Catalogo Bovale Sardo

Hai scelto
Filtri
Filtra per

Fascia di prezzo
Filtra Fascia di prezzo
Produttore
Filtra Produttore
Carta dei vini
Filtra Carta dei vini
Filosofia produttiva
Filtra Filosofia produttiva
Abbinamento
Filtra Abbinamento
Vitigni
Mostra tutti i filtri
Monica 'Perdera' Argiolas 2019
Argiolas Monica 'Perdera' Argiolas 2019

Vino rosso della regione Sardegna ottenuto dal sapiente blend di uve Monica, Carignano e Bovale Sardo. Colore rubino a intensità medio-buona, ha profumi di viola, mammola, marasca e cacao, tipici del vitigno Monica. Il sorso è rotondo, dal finale piacevolmente speziato.

'Balente' Carboni 2017 Isola dei Nuraghi IGT
carboni 'Balente' Carboni 2017 Isola dei Nuraghi IGT

Rosso sardo di grande struttura, dai sentori fruttati e speziati, tracciato da una scia sapida e minerale che richiama territorio e terroir. Ottimo da abbinare a formaggi stagionati e carni rosse.

GR
2 bicchieri
Cannonau 'Costera' Argiolas 2020
Argiolas Cannonau 'Costera' Argiolas 2020

Cannonau di Sardegna caldo e avvolgente dal colore rubino intenso. Ha profumi vinosi ed intensi con note di ciliegie sotto spirito e liquirizia. Il palato è caldo, avvolgente, rotondo e tannini vibranti. Affina 10-12 mesi in piccole botti di rovere, per poi proseguire alcuni mesi in bottiglia.

Carignano del Sulcis Riserva 'Is Solinas' Argiolas 2018
Argiolas Carignano del Sulcis Riserva 'Is Solinas' Argiolas 2018

Vino rosso strutturato ed avvolgente da uve autoctone Carignano. Alla vista si presenta in colore rubino con richiami violacei. All'olfatto si percepiscono intensi sentori di frutta matura e confettura. All'assaggio è armonico, pieno, caldo e con una persistente sapidità. Affina 12 mesi in botti di rovere francese e succesivi 6 mesi in bottiglia.

JS
93/100
Ve
93/100
Vi
3 Viti AIS
GR
2 bicchieri
Bi
4 Grappoli
Rosso 'Korem' Argiolas 2018
Argiolas Rosso 'Korem' Argiolas 2018

Vino rosso sardo dai profumi ammalianti e stupefacenti. Ha colore rosso rubino intenso. Al naso si percepisce il profumo di iris, ciliegie sotto spirito, pepe rosa e cardamomo. Ricco di struttura, potente, con tannini evoluti e caratterizzanti. Equilibrato e vellutato, chiude con una scia di liquirizia. Affina 10-12 mesi in barrique.

Ve
93/100
Vi
3 Viti AIS
JS
94/100
GR
2 bicchieri
Bi
4 Grappoli

Le origini di questa varietà sarda sono ancora ignote, anche se con molta probabilità le prime apparizioni sull’isola sono da ricercarsi nel periodo della dominazione aragonese (1324-1700).

Nel tempo si sono formate due varietà, il Bovale detto anche Bovale Sardo e il Bovale Grande, che recenti indagini genetiche hanno confermato diverse tra loro. Al contempo è Stata ribadita la diversità genetica del Bovale dal Tintilia e dal Nieddera; si rivela invece una marcata similitudine con il Cagnulari e con la varietà spagnole Graciano, mentre la presunta analogia con il Mourvèdre francese, diffuso in Spagna con il nome di Morastrell, sembra poco credibile, nonostante i termini Muristellu o Muristella con i quali il Bovale è ulteriormente conosciuto. Altri sinonimi frequenti sono Bovaleddu, Bualeddu, Bovale Piticcu, Cardinìssia e Cadelanisca. È iscritto al Registro Nazionale delle Varietà di Vite dal 1970.

Varietà raccomandata in tutte le province della Sardegna, è diffuso soprattutto nel Cagliaritano, nel territorio di Oristano e Terralba, nell’Anglona e nel Logudoro. Rientra nella composizione delle Doc Campidano di Terralba (in purezza) e Mandrolisai (unito a Cannonau e Monica).

Il grappolo è di media grandezza, cilindrico o cilindrico-conico, abbastanza serrato e spesso alato. L’acino ha medie dimensioni e forma sferoidale; la buccia è spessa e consistente, molto pruinosa, di colore nero-viola cupo. La vendemmia si effettua generalmente verso la fine di settembre o all’inizio di ottobre.

È più spesso vinificato assieme alle principali varietà rosse sarde; in purezza dà origine a un vino dal colore rubino carico con evidenti riflessi violacei. L’impronta olfattiva è intensa e fortemente vinosa, con richiami di frutta rossa matura. In bocca ha carattere, pienezza, anche se talvolta può risultare leggermente tannico. E’ un vino che migliora con l’invecchiamento.