Geografia del Vino: il Prosecco

Geografia del Vino: il Prosecco

E dopo aver parlato del Metodo Classico e del Metodo Charmat, affrontiamo ora la geografia dei vitigni italiani. Tanto per restare in tema partiamo dal vitigno per eccellenza sinonimo di bollicine: il Prosecco

In periodo di feste, in particolare con riferimento all’ultimo giorno dell’anno, il consumo di spumante lievita e raggiunge il suo picco commerciale. E’ un peccato perché i vini spumante sono certamente buoni tutto l’anno, non è il caso di rammaricarsene, meglio unirsi ai brindisi e sollevare i nostri calici.
Da un paio d’anni almeno, l’Italia è il primo paese esportatore di spumante al mondo. Il vino spumante più prodotto in Italia è il Prosecco.
Le zone di produzione principali sono quella dei Colli Asolani, prevalentemente verso est, e la zona di Conegliano e Valdobbiadene, una quindicina di comuni compresi tra le due città. Entrambe queste aree si collocano a nord di Treviso e rappresentano l’eccellenza del Prosecco. Tutta la Marca trevigiana e non solo, è però interessata alla produzione del Prosecco, che può nascere infatti in larga parte del Veneto e in tutto il Friuli.

In tutta questa zona decisamente vasta si produce il famoso Prosecco, un nome che ormai è diventato sinonimo di spumante. Tuttavia va ricordato che Prosecco è un uva, una varietà autoctona locale, correttamente chiamata Glera, che assume però svariati nomi, tra i quali il più noto è proprio Prosecco.  E’ una varietà bianca dotata di discreta acidità e ricca di profumi. Profumi che infatti troviamo anche nel Prosecco, con note incentrate sulla frutta a polpa bianca, pera e mela in particolare.
Proprio per sfruttare la caratteristica aromatica del vitigno, per la spumantizzazione viene utilizzato il metodo Charmat, che garantisce la preservazione dei profumi primari dell’uva, molto più del metodo Champenoise, che al contrario conferisce profumi e sentori propri, derivati dalla spumantizzazione stessa.
Anche lo spumante Prosecco ha una classificazione in relazione al tenore zuccherino, nel suo caso però sono generalmente prodotte solo le tipologie Brut, Extra-Dry e Dry, indicate qui dalla più secca alla più dolce. Mentre per altri vini spumante è il secco che va per la maggiore, nel caso del Prosecco la categoria più gettonata è l’Extra-Dry, leggermente abboccato, grazie alla parte di zucchero residuo, che gli regala una piacevole morbidezza e una facilità di beva estrema. (da provare: Senior  Prosecco Millesimato Valdobbiadene DOCG Extra Dry Cantina Bortolomiol).

Il miglior momento per un Prosecco è forse l’aperitivo, quando freschezza, fragranza e facilità di beva sono qualità utilissime e generalmente apprezzate; non vanno esclusi però abbinamenti a piatti veri e propri, certamente escludendo quelli più strutturati, perché il Prosecco in quanto a struttura non è un campione.
Un’ultima nota, se è vero che Prosecco è la bollicina più esportata al mondo, è anche vero che il Prosecco non è solo un vino spumante, possono infatti trovarsi sul mercato bottiglie di Prosecco frizzante, ovvero con una pressione interna molto bassa, che lo annovera nella categoria vini frizzanti e non in quella degli spumante, oppure addirittura fermo, in questo caso è detto Prosecco tranquillo.

Se vuoi scoprire qualcosa di più sui diversi Metodi per produrre le bollicine, clicka qui

Di seguito i link per scoprire i dversi tipi di prosecco

Prosecco Valdobbiadene DOCG
Prosecco Treviso DOC
Prosecco superiore di Cartizze
Prosecco Extra Dry
Prosecco Brut

Se vuoi seguire il mio blog con tutti i miei articoli ==>clicka qui<==
Di seguito trovi un breve elenco ed il relativo link:
Hofstatter: l'importanza della vigna
Ca' del Bosco. L'arte del vino
Il successo di Bellavista: ottimo vino, idee e marketing
Il Marsala tra storia e mito parte 2
Il Marsala tra storia e mito parte 1
Discussione "alta" sulla mineralità del vino
Tre falsi miti sul vino ed una verità
Uva e Nuraghi. I grandi rossi di Sardegna
Uva e Nuraghi. I grandi bianchi di Sardegna
Il caso Gaja e quanto vale una DOP (o DOCG)
Trento DOC
La vita della vite
La sequenza dei vini a tavola
I profumi del vino

La giusta temperatura
Geografia del vino: le Langhe
Come conservare un vino

Tappi, tappi, tanti tappi ...
La degustazione parte 1: guardare un vino
La degustazione parte 2: colore ed intensità
La degustazione parte 3: la densità
La degustazione parte 4: prima di berlo ... annusiamolo
La degustazione parte 5: il Vino all'assaggio
La degustazione parte 6: la strana bilancia
La degustazione parte 7: lo stato evolutivo
Un passito è sempre un vino dolce?
Ad un piatto orientale, quale vino abbinare?
Il Pinot Nero ed il decanter
Bollicine a pasto? Certo che SI
Come nasce uno spumante


Iscriviti alla newsletter

Nome:
E-mail:
Informativa sul trattamento