Vendemmia 2017

Vendemmia 2017

Un’annata davvero strana quella che ci apprestiamo a concludere con la vendemmia 2017. Tutti ricordiamo il gran caldo che ci ha assillato da maggio a pochi giorni fa e che, nelle regioni meridionali ancora persiste.
In realtà il primo fattore determinante non sono state le alte temperature, bensì il freddo: ad aprile, dopo qualche settimana di caldo anticipato, che aveva fatto partire il germogliamento della vite in maniere tanto vigorosa quanto precoce, un’ondata di gelo ha attraversato tutta Europa, provocando la morte dei germogli appena nati e rendendo quindi la vite improduttiva per l’annata intera. Molte regioni, specialmente nel nord Italia, hanno avuto danni tali da mettere a rischio l’intera produzione 2017.

Poi l’annata è proseguita come era cominciata, ovvero con un caldo anomalo che si è protratto molto a lungo. Le punte di calura ben oltre i 40 gradi in alcuni casi, non hanno reso semplice la gestione dei vigneti, che dove non è stata molto accorta ha visto un calo della produzione notevole.
Il calo della produzione, in termini di quantità, sembra ad oggi il primo dato certo. Assoenologi, nel suo consueto comunicato stampa di inizio vendemmia, non si sbilancia su cifre definitive, considerato che ad oggi è stato raccolto poco più del 20% delle uve e che il perdurare della siccità in alcune regioni potrebbe far variare ulteriormente le stime. Tuttavia risulta chiaro dai primi dati che non verranno eguagliati i numeri dell’anno passato e che la produzione si attesterà attorno ad almeno il 15-20% meno del 2016.
Alcune regioni vedono una produzione in drastico calo rispetto all’anno precedente; Lazio e Umbria in particolare, oltre alla Sicilia, si attestano su produzioni inferiori di oltre il 20-25%. Anche Toscana e Puglia non se la passano bene, il calo anche per queste regioni è notevole.
Il Veneto si conferma la regione più produttiva d’Italia, con un calo rispetto all’anno precedente, ma meno grave delle regioni appena citate.

Sempre secondo i dati di Assoenologi l’unica regione che ha visto il segno più davanti al dato produttivo è la Campania; va considerato però che la regione arrivava da una vendemmia 2016 particolarmente difficile e quindi il piccolo incremento di quest’anno è probabilmente dovuto al dato particolarmente ridotto del 2016.
Fortunatamente l’uva raccolta è sana e la vendemmia 2017, in termini qualitativi, si presenta ottima, in alcuni casi realmente eccellente. Il gran caldo ha favorito la maturazione zuccherina, che significa, a fermentazione svolta, gradazioni alcooliche notevoli.
Proprio a causa di un’annata così particolare la qualità della vendemmia 2017 sarà molto eterogenea, non tutte le aree italiane, seppur ovunque abbia sostanzialmente fatto molto caldo, hanno avuto lo stesso clima, anche solo qualche giornata di pioggia al momento giusto può aver fatto la differenza. Ecco perché sarà difficile stimare la qualità generale del vino che riporterà in etichetta il millesimo 2017. A tutto ciò andrà aggiunto inoltre il fattore tempo, ovvero l’affinamento minimo previsto per ogni disciplinare e anche oltre, che contribuirà non poco a determinare il risultato finale.

Se vuoi seguire il mio blog con tutti i miei articoli ==>clicca qui<==
Di seguito trovi un breve elenco ed il relativo link:

Vino Biologico, Biodinamico, Naturale. Parte 4
Vino Biologico, Biodinamico, Naturale. Parte 3
Vino Biologico, Biodinamico, Naturale. Parte 2
Vino Biologico, Biodinamico, Naturale. Parte 1
Il Metodo Ancestrale

Puglia: il Nero di Troia
Viticoltura e paesaggio: la Val di Cembra e la Piana Rotaliana
Viticoltura eroica all'ombra del Vesuvio
Prié Blanc: un vitigno di alta montagna
Le parole del vino
"A Muntagna", i vini dell'Etna
Vino Bianco della Puglia
Che vino abbinare alla frutta
Vini bianchi da invecchiamento
Pillole di vino: la forma delle bottiglie
I Vini Rossi dell'Alto Adige e del Trentino
Il Trentino ed i suoi vini
La Riscoperta del Timorasso

L'importanza del vitigno
Cambia l'annata, viva l'Alto Adige
Chianti Classico: il Gallo Nero
Ricordando Mario Soldati: Montevecchia
Un vitigno mediterraneo: il Vermentino
Tanto vino da fare girare la testa: il Veneto
Frutti e profumi di Sicilia
Marche: una pubblicità vera
Toscana: il Sangiovese
Piemonte: dialogo improbabile tra Barbera e Nebbiolo
Il Friuli ed i suoi grandi vini
Dieci Millenni di Vino parte 2
Dieci Millenni di vino parte 1
Montalcino. quando il vino fa economia
Tre buoni motivi per bere Lambrusco
Montalcino: quando il vino fa economia
L'Amarone. In principio fu Recioto
Gewurztraminer: l'uva di Termeno cresciuta in Alsazia
Collio: DOC inter ...statale
Sua Maestà il Barolo
Bolgheri: Cipressi e Vino
Lugana: un vino da scoprire
Bortolomiol: Prosecco da tre Secoli
C'è Prosecco e ... Cartizze
Hofstatter: l'importanza della vigna
Ca' del Bosco. L'arte del vino
Il successo di Bellavista: ottimo vino, idee e marketing
Il Marsala tra storia e mito parte 2
Il Marsala tra storia e mito parte 1
Discussione "alta" sulla mineralità del vino
Tre falsi miti sul vino ed una verità
Uva e Nuraghi. I grandi rossi di Sardegna
Uva e Nuraghi. I grandi bianchi di Sardegna
Il caso Gaja e quanto vale una DOP (o DOCG)
Trento DOC
La vita della vite
La sequenza dei vini a tavola
I profumi del vino

La giusta temperatura
Geografia del vino: le Langhe
Come conservare un vino

Tappi, tappi, tanti tappi ...
La degustazione parte 1: guardare un vino
La degustazione parte 2: colore ed intensità
La degustazione parte 3: la densità
La degustazione parte 4: prima di berlo ... annusiamolo
La degustazione parte 5: il Vino all'assaggio
La degustazione parte 6: la strana bilancia
La degustazione parte 7: lo stato evolutivo
Un passito è sempre un vino dolce?
Ad un piatto orientale, quale vino abbinare?
Il Pinot Nero ed il decanter
Bollicine a pasto? Certo che SI
Come nasce uno spumante


Iscriviti alla newsletter

Nome:
E-mail:
Informativa sul trattamento