BLOG  

Tappi, tappi, tanti tappi ....

Tappi, tappi, tanti tappi ....

Il vino buono ha il tappo in sughero. Falso! Il sughero è sicuramente un materiale ottimo per la chiusura di una bottiglia di vino, ma non è il solo e spesso non è nemmeno il più indicato. Il sughero ha radici antiche e la sua introduzione ha portato molti benefici alla produzione di vino, oggi però la tecnologia ha fornito agli imbottigliatori il silicone, il tappo a corona, quello in sughero rigenerato e il tappo a vite.
Partiamo da un concetto base: il tappo serve per chiudere la bottiglia. Questa banale affermazione racchiude un concetto più complesso, se infatti il tappo serve per chiudere la bottiglia, va da se che il tappo migliore sarà quello che svolge meglio questa funzione. Ad oggi, per chiudere una bottiglia di vino, il tappo migliore è quello a vite. E’ il più igienico, il più sicuro, quello con il quale un vino non potrà mai sapere di tappo. Il sentore di tappo infatti dipende da una sostanza, Tricoloanisolo, generata da un battere di origine fungina e responsabile del difetto nel vino. Questa sostanza attecchisce solo su tappi di materia organica come il sughero. Gli altri tappi sono pertanto immuni da questo rischio.



Tuttavia utilizzare per una bottiglia di vino il tappo a vite, non è sempre la soluzione migliore. Un vino in bottiglia è comunque vivo, evolve, il tappo migliore per chiudere una bottiglia dipenderà proprio dal vino contenuto nella bottiglia stessa. Mi spiego, se imbottigliamo un vino giovane, fresco, da bersi giovane così com’è, questo vino non avrà bisogno di evoluzione in bottiglia e pertanto il suo tappo migliore sarà quello che meglio garantisce chiusura ed igiene. Se invece imbottigliamo un vino, bianco o rosso che sia, che è pronto certamente da bere, ma per raggiungere il suo massimo splendore ha bisogno di qualche anno e qualche ulteriore evoluzione, allora il tappo a vite, così perfetto e impenetrabile, non sarà più l’ideale, ci vorrà invece un tappo in sughero, un materiale naturale, in grado di consentire quel minimo di micro ossigenazione, necessaria alla continua evoluzione del vino in bottiglia.



I tappi in silicone sono il passo tecnologico antecedente al tappo a vite, pertanto vale per loro lo stesso discorso del tappo a vite, quelli in sughero rigenerato, che oggi hanno sostituito quasi completamente il silicone, sono tappi realizzati con sughero di riciclo, tritato, sanificato e incollato con colle alimentari, vale per loro lo stesso discorso dei tappi in silicone.
Detto questo non resta che accettare che il tappo in sughero è il miglior tappo solo quando davvero serve, mentre per tutti gli altri casi la soluzione migliore è sfruttare quanto di meglio la tecnologia ci offre.
Come sempre vi consiglio alcuni vini come controprova di quanto scritto, in questo caso vi consiglio due assaggi: Sauvignon Alto Adige DOC Franz Haas - Tappo a Vite Stelvin, Gotico Rosso Piceno Superiore DOC Ciù Ciù

Se vuoi seguire il mio blog con tutti i miei articoli ==>clicka qui<==
Di seguito trovi un breve elenco ed il relativo link:
Ricordando Mario Soldati: Montevecchia
Un vitigno mediterraneo: il Vermentino
Tanto vino da fare girare la testa: il Veneto
Frutti e profumi di Sicilia
Marche: una pubblicità vera
Toscana: il Sangiovese
Piemonte: dialogo improbabile tra Barbera e Nebbiolo
Il Friuli ed i suoi grandi vini
Dieci Millenni di Vino parte 2
Dieci Millenni di vino parte 1
Montalcino. quando il vino fa economia
Tre buoni motivi per bere Lambrusco
Montalcino: quando il vino fa economia
L'Amarone. In principio fu Recioto
Gewurztraminer: l'uva di Termeno cresciuta in Alsazia
Collio: DOC inter ...statale
Sua Maestà il Barolo
Bolgheri: Cipressi e Vino
Lugana: un vino da scoprire
Bortolomiol: Prosecco da tre Secoli
C'è Prosecco e ... Cartizze
Hofstatter: l'importanza della vigna
Ca' del Bosco. L'arte del vino
Il successo di Bellavista: ottimo vino, idee e marketing
Il Marsala tra storia e mito parte 2
Il Marsala tra storia e mito parte 1
Discussione "alta" sulla mineralità del vino
Tre falsi miti sul vino ed una verità
Uva e Nuraghi. I grandi rossi di Sardegna
Uva e Nuraghi. I grandi bianchi di Sardegna
Il caso Gaja e quanto vale una DOP (o DOCG)
Trento DOC
La vita della vite
La sequenza dei vini a tavola
I profumi del vino

La giusta temperatura
Geografia del vino: le Langhe
Come conservare un vino

Tappi, tappi, tanti tappi ...
La degustazione parte 1: guardare un vino
La degustazione parte 2: colore ed intensità
La degustazione parte 3: la densità
La degustazione parte 4: prima di berlo ... annusiamolo
La degustazione parte 5: il Vino all'assaggio
La degustazione parte 6: la strana bilancia
La degustazione parte 7: lo stato evolutivo
Un passito è sempre un vino dolce?
Ad un piatto orientale, quale vino abbinare?
Il Pinot Nero ed il decanter
Bollicine a pasto? Certo che SI

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Carica un nuovo codice
Inserisci il codice che leggi qui sopra: