BLOG  

Vodka

La Vodka, una tra le bevande alcoliche più consumate al mondo, è l’acquavite nazionale di Polonia e Russia. Un distillato ottenuto da ingredienti ricchi di amido, come le patate, usate solo parzialmente, e i cereali quali segale o frumento ma anche orzo e mais, impiegati perfino nella produzione di alcuni tipi di vodka di origine giapponese.
La storia vuole che sia stato proprio il chimico russo Dmitrij Ivanovič Mendeleev, l’inventore della tavola periodica, a stilare le norme tecniche per la produzione della vodka e a stabilire la sua gradazione a 40°. Ma è noto anche che i paesi scandinavi e la Finlandia hanno altresì una lunga tradizione nella produzione di una vodka davvero singolare nel suo genere, e voi l’avete mai provata liscia?




  • Vodka Ultra Premium Christiania cl 70  aggiungi ai PREFERITI

    Cantina: Christiania, Tipologia: Vodka

    € 59,30 € 47,50
    Q.tà  
     
  • Vodka Coffey Nikka - cl 70 - con astuccio  aggiungi ai PREFERITI

    Regione: Giappone, Cantina: Nikka, Tipologia: Vodka

    € 60,70 € 42,00
    Q.tà  
     


VODKA. Storia e caratteristiche

La Vodka è un distillato famoso in Polonia e in Russia dove di distillerie ce ne sono migliaia, anche se bisogna dire che la Vodka viene prodotta ormai in quasi tutti i paesi dell’Est, del Nord Europa e non solo. Fu Napoleone che dopo averla assaggiata, durante la campagna di Russia nel 1812, la portò in Europa dove oggi viene impiegata perlopiù per creare cocktail e long drink come il Bloody Mary o il Moscow Mule per citare solo alcuni dei più famosi.

La parola Vodka deriva da Voda che nella lingua russa significa “acqua”, proprio per il suo colore trasparente e limpido che la ricorda, la Vodka si produce però con l’utilizzo di diverse materie prime ricche di amido, soprattutto cereali, dai quali si ottengono le migliori, mentre i tuberi, in particolare le patate, sono utilizzati parzialmente.
In Polonia ad esempio viene impiegata molto la segale, in Russia invece segale e frumento ma anche avena e orzo.

Come si produce la Vodka?

Gli ingredienti vengono tritati grossolanamente e lasciati macerare in acqua per alcune ore. Il mosto ottenuto è gradualmente riscaldato sino alla bollitura per ottenere un liquido denso e zuccherino. Dopo una filtrazione il mosto viene fatto fermentare e solo successivamente si passa alla distillazione. Solitamente la distillazione avviene con alambicchi a colonna, il distillato viene poi filtrato su sabbia quarzifera o carboni per raggiungere la massima purezza e per trattenere alcune sostanze che darebbero al distillato gusti altrimenti anomali. Prima dell’imbottigliamento si riduce il grado alcolico del distillato al 40%.
La Vodka non viene prodotta soltanto in Russia o in Polonia ma esistono numerose realtà produttive in Francia ma anche in Giappone, negli Stati Uniti, Hawaii e Messico, oppure in Nuova Zelanda e Canada ma anche in Italia e nei paesi scandinavi, in Norvegia, Svezia o Finlandia, lì dove la Vodka è diventata un vero e proprio fenomeno.

Come degustare la Vodka?

Solitamente versata in bicchieri ghiacciati a -18°C e viene accompagnata da frutta, oppure lime e cetrioli. L’ideale però sarebbe servirla a 7-8°C per poterne apprezzare al meglio tutta la sua aromaticità. Solitamente è accompagnata con caviale o salmone oppure aringhe marinate o affumicate.