Scopri tutti i Vini Premiati con i 3 Bicchieri del Gambero Rosso

Un passito è sempre un vino dolce?

Un passito è sempre un vino dolce?

Un passito è un vino dolce. Quando al ristorante ordiniamo un passito, a fine pasto o in abbinamento ad un dessert, ci portano un vino dolce. Perciò passito deve essere sinonimo di vino dolce. Tutto perfettamente falso. In realtà il termine passito indica una caratteristica dell’uva al momento della spremitura (vinificazione). Difatti passito, abbreviazione del participio di appassire, indica semplicemente che le uve vinificate erano appassite.
Le domande che sorgono a questo punto, sono almeno due, la prima: come mai allora l’appassimento delle uve, quindi un vino passito, corrisponde quasi sempre ad un vino dolce?
La seconda: a quale scopo appassire le uve, se questo di per sé non garantisce un vino dolce? Infine una terza domanda: come fare allora a fare un vino dolce?



Partiamo dalla prima domanda e partiamo da quel “quasi sempre”. Esistono infatti vini secchi ottenuti da uve appassite, quindi teoricamente passito, che non sono vini dolci. Amarone della Valpolicella, Sforzato di Valtellina vi dicono niente? Ebbene questi illustri alfieri del vino italiano, grandi e rinomati vini rossi, sono dei passiti, ovvero vini ottenute da uve sottoposte ad appassimento prima di essere vinificate.
Provare per credere, come esemp riporto 2 link ad una selezione di Amarone e di Sforzato (o Sfursat)
Perché allora appassire le uve? la risposta alla seconda domanda è semplice e immediata: per concentrarle; ovvero per ridurre l’acqua all’interno dell’acino e conseguentemente aumentare, in proporzione, le altre sostanze, tra cui ad esempio gli zuccheri. Lo stesso quantitativo di zucchero, diluito in una minor quantità d’acqua, è percentualmente maggiore.
Torniamo ora alla prima domanda, alla quale in verità non abbiamo ancora risposto compiutamente. Alcune eccezioni, seppur illustri, non confutano infatti la norma, ovvero che un vino passito sia quasi sempre un vino dolce. Sveliamo dunque l’arcano e rispondiamo anche alla terza domanda. Per ottenere un vino dolce è necessario bloccare la fermentazione, perché la fermentazione trasforma zucchero in alcool ed anidride carbonica, se questa non viene fermata tutto lo zucchero verrà trasformato in alcool, con il risultato che vini ottenuti da uve appassite, cui non è stata interrotta la fermentazione, avranno un grado alcoolico maggiore (più zucchero = più alcool) ma saranno comunque dei vini secchi.
Il vino passito dolce, è invece un vino cui sono state concentrate le uve, per garantire comunque il raggiungimento di un certo grado alcoolico, nonostante la fermentazione venga interrotta. Il vino passito dolce italiano più famoso e probabilmente anche il più apprezzato è il Passito di Pantelleria "Ben Ryé" della cantina Donnafugata.
Appassire non è dunque necessario a rendere un vino dolce, risultato garantito invece dall’interruzione della fermentazione; appassire garantisce solo che, nonostante questa interruzione, si raggiunga comunque un grado alcoolico accettabile, in quanto il potenziale alcoolico dato dallo zucchero, dopo l’appassimento, è notevolmente aumentato.



Se vuoi seguire il mio blog con tutti i miei articoli ==>clicka qui<==
Di seguito trovi un breve elenco ed il relativo link:
Ricordando Mario Soldati: Montevecchia
Un vitigno mediterraneo: il Vermentino
Tanto vino da fare girare la testa: il Veneto
Frutti e profumi di Sicilia
Marche: una pubblicità vera
Toscana: il Sangiovese
Piemonte: dialogo improbabile tra Barbera e Nebbiolo
Il Friuli ed i suoi grandi vini
Dieci Millenni di Vino parte 2
Dieci Millenni di vino parte 1
Montalcino. quando il vino fa economia
Tre buoni motivi per bere Lambrusco
Montalcino: quando il vino fa economia
L'Amarone. In principio fu Recioto
Gewurztraminer: l'uva di Termeno cresciuta in Alsazia
Collio: DOC inter ...statale
Sua Maestà il Barolo
Bolgheri: Cipressi e Vino
Lugana: un vino da scoprire
Bortolomiol: Prosecco da tre Secoli
C'è Prosecco e ... Cartizze
Hofstatter: l'importanza della vigna
Ca' del Bosco. L'arte del vino
Il successo di Bellavista: ottimo vino, idee e marketing
Il Marsala tra storia e mito parte 2
Il Marsala tra storia e mito parte 1
Discussione "alta" sulla mineralità del vino
Tre falsi miti sul vino ed una verità
Uva e Nuraghi. I grandi rossi di Sardegna
Uva e Nuraghi. I grandi bianchi di Sardegna
Il caso Gaja e quanto vale una DOP (o DOCG)
Trento DOC
La vita della vite
La sequenza dei vini a tavola
I profumi del vino

La giusta temperatura
Geografia del vino: le Langhe
Come conservare un vino

Tappi, tappi, tanti tappi ...
La degustazione parte 1: guardare un vino
La degustazione parte 2: colore ed intensità
La degustazione parte 3: la densità
La degustazione parte 4: prima di berlo ... annusiamolo
La degustazione parte 5: il Vino all'assaggio
La degustazione parte 6: la strana bilancia
La degustazione parte 7: lo stato evolutivo
Un passito è sempre un vino dolce?
Ad un piatto orientale, quale vino abbinare?
Il Pinot Nero ed il decanter
Bollicine a pasto? Certo che SI

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Carica un nuovo codice
Inserisci il codice che leggi qui sopra: