Vigneti Massa

Vigneti Massa

I Vigneti Massa si trovano in Piemonte, terra dei migliori vini italiani. Dai frutti di questi terreni nasce il Barbera Doc Monleale, vino di grande qualità e di prestigio nazionale. La zona su cui sorge questa azienda è quella di Monleale, in provincia di Alessandria. Ad oggi, però, grazie al lavoro della famiglia Massa, è tutta la valle dei colli Tortonesi ad essere totalmente riqualificata.

Storia dell’azienda

I Vigneti Massa si trovano nella zona del Piemonte sud-orientale, nel cosiddetto Tortonese, territorio che in passato era celebre soprattutto per i vini rossi. Con la nascita dell’azienda vitivinicola tale territorio è stato riadattato anche a patria dei vini bianchi.

I Vigneti Massa nascono grazie a un’idea di Walter Massa, un uomo con genialità imprenditoriale e passione per i vini che ha saputo riqualificare la varietà autoctona presente nel Tortonese, ovvero il Timorasso. Questo antico vitigno aveva avuto, dopo un’invasione dei vigneti da parte della fillossera, un notevole calo di produzione a vantaggio di altre varietà.

La valorizzazione del territorio tortonese inizia negli anni 80. L’opera di Walter Massa inizia nel 1987, anno in cui viene realizzata la prima produzione, mentre nel 2000 inizia l’imbottigliamento di diverse cru. In realtà, però, la famiglia Massa porta avanti la tradizione vitivinicola da diverse generazioni e affonda le proprie radici alla fine dell’800.

I Vitigni Massa contano attualmente 27 ettari sui quali vengono coltivati vitigni diversi. I principali sono:

  • Barbera
  • Freisa
  • Croatina
  • Moscato

Barbera DOC Monleale

Il Barbera Doc Monleale è tra i vini di maggior successo della produzione della famiglia Massa. Le uve con le quali viene prodotto, Freisa, Barbera e Croatina, appartengono a vigne che vanno dai 15 ai 50 anni di età. Il passaggio in barrique è di quasi due anni, a questo poi si aggiunge un altro anno di affinamento in bottiglia. Il risultato è un vino invecchiato morbido ed elegante.

Il Barbera DOC Monleale alla vista risulta di un colore rosso rubino intenso, ha al palato un sapore molto fruttato, tipico di un frutto maturo, ma al contempo una certa sapidità e freschezza. All’olfatto sprigiona un bouquet speziato che rimanda al ginepro, alle viole e alle ciliegie.

Questo vino si abbina perfettamente con i tipici piatti della tradizione culinaria piemontese, specialmente con sapori ricchi, come quelli dei formaggi molto stagionati sia a pasta dura che morbida.




Articoli suggeriti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Carica un nuovo codice
Inserisci il codice che leggi qui sopra: