Panettone Fiasconaro. Natale in Sicilia


Trebbiano

 aggiungi ai PREFERITI

In Italia esistono tantissimi ottimi vini a base di uve di Trebbiano, vinificate in purezza … ma non tutti i Trebbiani sono uguali! Un goloso “mistero” che mi riservo di svelare in questo articolo.

E’ un vitigno che, nella nostra penisola, è stato capace di acclimatarsi e rendersi autoctono in diverse zone del centro Italia. Ottimi bianchi, a tutto Trebbiano, vengono creati in Abruzzo, nel Lazio, in Umbria e in Romagna.

Un vitigno che, in realtà, appartiene a un’ampia famiglia di uve che hanno saputo, in base ai diversi terroir, diversificarsi, regalando vini dalle sfumature e percezioni organolettiche diverse: per questo si parla, in dettaglio, di Trebbiano d’Abruzzo, di Trebbiano Romagnolo, di Trebbiano Spoletino, di Trebbiano giallo o del Lazio e di Trebbiano Toscano (la varietà oggi più diffusa, vinificata soprattutto in blend, anche nell’elaborazione del delizioso Vin Santo) ma anche in purezza, in versione secca, da tutto pasto.

Per superficie vitata, è il secondo vitigno più coltivato in tutta Italia. Un primato che sembrerebbe suggerire una produzione di basso livello qualitativo. In realtà, esistono, e sono conosciutissimi, tantissimi vini, a base di sole uve di Trebbiano, in grado di conquistare i palati più esigenti, grazie ai loro profumi incredibili, un gusto intenso e la loro capacità di sfidare il tempo.

Storia e Origini

Notizie sul vitigno si perdono nei meandri del tempo. Le prime menzioni sembrerebbero giungere dall’epoca romana e, precisamente, dai testi di Plinio il Vecchio che cita la bontà dei vini “Trebulani”, tipici dell’area costiera di Capua, dove si trovava l’omonimo “Agro Trebulanis”.

Tali vini erano molto diffusi e consumati già in epoca repubblicana e nel primo periodo imperiale, spesso definiti come “vini dei legionari”, prodotti in grande quantità per equipaggiare riccamente le derrate alimentari dell’esercito.

Un’altra teoria, sull’origine e la diffusione, ricondurrebbe il vitigno al territorio di Romagna e, in particolare, alla zona vicino al fiume Trebbia, affluente del Po.

Teorie affascinanti di cui non possiamo ancora avere certezza. Invece, l’unica verità è l’alta caratterizzazione e l’importante livello qualitativo raggiunto da molti dei vini realizzati con uve di questa tipologia.

Se il Trebbiano Toscano viene impiegato, ancora oggi, in unione a uve a bacca rossa o insieme alle più profumate Malvasie, quello autoctono dell’Abruzzo, un particolare biotipo, presente oggi solo in questa regione, ha reso possibile la creazione di bianchi dotati di un’incredibile personalità e longevità.

Coltivazione e Allevamento

Le uve si distinguono facilmente, soprattutto quelle del biotipo abruzzese, per la grandezza dei grappoli e la ricchezza degli acini, dal caratteristico colore verde, con riflessi dorati.

Grazie alla sua vigoria e alle sue ottime e costanti rese, il è un vitigno che ha saputo facilmente prosperare sin dall’antichità, diventando una delle principali materie prime con cui produrre vini bianchi in quantità.

Ancora oggi è un vitigno che dimostra un’altissima resistenza alle variazioni climatiche e agli attacchi della maggior parte delle crittogamiche, fatta eccezione per l’oidio a cui si rivela parecchio sensibile.

Si adatta bene a diversi habitat ma, e questo vale soprattutto per la varietà coltivata in Abruzzo, sembra prediligere terreni collinari, caratterizzati da un suolo prevalentemente argilloso.

 

I Vini a base di Trebbiano in Purezza: Caratteristiche Organolettiche

I Vini a base di Trebbiano regalano un ventaglio aromatico ben equilibrato tra note fruttate, floreali, vegetali e, in base alla tipologia di affinamento, anche delicatamente speziate e, addirittura, tostate.

E’ facile riconoscere, nei bianchi a base di queste uve, delicate note di mela Golden, di pesca bianca, di susina, di fieno, camomilla e fiori di campo appassiti. Nei Trebbiani più raffinati, specie quelli prodotti in Abruzzo, troviamo anche particolari sensazioni di fiori d’acacia, miele millefiori e frutta secca, che contribuiscono a creare un bouquet molto più ampio e complesso.

All’assaggio, un buon Trebbiano si svela subito per le sue innate doti di ricca acidità e piacevole mineralità, ben dosate ed equilibrate, e per una persistenza gentile, su note floreali e fruttate, rinfrescanti e succose.

Il Trebbiano umbro, specialmente quello che scopriamo con piacere nella DOC Spoleto, dimostra sempre una sfiziosa freschezza, stavolta accanto a un bouquet squisitamente fruttato e croccante, con spiccate note esotiche di ananas, mango e papaya; elaborato unicamente in acciaio, è un bianco delizioso che incanta soprattutto grazie alla vibrante e persistente mineralità, quasi salmastra.

I Trebbiani d’Abruzzo affinati a lungo, magari anche attraverso l’impiego del legno e della barrique, dimostrano una notevole struttura, piena, calda e morbida, ben articolata tra freschezza e mineralità e dotata di una penetrante persistenza, in cui possono emergere anche delle golose note di zafferano, caffè e cioccolato bianco.

Un vitigno che, com’è facile notare, racchiude molteplici capacità espressive, capace d’incantare con diverse doti, fresche, genuine e scattanti, così come molto più complesse, decise e penetranti.

 

I Vini a base di Trebbiano in Purezza: i Migliori Abbinamenti

Un vitigno dalla personalità multipla che ben si adatta a molteplici abbinamenti: un vino davvero per tutte le stagioni e per tutti gli ingredienti, capace di accompagnare, con equilibrio e armonia, piatti di mare e piatti di terra, dove a primeggiare sono le carni bianche, gli ortaggi profumati e alcuni pregiati tuberi.

In particolare, il Trebbiano Spoletino, per la sua squisita verve minerale, è davvero ottimo in compagnia di carpacci, tartare e sashimi di tonno, salmone, polpo e orata, accompagnati da formaggi cremosi e frutta tropicale, come mango e avocado. Un bianco che, senza dubbio, predilige profumi e sapori marini freschi, ma che non disdegna pietanze di pesce cotto, magari da abbinare a un rombo in crosta di patate, a un branzino in salsa d’agrumi o passion fruit, a una frittura di lattarini o a un risotto con asparagi e scampi. Una tipologia di bianco, tutta italiana, unicamente caratteristica, capace di accompagnare con gusto anche la saporosità intensa e articolata di un sushi fusion.

Con il noto Trebbiano d’Abruzzo si apre un altro affascinante mondo di abbinamenti con il cibo.

Le versioni più fresche, leggere, delicate e beverine di questa celebre DOC, magari lavorate unicamente in acciaio, ben si sposano a antipasti e zuppe di pesce di mare e di lago, a frutti di mare gratinati e a primi piatti di pasta, conditi con salse di pesce, crostacei, molluschi, verdure e formaggi freschi o poco stagionati.

Un vino bianco da provare accanto a un’insalata di mare, a degli scampi al vapore, con degli spiedini di gamberi e zucchine, con un tortino di patate, mozzarella e rosmarino, con delle capesante gratinate, con un cocktail di gamberi, con una frittura di paranza, con un’orata al cartoccio, con dei filetti di baccalà fritti, con una zuppa di piselli e seppioline, con un risotto ai frutti di mare, con dei ravioli ricotta e spinaci, con burro e salvia, con un polpo alle erbe, con un risotto alla zucca o con dei ravioli d’orata.

Le versioni di Trebbiano abruzzese, affinate più a lungo, magari in anfora o in legno, grazie alla struttura più morbida e corposa, sposano molto bene piatti più succulenti, dotati di particolare saporosità. Sono vini da abbinare al tipico gusto di un’anguilla in umido, di un baccalà alla vicentina, di un arrosto di coniglio alle erbe, di un rollè di tacchino, con spinaci e formaggio, dei tortelli di zucca alla mantovana, di un risotto alla milanese, di un piatto di pappardelle con nocciole e porcini, di un pollo al curry, di un risotto al foie gras, di una pasta ai finferli, profumata al tartufo bianco, di un petto d’anatra laccato al miele.

Nella nostra enoteca potrai dare sfogo alla tua curiosità ed acquistare centinaia di vini da uve Trebbiano sia delle piccole cantine di nicchia ed anche di quelle molto famose e già affermate.


Vini con uve del vitigno Trebbiano

  • Trebbiano d'Abruzzo DOC 2018 Fantini Farnese
    Luca Maroni: 90/100
    € 8,20
  • 'Trebì' Talamonti 2018 Trebbiano d'Abruzzo DOC
    Gambero Rosso: 2 bicchieri
    Wine Spectator: 88/100
    Veronelli: 87/100
    Robert Parker: 87/100
    Espresso: Espresso Espresso Espresso
    Wine Enthusiast: 86/100
    € 8,80 € 6,20
  • Trebbiano 'Bianchi Grilli per la Testa' Torre dei Beati 2017 Abruzzo DOC
    Gambero Rosso: 2 bicchieri
    Vitae AIS: Vitae AIS Vitae AIS Vitae AIS
    Slowine: Vino Slow
    Bibenda : Guida Bibenda Guida Bibenda Guida Bibenda Guida Bibenda
    Veronelli: 93/100
    Luca Maroni: 88/100
    € 15,80 € 15,20
  • Lugana 'Tre Campane' Marangona 2017
    Gambero Rosso: 2 bicchieri
    € 15,00 € 12,50
  • "Aternum" Talamonti 2017 Trebbiano d'Abruzzo DOC
    Gambero Rosso: 2 bicchieri
    Wine Spectator: 88/100
    Veronelli: 89/100
    € 12,00 € 10,50
  • Frascati Superiore 'Amacos' De Sanctis 2017
    € 16,50 € 13,50
  • Vinsanto del Chianti Classico DOC Castello di Ama 2013 - 37,5 cl
    Wine Spectator: 91/100
    € 61,60 € 39,90
  • Trebbiano d'Abruzzo DOC Emidio Pepe 2010 - Triple A - Agricoltori, Artigiani, Artisti
    Gambero Rosso: 2 bicchieri
    Wine Spectator: 91/100
    Robert Parker: 91/100
    € 127,40 € 120,00
  • Trebbiano d'Abruzzo "Duca Minimo" Cascina del Colle 2018
    Bibenda : Guida Bibenda Guida Bibenda Guida Bibenda
    € 7,90 € 6,00
  • Villa Antinori Bianco Antinori 2018 Toscana IGT
    Wine Spectator: 87/100
    Veronelli: 87/100
    € 10,60 € 6,90
  • 'Santa Cristina' Zenato 2018 Lugana DOC
    Gambero Rosso: 2 bicchieri
    Vitae AIS: Vitae AIS Vitae AIS Vitae AIS
    Bibenda : Guida Bibenda Guida Bibenda Guida Bibenda Guida Bibenda
    Veronelli: 88/100
    Luca Maroni: 91/100
    Falstaff Magazin: 90/100
    € 12,00 € 9,70

    Avvisami quando disponibile

  • Cannellino di Frascati "Diciassette Undici" De Sanctis 2016 - 50 cl.
    € 16,90 € 16,40

    Avvisami quando disponibile

  • Magnum Trebbiano d'Abruzzo DOC Emidio Pepe 2016 - Triple A - Agricoltori, Artigiani, Artisti
    Gambero Rosso: 2 bicchieri
    Vitae AIS: Vitae AIS Vitae AIS Vitae AIS
    Slowine: Vino Slow
    Veronelli: 94/100
    € 91,50

    Avvisami quando disponibile

  • Trebbiano d'Abruzzo 'Spelt' La Valentina 2017
    Gambero Rosso: 2 bicchieri
    Wine Spectator: 86/100
    Bibenda : Guida Bibenda Guida Bibenda Guida Bibenda Guida Bibenda
    Veronelli: 88/100
    James Suckling: 92/100
    € 13,90 € 10,50

    Avvisami quando disponibile

  • 'San Benedetto' Zenato 2018 Lugana DOC
    Vitae AIS: Vitae AIS Vitae AIS Vitae AIS
    Wine Spectator: 88/100
    Wine Enthusiast: 89/100
    € 9,80

    Avvisami quando disponibile

  • Trebbiano d'Abruzzo DOC Emidio Pepe 2016 - Triple A - Agricoltori, Artigiani, Artisti
    Gambero Rosso: 2 bicchieri
    Vitae AIS: Vitae AIS Vitae AIS Vitae AIS
    Veronelli: 94/100
    € 31,50

    Avvisami quando disponibile

  • "Satrico" 2016 Casale del Giglio
    Luca Maroni: 90/100
    € 7,90

    Avvisami quando disponibile

  • Soave Classico "Ca' Visco" Coffele 2016 - Vignaioli Indipendenti
    Gambero Rosso: 2 bicchieri
    Vitae AIS: Vitae AIS Vitae AIS Vitae AIS
    Bibenda : Guida Bibenda Guida Bibenda Guida Bibenda Guida Bibenda
    € 12,50

    Avvisami quando disponibile

  • Trebulans Trebbiano di Romagna DOC 2013 Spinetta
    € 9,00

    Avvisami quando disponibile

  • Trebbiano d'Abruzzo Cataldi Madonna 2018 - BIO - Vignaioli Indipendenti
    Gambero Rosso: 2 bicchieri
    Vitae AIS: Vitae AIS Vitae AIS Vitae AIS
    Slowine: Vino quotidiano
    Veronelli: 88/100
    Vinous Antonio Galloni: 87/100
    € 7,80

    Avvisami quando disponibile

  • Prope Trebbiano d'Abruzzo DOC Velenosi 2018
    Luca Maroni: 92/100
    € 9,70 € 8,50

    Avvisami quando disponibile