Viticoltura eroica all’ombra del Vesuvio

Viticoltura eroica all’ombra del Vesuvio

Furore è un sostantivo maschile che indica uno sconvolgimento, un’emozione violenta, inaspettata e repentina. Furore è stato un programma televisivo di successo. Furore è anche un Comune, posto tra Amalfi e Positano, in uno dei tratti di mare più suggestivi e belli d’Italia.
Furore però è anche un vino, sia bianco che rosso, prodotto proprio nelle zone limitrofe al Comune, nell’area della Costiera Amalfitana da cui prende la DOC Furore. Tramonti e Ravello sono infatti le sottozone, indicabili in etichetta e spesso utilizzate per nominare il vino stesso, della Denominazione Costa d’Amalfi, che raggruppa tutti i vini prodotti in Costiera.
Un’azienda su tutti ha saputo comunicare a dovere le qualità di un’intera area produttiva: Marisa Cuomo. Una donna, un nome conosciutissimo, dei vini di assoluto pregio.
Prima di parlare dei vini dell’azienda, torniamo alla costa, al mare, alle scogliere a strapiombo sul blu.

Quando si parla di viticoltura eroica si cita spesso l’Alto Adige o la Valtellina, a volte la Valle d’Aosta, i più chic menzionano le Cinque Terre, chi ha viaggiato per vigneti pensa alla Mosella o al Reno. Tutti esempi calzanti, giacché sono tutte realtà dove fare il mestiere di vignaiolo non è esente da rischi professionali notevoli, o comunque richiede attrezzature che nulla hanno a che invidiare alle dotazioni degli scalatori di alta quota. Quando si pensa al Sud Italia invece, alla Costiera Amalfitana, si è portati a pensare al mare, al sole, ai limoni e ai colori, alle maioliche e ai profumi, al cibo, alla tavola imbandita. Provate a digitare su Google “vigneti a Furore”, poi dimenticatevi di aver scritto Furore, non prestate attenzione al mare sottostante, guardate solamente le vigne. Sorpresa: "viticoltura eroica all’ombra del Vesuvio".

Anche qui fare vino può essere un mestiere complicato; anche qui, come in tutti i luoghi dove la natura complica la vita, la natura stessa sa poi donare frutti generosi. Nel caso specifico della Costa d’Amalfi, di frutti ne dona molti, tra cui l’uva, di molte varietà diverse. Le uve autorizzate per produrre i vini a denominazione sono infatti molte, tutte locali. La Falanghina è la più conosciuta tra le varietà a bacca bianca, ma da sola non basta, le si affianca infatti generalmente anche la Biancolella, uva tipica amalfitana e dell’isola d’Ischia. Fenile, Ginestra, Pepella e Ripoli sono altre uve autoctone che spesso completano l’uvaggio.
Piedirosso, conosciuto anche come Per’e Palummo, Aglianico e Sciascinoso sono i principali vitigni a bacca rossa, che danno origine al Costa d’Amalfi rosso, anche nella sottozona Furore.
Con una varietà di uve tale, è impensabile dare una definizione univoca del vino che ne deriva. Le generalizzazioni sono spesso sbagliate, in questo caso potrebbero essere addirittura fuorvianti. Considerato inoltre che l’assaggio è sempre la parte più piacevole del mestiere del Sommelier, mi limito a consigliarvi quello di oggi che, come anticipato, è con i vini di Marisa Cuomo



Se vuoi seguire il mio blog con tutti i miei articoli ==>clicca qui<==
Di seguito trovi un breve elenco ed il relativo link:
Viticoltura e paesaggio: La Val di Cembra e la Piana Rotaliana
Prié Blanc: un vitigno di alta montagna
Le parole del vino
"A Muntagna", i vini dell'Etna
Vino Bianco della Puglia
Che vino abbinare alla frutta
Vini bianchi da invecchiamento
Pillole di vino: la forma delle bottiglie
I Vini Rossi dell'Alto Adige e del Trentino
Il Trentino ed i suoi vini
La Riscoperta del Timorasso

L'importanza del vitigno
Cambia l'annata, viva l'Alto Adige
Chianti Classico: il Gallo Nero
Ricordando Mario Soldati: Montevecchia
Un vitigno mediterraneo: il Vermentino
Tanto vino da fare girare la testa: il Veneto
Frutti e profumi di Sicilia
Marche: una pubblicità vera
Toscana: il Sangiovese
Piemonte: dialogo improbabile tra Barbera e Nebbiolo
Il Friuli ed i suoi grandi vini
Dieci Millenni di Vino parte 2
Dieci Millenni di vino parte 1
Montalcino. quando il vino fa economia
Tre buoni motivi per bere Lambrusco
Montalcino: quando il vino fa economia
L'Amarone. In principio fu Recioto
Gewurztraminer: l'uva di Termeno cresciuta in Alsazia
Collio: DOC inter ...statale
Sua Maestà il Barolo
Bolgheri: Cipressi e Vino
Lugana: un vino da scoprire
Bortolomiol: Prosecco da tre Secoli
C'è Prosecco e ... Cartizze
Hofstatter: l'importanza della vigna
Ca' del Bosco. L'arte del vino
Il successo di Bellavista: ottimo vino, idee e marketing
Il Marsala tra storia e mito parte 2
Il Marsala tra storia e mito parte 1
Discussione "alta" sulla mineralità del vino
Tre falsi miti sul vino ed una verità
Uva e Nuraghi. I grandi rossi di Sardegna
Uva e Nuraghi. I grandi bianchi di Sardegna
Il caso Gaja e quanto vale una DOP (o DOCG)
Trento DOC
La vita della vite
La sequenza dei vini a tavola
I profumi del vino

La giusta temperatura
Geografia del vino: le Langhe
Come conservare un vino

Tappi, tappi, tanti tappi ...
La degustazione parte 1: guardare un vino
La degustazione parte 2: colore ed intensità
La degustazione parte 3: la densità
La degustazione parte 4: prima di berlo ... annusiamolo
La degustazione parte 5: il Vino all'assaggio
La degustazione parte 6: la strana bilancia
La degustazione parte 7: lo stato evolutivo
Un passito è sempre un vino dolce?
Ad un piatto orientale, quale vino abbinare?
Il Pinot Nero ed il decanter
Bollicine a pasto? Certo che SI
Come nasce uno spumante


Iscriviti alla newsletter

Nome:
E-mail:
Informativa sul trattamento