Uva e Nuraghi. I grandi bianchi di Sardegna

Uva e Nuraghi. I grandi bianchi di Sardegna

In Sardegna c’è un gran bel mare, lunghe spiagge bianche o minuscole calette nascoste e un'acqua blu, limpida, cristallina. In Sardegna c’è cultura, quella antica e popolare. In Sardegna c'è tradizione e orgoglio paesano, c’è cibo, di terra più che di mare, il maialino, purceddù come si chiama lì.
In Sardegna c’è un mondo di colori, di maschere e di tradizioni da scoprire, e in Sardegna c’è vino, grande vino!
Già perché l’isola dei nuraghi, bagnata da 1800 chilometri di coste selvagge, spesso impervie a strapiombo sul blu, è una delle regioni d’Italia più intriganti per la produzione vitivinicola.
Posta in mezzo al Mediterraneo ha subito influssi, sotto forma di dominazioni, di varie potenze straniere, ma ha sempre conservato la sua tradizione e le sue uve tipiche, alcune di esse molto antiche e coltivate tutt’ora.



Il primo vitigno che viene alla mente, quando si parla di Sardegna, è soprattutto il Vermentino. E’ il più mediterraneo dei vitigni, coltivato infatti in tutte le zone costiere d'Italia (Liguria e Toscana), Francia (Costa Azzurra), Spagna e addirittura Marocco e Algeria. In Sardegna il Vermentino gode di una fortuna particolare, la presenza di granito nel sottosuolo dell’isola. Se infatti la Sicilia, ad esempio, è un isola prevalentemente argillosa e sabbiosa, la Sardegna è un blocco di granito piantato nel mare. Una grande uva, coltivata su un terreno che regala mineralità e sapidità in abbondanza, non può che generare grandi vini.
La zona più famosa, sempre parlando di Vermentino, è la Gallura, a nord est dell’isola. E’ l’unica denominazione che può fregiarsi delle DOCG, perché se coltivato altrove in Sardegna, il Vermentino è classificato DOC. Attenzione però ad immaginarsi quello di Gallura una spanna sopra gli altri, certo, lì si producono ottimi esempi di Vermentino, ma su tutto il territorio dell’isola non mancano produzione di pari o maggiore livello.



E’ considerato spesso un bianco semplice, da pesce, in realtà se ben trattato, con il Vermentino possono essere prodotti vini di grande spessore, di grande struttura, aiutata dall’apporto minerale di cui si parlava prima. Rimane un vino che certamente ben si abbina al mare, ma piatti di carne bianca possono essere degni accostamenti.
Come dicevamo all’inizio, la varietà di uve sull’isola sarda è notevole, sia a bacca bianca che rossa. A far compagnia all’onnipresente Vermentino troviamo, tra gli altri vitigni a bacca bianca: il Moscato e la Vernaccia, nella versione di Oristano, e poi ancora vitigni autoctoni e antichi come il Nasco e il Nuragus, oltre a tantissimi altri vitigni presenti nel nostro sud Italia. E poi ci sono ovviamente quelli a bacca rossa, di cui parleremo la prossima settimana. Per adesso dunque un buon assaggio di Vermentino. ==>clicca qui per una selezione di Vermentino di Sardegna<==



Se vuoi seguire il mio blog con tutti i miei articoli ==>clicka qui<==
Di seguito trovi un breve elenco ed il relativo link:
Ricordando Mario Soldati: Montevecchia
Un vitigno mediterraneo: il Vermentino
Tanto vino da fare girare la testa: il Veneto
Frutti e profumi di Sicilia
Marche: una pubblicità vera
Toscana: il Sangiovese
Piemonte: dialogo improbabile tra Barbera e Nebbiolo
Il Friuli ed i suoi grandi vini
Dieci Millenni di Vino parte 2
Dieci Millenni di vino parte 1
Montalcino. quando il vino fa economia
Tre buoni motivi per bere Lambrusco
Montalcino: quando il vino fa economia
L'Amarone. In principio fu Recioto
Gewurztraminer: l'uva di Termeno cresciuta in Alsazia
Collio: DOC inter ...statale
Sua Maestà il Barolo
Bolgheri: Cipressi e Vino
Lugana: un vino da scoprire
Bortolomiol: Prosecco da tre Secoli
C'è Prosecco e ... Cartizze
I profumi del vino
La giusta temperatura
Geografia del vino: le Langhe
Come conservare un vino

Tappi, tappi, tanti tappi ...
La degustazione parte 1: guardare un vino
La degustazione parte 2: colore ed intensità
La degustazione parte 3: la densità
La degustazione parte 4: prima di berlo ... annusiamolo
La degustazione parte 5: il Vino all'assaggio
La degustazione parte 6: la strana bilancia
La degustazione parte 7: lo stato evolutivo
Un passito è sempre un vino dolce?
Ad un piatto orientale, quale vino abbinare?
Il Pinot Nero ed il decanter
Bollicine a pasto? Certo che SI

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Carica un nuovo codice
Inserisci il codice che leggi qui sopra: