Selezione Bianchi Premiati. Risparmi € 37 (-39%)

Moscato d'Asti 'I Vignaioli di Santo Stefano' Ceretto 2019

Ceretto
 aggiungi ai PREFERITI

Moscato d'Asti 'I Vignaioli di Santo Stefano' Ceretto 2019

Moscato d'Asti 'I Vignaioli di Santo Stefano' Ceretto 2019

Ceretto
 aggiungi ai PREFERITI
€ 15,90 € 12,90
Disponibilità immediata.
Valutazione media:
Gambero Rosso: 2016 - 2 bicchieri Vitae AIS: 2016 - Vitae AIS Vitae AIS Vitae AIS Veronelli: 2016 - 90/100 Wine Spectator: 2016 - 85/100

Il Moscato d’Asti Vignaioli di Santo Stefano” Ceretto è un vino frizzante bianco dolce di grande delicatezza e ricchezza aromatica. La sua più immediata e apprezzata caratteristica è la freschezza, freschezza al naso, con note fruttate e floreali e la tipica aromaticità del Moscato, freschezza al palato con la componente acida sempre in bella evidenza, freschezza nel finale, che rimane dolce, ma ben pulito.


Classificazione: Moscato d’Asti D.O.C.G.
Vitigno: 100% Moscato
Produttore: Ceretto
Contenuto: 75,0 cl
Regione: Piemonte
Vigneti: in Santo Stefano Belbo e Calosso 
Altitudine: 300-400 metri s.l.m.
Terreno: collinare a marne biancastre ricche di limo, sabbia ed argilla
Vendemmia: manuale 
Vinificazione: tradizionale, spumantizzazione in autoclave con Metodo Charmat
Affinamento: solo vetro
Gradazione alcolica: 5,5 % vol.
Temperatura servizio: 6-8°C
Filosofia produttiva: Vignaioli Indipendenti

Ceretto Moscato d'Asti Vignaioli di Santo Stefano

Viene utilizzato il Metodo Charmat, inventato dall’ingegnere italiano Martinotti, proprio per la produzione del Moscato d’Asti. La sua più bella dote è la freschezza, motivo per il quale consigliamo il servizio molto freddo del vino, proprio per esaltarne l’acidità e la freschezza. Con l’innalzarsi della temperatura del vino nel bicchiere, si sprigioneranno pian piano i profumi tipici del moscato, la mela, la frutta a polpa bianca ben matura, la nota floreale, erbacea.
Ceretto esprime il meglio del moscato d’Asti in una bottiglia raffinata, atipica rispetto alla tipologia e con un’etichetta d’impatto, entrambe, etichetta e bottiglia, frutto del lavoro dell’artista e comunicatore Giacomo Bersanetti, che produsse il disegno di entrambe negli anni ottanta apposta per Ceretto.
Il contenuto della bottiglia, come si diceva, non è da meno. SI tratta infatti di un vino davvero ben riuscito, che gioca tutto sulla freschezza e facilità di beva. Come del resto un buon Moscato d’Asti dovrebbe fare. Interessante l’abbinamento con i piatti, che non è così scontato come sembra. Certo crostate e panettone sono il matrimonio perfetto, ma anche altri dolci possono essere un piacevole sodalizio, da provare ad esempio con i bignè alla crema pasticcera.

Regione: Italia - Piemonte

Cantina: Ceretto  aggiungi ai PREFERITI

Vitigni: Moscato Bianco

Denominazione: Moscato d'Asti D.O.C.G.




Cantina Ceretto

vedi tutti i vini

Commenti

Esegui il login o registrati per poter lasciare il tuo commento

 

Antonello Manca

"Ottimo vino"