"Conte della Vipera" 2016 Castello della Sala Antinori

Antinori

Guida Bibenda: 2014 - Guida Bibenda Guida Bibenda Guida Bibenda Veronelli: 2014 - 90/100 Luca Maroni: 2014 - 91/100
Disponibilità immediata.
Ordina entro le ore 12.00 e ricevi in 24/48 ore tramite Corriere Espresso
€ 16,90
Q.tà  
 

Il "Conte della Vipera" di Castello della Sala - Antinori è un vino bianco fermo, fresco ed avvolgente, dal colore paglierino chiaro limpido. Al profumo è intenso e ricorda le varietà. Si snoda su toni di erbe aromatiche fresche, salvia e rosmarino, frutta esotica, susine, agrumi, pompelmo rosa e fiori bianchi. Ha una verve fresca adeguata ed una sapidità gradevole. Tornano nel finale le note erbacee. Affinamento solo in acciaio


Il vino prende il nome dai primi proprietari del Castello della Sala e l'etichetta riporta un disegno della Cappella di San Giovanni del XV Sec. situata nella proprietà. La prima annata di Conte della Vipera prodotta è stata il 1997. Profumo intenso che ricorda le varietà. Elegante, minerale, sapido. Buona la struttura.

Tipo: vino bianco fermo
Produttore: Castello della Sala - Antinori
Gradazione alcolica:
13,0%
Uve: Sauvignon blanc ed una piccola percentuale di Semillon
Denominazione: IGT Umbria
Regione: Umbria
Contenuto: 75,0 cl

Vinificazione:
Il momento della vendemmia del Sauvignon Blanc è stato scelto in funzione del rapporto tra concentrazione zuccherina e massima espressione dei profumi varietali dell’uva. I vigneti destinati al Conte della Vipera sono situati ad un’altezza che va dai 250 ai 350 metri s.l.m. in suoli ricchi di sedimenti fossili marini con infiltrazioni di argilla che conferiscono mineralità e sapidità all’uva. I grappoli raccolti sono stati immediatamente trasferiti in cantina e raffreddati attraverso il passaggio in un convogliatore refrigerato che ne ha abbassato la temperatura prima della pressatura in modo da mantenere inalterate le caratteristiche varietali. Una parte del Sauvignon Blanc ha svolto una macerazione a freddo per qualche ora in appositi serbatoi al fine di ottenere la massima estrazione dei profumi dalle bucce. Dopo la pressatura soffice il mosto è stato mantenuto per alcune ore ad una temperatura di 10°C per illimpidirsi in modo naturale prima della fermentazione. A ciò ha fatto seguito il travaso in serbatoi di acciaio inox a temperatura controllata, dove si è svolta la fermentazione alcolica a temperatura controllata non superiore ai 16°C. Completata questa operazione il vino è stato conservato a bassa temperatura (circa 10°C) per impedire lo svolgimento della fermentazione malolattica e conservare inalterate le caratteristiche organolettiche. Il Sauvignon Blanc è stato poi assemblato con una piccola quantità di vino Semillon per accentuarne la sapidità e apportare rotondità contestualmente a un miglioramento della parte aromatica.

IL CASTELLO DELLA SALA
Il Castello della Sala si trova in Umbria, a poca distanza dal confine con la Toscana, a circa 18 chilometri dalla storica città di Orvieto. Le terre del Castello, imponente maniero di epoca medioevale, si estendono per 500 ettari, di cui 160 ettari piantati a vigna, ad un’altezza di 200 – 400 metri sul livello del mare e si estendono tra le dolci colline che caratterizzano la bella campagna di queste zone.

Suolo tendenzialmente argilloso, vigneti ben esposti alla levata del sole, un microclima caratterizzato da inverni freddi - ma non rigidi - e da estati molto calde, in cui la nebbia mattutina gioca il suo ruolo nella maturazione delle uve: quella del Castello della Sala è una zona altamente vocata alla produzione di bianchi. 

LE CANTINE
Un dedalo di corridoi e locali scavati a vari livelli sotto il castello fino a 30 metri di profondità. Sono le cantine medievali del castello, luogo ideale per l’affinamento e l’invecchiamento dei vini. La temperatura, sia in esatte che in inverno, si mantiene infatti sui 13°C e il tufo trasmette un’umidità naturale ai locali.

Nel 2006 è stata terminata una nuova cantina sotterranea su livelli di profondità differenti, ideata sul concetto di sfruttare la forza di gravità per spostare le uve e il vino da una fase all’altra della lavorazione, eliminando o comunque riducendo al minimo gli interventi di pompaggio. La strutturadella cantina infatti è stata pensata in modo che i passaggi avvengono naturalmente per caduta. Infine, grazie all’interramento dei locali l’impatto ambientale è molto ridotto: la cantina “scompare” nella collina sovrastante e solo una parte dell’edificio resta visibile

Regione: Italia - Umbria

Cantina: Antinori  aggiungi ai PREFERITI

Vitigni: Sauvignon

Denominazione: Umbria I.G.T.




Cantina Antinori

vedi tutti i vini

Commenti

Al momento non sono disponibili commenti.
Vuoi essere il primo a inserire un commento? Clicca qui.