BLOG  

Storia, curiosità e segreti dello Spritz

Storia, curiosità e segreti dello Spritz

L’origine dello spritz come aperitivo non è certa, ma sembra che derivi dall’uso dei militari austriaci (d'istanza in Veneto ed in Friuli durante la dominazione asburgica a cavallo tra il ‘700 e l‘800 ) di allungare il vino veneto con l’acqua per abbassare il tenore alcolico. I vini veneti, troppo alcolici per i palati austriaci abituati a vini più leggeri, venivano allungati con acqua frizzante o selz. Il termine “spritz” si pensa infatti che derivi dal verbo austriaco “spritzen” che significa infatti “spruzzare”, quasi a mimare il gesto del versare acqua frizzante.
Lo spritz come cockatil (come lo conosciamo noi oggi) nasce invece intorno al 1920 – 1930 in Veneto nell’area compresa tra Padova e Venezia, unendo al vino ed all’acqua frizzante l’Aperol che fu presentato proprio alla fiera di Padova proprio nel 1919. Diventa sempre più famoso ed acquista grande popolarità, in particolare nel Nord Italia, a partire dagli anni ’70 per poi raggiungere una fama europea a partire dal 2008 tanto da venire inserito negli elenchi dell’IBA (International Bartenders Association).



La ricetta originale consiste nell’utilizzo di vino bianco o Prosecco (in particolare a Treviso e Padova), aggiunta di Aperol (esistono varianti anche col Campari), acqua o seltz, tre cubetti di ghiaccio con una fettina d’arancia. Ogni barista ha una sua ricetta che conserva gelosamente per realizzare uno Spritz unico. Lo si prepara solitamente in un calice con aggiunta di decorazioni che lo rendono sempre più elegante e raffinato. Pronto così ad accompagnare i classici stuzzichini o i più elaborati finger food degli apericena.

Il segreto della buona riuscita di questo aperitivo è la qualità della sua base alcolica, ossia la scelta di un buon vino bianco o Prosecco. Nel Friuli è solitamente preparato col Friulano, nel Veneto col Prosecco e nella zona del bresciano lo Spritz nasce con il Franciacorta Brut: ognuno tende a personalizzarlo e renderlo tipico.

La ricetta dello Spritz.

Dopo aver parlato della storia e dell’origine dello Spritz accenniamo ora a come prepararlo.
Chiariamo subito che ci sono due “filosofie di pensiero” o forse è meglio dire due ricette: la ricetta più antica o tradizionale che prevede l’utilizzo di Aperol, vino bianco e selz e la ricetta più “moderna” che ha come ingredienti  Aperol, Prosecco e selz.

Ecco le ricette
Ricetta tradizionale:
mettere subito il ghiaccio nel bicchiere e riempirlo con 1/3 di Aperol, 1/3 di vino bianco ed 1/3 di selz. Decorare il cocktail con un una o due fettine di arancia.

Ricetta moderna:
come le prima si inizia con il ghiaccio nel bicchiere a cui si aggiunge 2/5 di Aperol, 3/5 di Prosecco (possibilmente un Valdobbiadene DOCG Extra Dry) ed una spruzzata di selz. Decorare con 2 fette di arancia e bere subito.

Il nostro consiglio per rendere lo Spritz unico: berlo assolutamente in buona compagnia chiacchierando piacevolmente. Lo spritz ci aiuterà a rilassarci mentre la compagnia e le chiacchiere renderanno bello il momento. Una volta terminato lo spritz …. Continuare a chiacchierare!



Per scoprire tutti gli articoli del nostro blog ==> clicca qui <==
Ecco un breve elenco degli articoli del nostro blog:
Il Barone Bettino Ricasoli ed il Chianti
Vino in cambio di libertà
Il Pinot Nero e l'Alto Adige
Cabernet a Barbaresco? Si vergogni!
Viticoltura Eroica. Costa d'Amlfi DOC
Sa di Tappo!!
Piemonte e Borgogna, due storie di successo con tante analogie
Perchè il Gallo Nero è il simbolo del Chianti Classico?
Vino e Tartufo
Che vino abbinare alla pizza? Ecco i nostri consigli
Le origini della pasta alla carbonara ed un suggerimento sul vino da abbinare
Che vino abbinare ai pizzoccheri
Stelvin (tappo a vite) o tappo in sughero
Storia, curiosità e segreti dello Spritz
Un brindisi con il gatto
Il vino elisir di giovinezza
Il vino nella preparazione dei piatti
Il Vino e l'alimentazione Vegan
Vino e Sushi
Come servire e bere lo Champagne e le bollicine
Come si produce lo Champagne parte 4: invecchiamento, remuage, degorgement e dosaggio
Come si produce lo champagne parte 3: la presa di spuma con la seconda fermentazione
Come si produce lo champagne parte 2: l'arte dell'assemblaggio o blending
Come si produce lo champagne parte 1: prima fermentazione alcolica
Come è nato lo Champagne: una grande Storia
La Leggenda dell'Aeroplan Servaj. Barolo Aeroplanservaj Domenico Clerico
Dal vino all'uva. I lieviti
Il vino come medicinale in epoca antica
La domanda di vino nell'Antica Grecia
Il Metodo Champenoise o Metodo Classico
I vini muffati. La botrytis cinerea
Il Vino nella storia
Il Mito dei miti: il Sassicaia
Foto di persone dopo il primo ... secondo e terzo bicchiere di vino
Vinificare in rosato
Come fare i brindisi in varie lingue … ricordando che in giapponese “chinchin” (si pronuncia cin cin) vuol dire “ca . . o”
Mario Soldati. "Vino al vino"
Franciacorta. Origine del nome
Perchè i grandi Cru sono spesso chiamati "Sant'Urbano"?
Come fare i fighi ad una degustazione tra amici

Articoli suggeriti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Carica un nuovo codice
Inserisci il codice che leggi qui sopra: