BLOG  

I Profumi del vino

I Profumi del vino

Tutti amiamo i vini profumati, è bello immergere il naso nel bicchiere e ricavarne aromi multiformi e spesso ben distinti. Dalle classiche note fruttate, ai sentori più eterei e sofisticati, ogni vino esprime un carattere ben preciso già dalla prima olfazione. Tutti questi profumi insieme, formano il così detto bouquet del vino. Non tutti però, conoscono come si formano i profumi che il vino poi racchiude in se, spesso questa mancanza di conoscenza genera incredulità, in chi ascolta una degustazione fatta da un Sommelier.
Occorre premettere che molti Sommelier si lasciano prendere la mano, lanciandosi in descrizioni olfattive, che con i reali profumi del vino ben poco hanno a che fare. Non fanno onore alla categoria, ma non sono la maggioranza, soprattutto non giustificano la diceria, secondo la quale i Sommelier hanno solo molta fantasia.
Il vino ha davvero in se molti profumi, profumi che nell’uva non sono presenti, per la maggior parte almeno. Questi profumi gli arrivano dopo e non c’è nulla di artificiale, nessuna polverina magica, nessuna pratica scorretta di cantina.
Avviene semplicemente che, durante la fermentazione alcoolica, molte molecole di sostanze presenti nell’uva si smontano e rimontano con strutture diverse da quelle originarie.
Perdonate la spiegazione tecnica data da chi, l’avrete capito, non ha studiato molta chimica in vita sua, tuttavia quello che avviene è proprio questo.
La fermentazione, operata dai lieviti, che consumano zuccheri e producono alcool e anidride carbonica, in realtà non fa solo questo. Durante il processo fermentativo avvengono molteplici alterazioni del mosto, compresa la formazione di molecole odorose, leggere e pertanto volatili, che poi saranno trasportate dall’alcool, che fa da vettore, come per i normali profumi.
Se un vino sa di pesca dunque, non dipende dal fatto che la vite fosse piantata vicino ad un pesco. Dipende in realtà da molecole dell’uva che, scomposte e ricomposte, assumono conformazioni simili a quelle odorose della pesca.
La maggior parte dei profumi del vino si forma in questa fase. Questi profumi vengono detti secondari. Secondi perché ne esistono di primari, ovvero quelli che il vino prende direttamente dall’uva, cioè molecole odorose presenti tali quali nell’uva, nel mosto e poi nel vino. I vini che posseggono tali caratteristiche sono detti aromatici e sono quattro: il Gewurztraminer, il Moscato, le Malvasie e il Brachetto. Questi quattro vitigni e i relativi vini, che da essi vengono prodotti, avranno delle caratteristiche inconfondibili, sempre uguali e dette proprio varietali, perché dipendono appunto dalla varietà dell’uva.
Esistono profumi primari, secondari, e infine terziari. Sono quei profumi che il vino prende durante l’affinamento e dipendono sostanzialmente da due variabili: il contenitore nel quale il vino affina, ad esempio dal legno delle botti, che cede aromi al vino, e in secondo luogo, dagli anni che passano, perché alcuni profumi sono prodotti autonomamente dal vino, ma solo a seguito di lunghissimi invecchiamenti. Sono questi i sentori eterei, di smalti e vernici, di idrocarburi e di note tartufate, che spesso caratterizzano i vini più evoluti; sono profumi che possono sembrare spiacevoli e che invece, generalmente, sono di una grandissima eleganza.
Il consiglio per l’assaggio di oggi è immediato, un bel vino ricco di profumi come il Gewurztraminer: Joseph Gewurztraminer Alto Adige DOC Hofstatter, Auratus Gewurztraminer Alto ADige DOC Ritterhof, Nussbaumer Gewurztraminer Alto Adige DOC Tramin.

Se vuoi seguire il mio blog con tutti i miei articoli ==>clicka qui<==
Di seguito trovi un breve elenco ed il relativo link:
Ricordando Mario Soldati: Montevecchia
Un vitigno mediterraneo: il Vermentino
Tanto vino da fare girare la testa: il Veneto
Frutti e profumi di Sicilia
Marche: una pubblicità vera
Toscana: il Sangiovese
Piemonte: dialogo improbabile tra Barbera e Nebbiolo
Il Friuli ed i suoi grandi vini
Dieci Millenni di Vino parte 2
Dieci Millenni di vino parte 1
Montalcino. quando il vino fa economia
Tre buoni motivi per bere Lambrusco
Montalcino: quando il vino fa economia
L'Amarone. In principio fu Recioto
Gewurztraminer: l'uva di Termeno cresciuta in Alsazia
Collio: DOC inter ...statale
Sua Maestà il Barolo
Bolgheri: Cipressi e Vino
Lugana: un vino da scoprire
Bortolomiol: Prosecco da tre Secoli
C'è Prosecco e ... Cartizze
Hofstatter: l'importanza della vigna
Ca' del Bosco. L'arte del vino
Il successo di Bellavista: ottimo vino, idee e marketing
Il Marsala tra storia e mito parte 2
Il Marsala tra storia e mito parte 1
Discussione "alta" sulla mineralità del vino
Tre falsi miti sul vino ed una verità
Uva e Nuraghi. I grandi rossi di Sardegna
Uva e Nuraghi. I grandi bianchi di Sardegna
Il caso Gaja e quanto vale una DOP (o DOCG)
Trento DOC
La vita della vite
La sequenza dei vini a tavola
I profumi del vino

La giusta temperatura
Geografia del vino: le Langhe
Come conservare un vino

Tappi, tappi, tanti tappi ...
La degustazione parte 1: guardare un vino
La degustazione parte 2: colore ed intensità
La degustazione parte 3: la densità
La degustazione parte 4: prima di berlo ... annusiamolo
La degustazione parte 5: il Vino all'assaggio
La degustazione parte 6: la strana bilancia
La degustazione parte 7: lo stato evolutivo
Un passito è sempre un vino dolce?
Ad un piatto orientale, quale vino abbinare?
Il Pinot Nero ed il decanter
Bollicine a pasto? Certo che SI
Come nasce uno spumante

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Carica un nuovo codice
Inserisci il codice che leggi qui sopra: