il gabbiano coop. sociale

La Cooperativa il Gabbiano è una giovane realtà, che nasce dal desiderio di valorizzare il lavoro dell’uomo e il territorio, ponendo la viticoltura al centro di un progetto fondato sui concetti di sostenibilità, rispetto dell’ambiente, recupero e ripristino di vecchie vigne.
Si tratta del naturale sviluppo dell’attività della Comunità Gabbiano, che da alcuni decenni si occupa di accoglienza, con l’obiettivo di costruire un percorso lavorativo nel campo dell’agricoltura per le persone ospitate. La Cooperativa si trova in Valtellina e gestisce una tenuta di una decina di ettari, di cui circa la metà vitati.
Si tratta di una viticoltura di montagna, con pendenze ripide, vigne terrazzate con muretti a secco, che richiedono un faticoso lavoro manuale non meccanizzabile. Proprio per queste ragioni, nel corso dell’ultimo secolo, molte vigne sono state abbandonate. La Cooperativa Il Gabbiano si pone l’obiettivo di ridare nuova vita agli antichi vigneti. È un modo per far rivivere un territorio, le sue tradizioni agricole e far ritrovare un’identità storica a una comunità. È un progetto che permette alla Valtellina di recuperare la sua vocazione vitivinicola e, in termini più generali, contribuisce anche alla cura e manutenzione di un’area fragile da un punto di vista idrogeologico. La Valtellina rappresenta un unicum da un punto di vista geografico. Insieme al Vallese in Svizzera è una delle pochissime valli alpine che presenta un orientamento est-ovest. Questa particolarità consente di avere il versante settentrionale protetto dai venti freddi che scendono da nord e magnificamente esposto a mezzogiorno. Le vigne possono così godere di un clima fresco e soleggiato, mitigato dalle brezze del Lago che risalgono la vallata. L’altitudine dei vigneti, coltivati nella fascia compresa tra i 450 e gli 800 metri, garantisce la presenza di notevoli escursioni termiche, che favoriscono una maturazione lenta delle uve, con aromi intensi ed eleganti. I terreni sono prevalentemente costituiti dal disfacimento delle rocce e da depositi morenici.
Sono suoli pietrosi, con presenza di ciottoli, sabbie e poca terra, ideali per una viticoltura di qualità, basata su basse rese per ettaro.
In questo particolare territorio, il vitigno principe è il nebbiolo, localmente chiamato chiavennasca. Rispetto alle Langhe, in Valtellina il nobile vitigno rosso del nord si esprime con vini meno potenti, più freschi, sottili ed eleganti, figli di una viticoltura di montagna. La Cooperativa Il Gabbiano produce vini con uve provenienti soprattutto da due prestigiose zone della Valtellina: Inferno e Sassella, da sempre conosciuti come veri e propri cru. Si tratta di etichette dal volto artigianale e dal profilo schietto e genuino, che rappresentano perfettamente le tipiche note varietali del vitigno e il carattere di un territorio dalla forte personalità. Un’occasione da non perdere per scoprire eccellenti vini dal carattere territoriale, prodotti con grande cura e passione. Puoi trovare una selezione delle migliori etichette a prezzi molto convenienti sul nostro sito.

Leggi di più
Leggi di meno
I vini di il gabbiano coop. sociale

Un rosso molto spontaneo e piacevole, con sentori di frutti di bosco e fragola in evidenza, a cui segue un sorso agile e succoso, dai tannini gentili e di discreta persistenza fruttata. Si abbina bene con primi e secondi piatti a base di carne.

“Riparo” nasce sui ripidi terrazzamenti della sottozona Sassella, a circa 500 metri di altitudine e sostenuti da muretti a secco come vuole la tradizione locale. Affina per un periodo di 24 mesi in botti grandi di diverse dimensioni e si accompagna con secondi piatti di carne rossa, selvaggina e primi piatti al sugo di carne.

GD
91/100

Un vino di montagna ricco e strutturato, capace di offrire grandi soddisfazioni nell’abbinamento con formaggi saporiti, carni rosse arrosto e selvaggina. Ottenuto da una vendemmia manuale sui terrazzamenti della Valtellina, appassimento dei grappoli e vinificazione in acciaio. Termina l’affinamento in legno, con un riposo di 24 mesi in botti di rovere francese.

GD
93/100

Grappa ottenuta dal cuore della distillazione. Il risultato è una grappa dal sorso armonico e dai profumi aromatici.

Frutto di un meticoloso lavoro della comunità della Coop. Sociale Il Gabbiano, “L’Incontro” affina per un periodo di 20 mesi in legno prima di essere imbottigliato e commercializzato. Si abbina alla perfezione con piatti del territorio come pizzoccheri della Valtellina e primi piatti al sugo di carne, selvaggina in umido e carni rosse.

Un rosso molto spontaneo e piacevole, con sentori di frutti di bosco e fragola in evidenza, a cui segue un sorso agile e succoso, dai tannini gentili e di discreta persistenza fruttata. Si abbina bene con primi e secondi piatti a base di carne.

Un rosso della Valtellina Superiore unico nel suo genere, vinificato in acciaio e affinato in legno, in botti di diverse dimensioni. Intenso, complesso e corposo, si abbina con carni rosse e selvaggina arrosto o in umido. Ottimo anche con primi piatti strutturati e saporiti, conditi con sugo di carne.