Vino e Pizza. Qualche consiglio su come abbinarli

Vino e Pizza. Qualche consiglio su come abbinarli

Io adoro la pizza, questo è certo. Di solito con la pizza bevo una buona birra, magari artigianale non pastorizzata, di solito chiara o al massimo ambrata. Pizza e birra effettivamente è un connubio classico, un cult della gastronomia.
Come però le birre sono diventate sempre più complesse ed eleganti al gusto, allo stesso modo la pizza è ormai un prodotto gastronomico che sempre più spesso si abbina al vino. Del resto un cibo solido si abbina ad una bevanda liquida, la birra si sposa sempre più spesso ai cibi più prelibati e il vino la sostituisce con onore in abbinamento al più famoso piatto partenopeo.
Anche in questo caso però, come è stato per il tartufo, vedasi l’articolo di settimana scorsa, occorrono alcune premesse e precisazioni. La pizza può essere semplice, una margherita ad esempio, ma può essere anche molto ricca e complessa. Una pizza alle verdure è diversa da una diavola, che è diversa da una pizza con uovo e pancetta, giusto per citarne qualcuna.



Vale quindi la regola che l’abbinamento dipende dal piatto completo, cioè dalla somma dei sapori e delle consistenze di ogni elemento che lo compongono. Considerato ciò, ovvero analizzata la pizza nel suo insieme, poi valgono le regole generali dell’abbinamento: ad una sensazione grassa o untuosa meglio accompagnare un vino che sgrassa: tannino e bollicina, oltre l’acidità, faranno al caso vostro. A sensazioni speziate o pungenti meglio sposare vini morbidi, alcool e morbidezza saranno indispensabili.
Non vale nemmeno la regola di mettere sempre un bianco o un rosso sulla pizza, perché capirete che le caratteristiche necessarie per bilanciare a dovere tutti gli elementi possono trovarsi a volte in un rosso a volte in un vino bianco.
Esiste però anche un abbinamento per tradizione: l’Asprigno di Aversa. Per tradizione e per territorialità, dato che è campano, prodotto nell’aversano da dove arriva anche la pregiata Mozzarella (non me ne vogliano i casertani, altra patria doc della mozzarella di bufala campana). L’Asprigno è un’uva che genera vini molto acidi quasi aspri, da lì il suo nome. La peculiarità è che la pianta viene maritata ai pioppi e si sviluppa in altezza anche per dieci metri, tanto che le vendemmie vengono fatte con apposite scale, ciascuna personale di ogni vendemmiatore, si diceva addirittura che le scale venissero fatte fare sulla base della corporatura del vendemmiatore.
Bene, avrete quindi capito che un vino solo da abbinare alla pizza non esiste, proprio perché non esiste una sola pizza. Dunque che dire? Divertitevi a combinare pizze e vini diversi di volta in volta. Buon appetito.

Se vuoi seguire il mio blog con tutti i miei articoli ==>clicca qui<==
Di seguito trovi un breve elenco ed il relativo link:

Cantina Produttori del Barbaresco
10 luoghi comuni sul vino: ovvero 10 cose da non dire. Parte 2
10 luoghi comuni sul Vino: ovvero 10 cose da non dire. Parte 1
Quale contenitore per l'affinamento del vino?
I Materiali per l'affinamento del vino

Triple "A": Agricoltori, Artigiani, Artisti
Vendemmia 2017
Vino Biologico, Biodinamico, Naturale. Parte 4

Vino Biologico, Biodinamico, Naturale. Parte 3
Vino Biologico, Biodinamico, Naturale. Parte 2
Vino Biologico, Biodinamico, Naturale. Parte 1
Il Metodo Ancestrale

Puglia: il Nero di Troia
Viticoltura e paesaggio: la Val di Cembra e la Piana Rotaliana
Viticoltura eroica all'ombra del Vesuvio
Prié Blanc: un vitigno di alta montagna
Le parole del vino
"A Muntagna", i vini dell'Etna
Vino Bianco della Puglia
Che vino abbinare alla frutta
Vini bianchi da invecchiamento
Pillole di vino: la forma delle bottiglie
I Vini Rossi dell'Alto Adige e del Trentino
Il Trentino ed i suoi vini
La Riscoperta del Timorasso

L'importanza del vitigno
Cambia l'annata, viva l'Alto Adige
Chianti Classico: il Gallo Nero
Ricordando Mario Soldati: Montevecchia
Un vitigno mediterraneo: il Vermentino
Tanto vino da fare girare la testa: il Veneto
Frutti e profumi di Sicilia
Marche: una pubblicità vera
Toscana: il Sangiovese
Piemonte: dialogo improbabile tra Barbera e Nebbiolo
Il Friuli ed i suoi grandi vini
Dieci Millenni di Vino parte 2
Dieci Millenni di vino parte 1
Montalcino. quando il vino fa economia
Tre buoni motivi per bere Lambrusco
Montalcino: quando il vino fa economia
L'Amarone. In principio fu Recioto
Gewurztraminer: l'uva di Termeno cresciuta in Alsazia
Collio: DOC inter ...statale
Sua Maestà il Barolo
Bolgheri: Cipressi e Vino
Lugana: un vino da scoprire
Bortolomiol: Prosecco da tre Secoli
C'è Prosecco e ... Cartizze
Hofstatter: l'importanza della vigna
Ca' del Bosco. L'arte del vino
Il successo di Bellavista: ottimo vino, idee e marketing
Il Marsala tra storia e mito parte 2
Il Marsala tra storia e mito parte 1
Discussione "alta" sulla mineralità del vino
Tre falsi miti sul vino ed una verità
Uva e Nuraghi. I grandi rossi di Sardegna
Uva e Nuraghi. I grandi bianchi di Sardegna
Il caso Gaja e quanto vale una DOP (o DOCG)
Trento DOC
La vita della vite
La sequenza dei vini a tavola
I profumi del vino

La giusta temperatura
Geografia del vino: le Langhe
Come conservare un vino


Iscriviti alla newsletter

Nome:
E-mail:
Informativa sul trattamento