nel raggiungimento, attraverso opportune scelte viticole ed enologiche, di produzioni di alto livello, caratterizzate dal giusto rapporto qualità-prezzo, in territori ancora poco conosciuti dal punto di vista del loro potenziale qualitativo viticolo ed enologico».
I risultati di queste ricerche sono stati convalidati dalla Comunità Europea con l’autorizzazione alla coltivazione in provincia di Latina, a partire dal 1990, di nuovi vitigni raccomandati come lo Chardonnay, il Sauvignon, il Syrah, il Petit Verdot, il Cabernet Sauvignon e, successivamente, di altri.

Ad oggi Casale del Giglio ha provveduto a riconvertire a filare tutti i suoi 150 ettari di vigneto e ad introdurre nuove varietà caratterizzate dall’alto grado di interazione qualitativa con il Territorio. L’attuale produzione dell’azienda Casale del Giglio offre una gamma di 17 prodotti (bianchi, rosati e rossi, una Vendemmia Tardiva e tre grappe).

Accanto alla viticoltura, l’azienda segue da tempo il Progetto archeologico di Satricum, in collaborazione con l’Università di Amsterdam ed i Comuni di Latina, Aprilia e Nettuno. Gli scavi hanno consentito l’individuazione della “Via Sacra”, che conduceva al Tempio della dea Mater Matuta ed il ritrovamento di un calice in ceramica usato per il vino risalente al V secolo a.C.

STORIA DEGLI SCAVI
La storia degli scavi di Satricum inizia nel 1896 quando il francese Hector Graillot scoprì sulla collina di Le Ferriere i resti del tempio dedicato alla dea Mater Matuta. Fino al 1898 si intraprese una lunga campagna di scavo sotto la guida di archeologi italiani.
Vennero portati alla luce molti reperti, che furono affidati al Museo di Villa Giulia in Roma. Non si fece più nulla fino al 1907- 1910 quando ricominciarono gli scavi. Attorno al 1975 il Comitato per l’Archeologia del Lazio chiese all’Istituto Olandese di Roma di occuparsi della ricerca archeologica di Satricum. Da allora gli archeologi olandesi hanno ottenuto importantissimi risultati, come la scoperta del Lapis Satricanus, una base di pietra con un’iscrizione in latino arcaico databile tra il 525 e il 500 a.C. Dal 1990 gli scavi vengono curati dall’Università di Amsterdam, sotto la responsabilità di Marijke Gnade


Cantina Casale del Giglio


Vai all'elenco di tutte le Cantine disponibili su Wine Point