BLOG  
Barbaresco
Valutazione media:

Barbaresco "Basarin Vigna Gianmaté" 2014 Giacosa Fratelli

Giacosa Fratelli

Gambero Rosso: 2014 - 2 bicchieri Guida Bibenda: 2014 - Guida Bibenda Guida Bibenda Guida Bibenda Guida Bibenda Veronelli: 2014 - 93/100 Wine Spectator: 2013 - 90/100 James Suckling: 2014 - 91/100 Espresso: 2013 - Espresso Espresso Espresso Espresso Jancis Robinson: 2015 - 16/20
€ 36,30 € 27,00
Q.tà  
 

Il Barbaresco “Basarin Vigna Gianmatè" Giacosa Fratelli da un rosso rubino scarico passa con l’affinamento ad un colore granato pieno. Il naso racconta di frutti e fiori, il ribes, la viola. L’assaggio è di quelli che lasciano il segno, complesso, elegante, molto persistente nel finale. Tannino importante, ma ben levigato.


Stile: vino rosso fermo
Classificazione: Barbaresco D.O.C.G.
Vitigno: 100% Nebbiolo
Produttore: Giacosa Fratelli
Contenuto: 75,0 cl
Regione: Piemonte
Vigneti: vigna Gianmate nel Cru Basarin
Esposizione: sud, sud-est
Caratteristiche del terreno: marna ricca di argilla
Vendemmia: manuale a partire dalla seconda metà di ottobre
Vinificazione:
tradizionale
Affinamento: secondo disciplinare
Gradazione alcolica:
12,5% Vol.


Il Cru Basarin è una bellissima collina, con in cima un albero solitario, le vigne, rigorosamente a giropoggio la disegnano orizzontalmente in tante righe verdi, ordinate e curate come il migliore dei giardini giapponesi. La vigna Gianmatè fa parte del Cru, ma a differenza di tutto il resto della collina ha, nel suolo, una presenza di argilla maggiore e i vini che sono prodotti qui hanno caratteristiche diverse dagli altri Basarin. Meno potenti forse, ma longevi ed eleganti. Soprattutto adatti ad un lungo affinamento.
L’azienda Fratelli Giacosa, uno dei nomi più importanti di Langa, sa come trattare il Nebbiolo, un’uva tardiva, che matura nel mese di ottobre inoltrato, tanto in là da far temere per le piogge e i primi veri freddi dell’autunno che il mese di ottobre porta con sé. Il nome stesso del Nebbiolo pare derivi da nebbia, un altro elemento della natura tipico dei climi autunnali. Nebbiolo infatti fino a non molti anni fa si scriveva con una sola b, Nibiol, proprio come nebbia.
Una delle tante caratteristiche del Nebbiolo è il tannino, oltre alla struttura generale, pertanto nell’abbinamento meglio accostargli piatti di buon livello, ad esempio selvaggina da piuma, anche e soprattutto in salmì

Regione: Italia - Piemonte

Cantina: Giacosa Fratelli  aggiungi ai PREFERITI

Vitigni: Nebbiolo

Denominazione: Barbaresco D.O.C.G.