Le Migliori offerte del giorno


Magliocco

 aggiungi ai PREFERITI

Storia e caratteristiche del vitigno Magliocco

Gli stretti legami di vitigno Magliocco con la Grecia sono evidenti sia nelle origini sia nel nome, che in greco significa "tenerissimo nodo" datogli probabilmente perché presenta un grappolo chiuso come un nodo o un pugno. È una varietà nota in Calabria già dal medioevo, citata nel 1601 dal Mirafiori e diffusa prevalentemente sul versante della costa tirrenica. Dopo un lungo periodo di oblio, durante il quale ha rischiato di scomparire, recentemente è stato riscoperto e valorizzato, e rimesso a dimora anche nella parte ionica.
Non è possibile individuare una precisa zona di coltivazione, soprattutto perché speso il Magliocco è pigiato insieme ad altre varietà tipiche della Calabria, come il Greco Nero e il Marsigliana Nero. Non essendo ancora iscritto al Registro Nazionale delle Varietà di Vite, non entra nel disciplinare di alcuna DOC.
Si tratta di una verità molto rigogliosa che agli inizi dell'autunno porta a maturazione dei grappoli di medie dimensioni, piuttosto tozzi e abbastanza compatti.

Il colore degli acini maturi è molto scuro, nero tendente al blu. Se coltivato in zone con terreni molto fertili, manifesta eccessi di vigore.
Vinificato in purezza il Magliocco non da vita a vini scuri e profondi nel colore ma a un prodotto armonico, morbido, di buona alcolicità che si presta a un medio invecchiamento. Ecco perché spesso è usato con altre varietà, per elevare al meglio le potenzialità del vitigno, diverso dal robusto Magliocco Canino e più gentile.

Nella nostra enoteca online puoi acquistare centinaia di vini prodotti con uve Magliocco. Puoi approfondire la conoscenza dei vini grazie alle recensioni delle più importanti guide ed alle schede tecniche con spiegazione delle caratteristiche organolettiche e delle tecniche di vinificazione.


Vini con uve del vitigno Magliocco