BLOG  

Lambrusco di Sorbara

 aggiungi ai PREFERITI

È la varietà di Lambrusco più caratteristica e più tipica della provincia di
Modena. Iscritta al Registro Nazionale dal 1970, è coltivata soprattutto
nella zona di pianura compresa tra i fiumi Secchia e Panaro, al cui centro si
trova il comune di Sorbara da cui prende il nome. E’ storicamente
presente anche in provincia di Reggio Emilia, come testimoniato da
un’indagine condotta nel 1840. Ha caratteri che ricordano i Lambruschi più
prossimi alla Vitis vinifera silvestris originaria, con un fiore che, pur
ermafrodito, risulta fisiologicamente femminile e quindi bisognoso di un
impollinatore (funzione più spesso svolta dal Lambrusco Salamino) per
non soffrire l’acinellatura verde; non è raro infatti trovare un grappolo di
Sorbara con alcuni acini verdi e altri regolarmente rossi. Il Ragazzini per
primo ne ha distinto quattro diversi tipi: sferico a foglia rossa, subsferico a
foglia rossa, sferico a foglia verde e oliva a foglia verde, oggi
comunemente denominato Lambrusco Oliva.
La sua presenza è da ricercarsi nel territorio dei comuni di Sorbara,
Bomporto, San Prospero e Nonantola (compresi nell’area della DOC
Lambrusco di Sorbara
), anche se si trova mediamente diffuso in tutta la
pianura modenese. In provincia di Reggio è coltivato principalmente nei
dintorni di San Martino in Rio, Rubiera e Correggio, ovvero nell’area a

contatto con la provincia di Modena.

Il grappolo è di media grandezza, di forma piramidale allungata, piuttosto spargolo (spesso per acinellatura) e alato. L’acino è anch’esso di media grossezza, subrotondo, con buccia spessa e pruinosa di colore blu-nero. È leggermente più precoce degli altri Lambruschi e la raccolta in genere si effettua tra la fine di settembre e la prima decade di ottobre.

Le caratteristiche tipiche del Lambrusco di Sorbara sono di mostrare un vino dal colore rubino molto tenue, spesso cerasuolo o rosato, dall'acidità sostenuta e croccante. I profumi sono tenui: delicati e ricordano la frutta rossa e la viola. Solitamente secco o molto secco, ha una corposità non troppo accentuata e una tannicità leggera.


Vini con uve del vitigno Lambrusco di Sorbara