Vino in cambio di libertà

Vino in cambio di libertà

Nella convinzione che in Australia vi fossero tutte le condizioni per produrre vino, il Governatore Arthur Phillip (1738-1814) decise di chiedere l'aiuto della madrepatria Inghilterra, chiedendo che fossero inviati degli esperti nella coltivazione della vite e nella vinificazione. I funzionari di Sua Maestà risposero all'appello del governatore "a modo loro" inviando due prigionieri francesi!! Questi ultimi, secondo gli accordi, in cambio dei loro consigli "enologici" avrebbero ottenuto la libertà. I risultati, ovviamente fallimentari, del lavoro resero palese un'incontestabile verità: non necessariamente essere francesi significa saper fare il vino.


C'è da dire che il Governatore Arthur Phillip non individuò gli enologi giusti, ma sicuramente capì che il territorio era adatto alla produzione di vino. E' verso la metà dell'800 che in Australia si inizia a produrre dei vini di buona qualità. Il primo fu il Dr. Christopher Rawson Penfold nato nel 1811 e laureato in medicina nel 1838 in Gran Bretagna. Come molti dottori dell’epoca era fermamente convinto delle proprietà curative del vino. Prima di lasciare la Gran Bretagna ottenne alcune barbatelle, provenienti dal sud della Francia, che piantò attorno all’area del modesto cottage di pietra costruito, insieme alla moglie, alla periferia di Adelaide nel 1845. La coppia chiamò questa casa The Grange (La Fattoria). Il Dott. Penfold oltre a praticare come medico, produceva vini fortificati, tipo Porto e Sherry, per i propri pazienti.

Poiché la domanda dei suoi vini andava crescendo di giorno in giorno (doveva essere proprio bravo il Dr. Penfold), la famiglia Penfold aumentò la superficie dei vigneti e la produzione. Confesso che avrei voluto vivere nell'Australia di fine '800: si andava dal dottore e non si ritornava a casa con le tristissime ricette di oggi con farmaci impronunciabili, bensì con una buona bottiglia di vino fortificato. Ho l'impressione che nello studio del Dr. Penfold c'era sempre la fila.

P.S.
1. Mi domando se i due prigionieri francesi riuscirono a conservare la libertà anche dopo il pessimo risultato nella produzione di vino.
2. Oggi Penfolds è la cantina più importante dell'Australia

 



Per scoprire tutti gli articoli del nostro blog ==> clicca qui <==
Ecco un breve elenco degli articoli del nostro blog:
Il Barone Bettino Ricasoli ed il Chianti
Vino in cambio di libertà
Il Pinot Nero e l'Alto Adige
Cabernet a Barbaresco? Si vergogni!
Viticoltura Eroica. Costa d'Amlfi DOC
Sa di Tappo!!
Piemonte e Borgogna, due storie di successo con tante analogie
Perchè il Gallo Nero è il simbolo del Chianti Classico?
Vino e Tartufo
Che vino abbinare alla pizza? Ecco i nostri consigli
Le origini della pasta alla carbonara ed un suggerimento sul vino da abbinare
Che vino abbinare ai pizzoccheri
Stelvin (tappo a vite) o tappo in sughero
Storia, curiosità e segreti dello Spritz
Un brindisi con il gatto
Il vino elisir di giovinezza
Il vino nella preparazione dei piatti
Il Vino e l'alimentazione Vegan
Vino e Sushi
Come servire e bere lo Champagne e le bollicine
Come si produce lo Champagne parte 4: invecchiamento, remuage, degorgement e dosaggio
Come si produce lo champagne parte 3: la presa di spuma con la seconda fermentazione
Come si produce lo champagne parte 2: l'arte dell'assemblaggio o blending
Come si produce lo champagne parte 1: prima fermentazione alcolica
Come è nato lo Champagne: una grande Storia
La Leggenda dell'Aeroplan Servaj. Barolo Aeroplanservaj Domenico Clerico
Dal vino all'uva. I lieviti
Il vino come medicinale in epoca antica
La domanda di vino nell'Antica Grecia
Il Metodo Champenoise o Metodo Classico
I vini muffati. La botrytis cinerea
Il Vino nella storia
Il Mito dei miti: il Sassicaia
Foto di persone dopo il primo ... secondo e terzo bicchiere di vino
Vinificare in rosato
Come fare i brindisi in varie lingue … ricordando che in giapponese “chinchin” (si pronuncia cin cin) vuol dire “ca . . o”
Mario Soldati. "Vino al vino"
Franciacorta. Origine del nome
Perchè i grandi Cru sono spesso chiamati "Sant'Urbano"?
Come fare i fighi ad una degustazione tra amici

Articoli suggeriti


Iscriviti alla newsletter

Nome:
E-mail:
Informativa sul trattamento