BLOG  

Tre buoni motivi per bere Lambrusco

Tre buoni motivi per bere Lambrusco

Di motivi per bere Lambrusco ce ne sarebbero molti più che tre e sarebbero tutti buoni, ma dato che di solito si dice così, mi limiterò a tre. Rigorosamente in ordine sparso e senza pretesa di esaustività e nemmeno di aver individuato i principali, ecco i miei tre buoni motivi per bere Lambrusco sempre, soprattutto in periodo di festa.
Motivo numero uno. L’uva Lambruschia è presente nell’area emiliana dalla notte dei tempi, l’impero romano, che un poco ovunque portò la cultura del vino e le competenze per produrlo, in Emilia non necessitò di introdurre la vite, la trovò bell’e pronta già li. Cresceva selvatica e difatti l’onnipresente Plinio il Vecchio la cita e ne fa discendere il nome dalla natura selvatica e spontanea. E’ forse l’uva italiana più autoctona e vera, senza offesa per tutte le altre varietà nobili e antiche, è però bello pensare di poter bere un pezzo di storia del vino italiano antecedente il periodo di Roma antica.



Motivo numero due. E’ un vino rosso frizzante, ritornato alla ribalta come mai prima d’ora, anche perché oggi è prodotto davvero bene, e con lui porta in auge l’intera gamma dei vini frizzanti. Anche questo è marchio di italianità, quel piccolo “busciare”, come dicono a Milano, negli ultimi decenni è sempre più diventato sinonimo di vini di poco conto, male! Molto male, perché la vinificazione frizzante è parte del patrimonio culturale nostrano e i vini che ne derivano possono essere di qualità tanto quanto i grandi rossi fermi da invecchiamento.



Motivo numero tre. Siamo sotto le feste e tradizionalmente a Capodanno si mangia cotechino e lenticchie, che guarda caso arrivano proprio dalle terre del Lambrusco. Oltre ad essere un abbinamento tipico, storico e territoriale, è anche un abbinamento cibo vino molto corretto dal punto di vista tecnico. Il cotechino è molto grasso, dotato di buon aromaticità e poco strutturato, in ogni caso più di tutto è grasso; il Lambrusco possiede acidità, perché è un vino giovane, e l’acido fa salivar, e, contribuendo a pulire la bocca; Il Lambrusco è, oltre che un vino giovane, un vino rosso, quindi dotato di tannino che asciuga la bocca dalla succulenza, qualora non bastasse il Lambrusco è un vino frizzante, ricco di anidride carbonica, che è lo sgrassante per antonomasia. Insomma il Lambrusco possiede tutte le caratteristiche giuste per sposare alla perfezione un piatto dalla pronunciata grassezza.
Siamo arrivati a tre buoni motivi per bere Lambrusco, potremmo aggiungerne altri: ha un ottimo rapporto qualità prezzo, ha una bevibilità eccezionale, e via di questo passo. Assaggiatene uno. Ecco alcune cantine strepitose: Ceci, Medici Ermete, Cleto Chiarli, Rinaldini, Cantina Sociale di Sorbara



Se vuoi seguire il mio blog con tutti i miei articoli ==>clicka qui<==
Di seguito trovi un breve elenco ed il relativo link:
Montalcino: quando il vino fa economia
L'Amarone. In principio fu Recioto
Gewurztraminer: l'uva di Termeno cresciuta in Alsazia
Collio: DOC inter ...statale
Sua Maestà il Barolo
Bolgheri: Cipressi e Vino
Lugana: un vino da scoprire
Bortolomiol: Prosecco da tre Secoli
C'è Prosecco e ... Cartizze
Hofstatter: l'importanza della vigna
Ca' del Bosco. L'arte del vino
Il successo di Bellavista: ottimo vino, idee e marketing
Il Marsala tra storia e mito parte 2
Il Marsala tra storia e mito parte 1
Discussione "alta" sulla mineralità del vino
Tre falsi miti sul vino ed una verità
Uva e Nuraghi. I grandi rossi di Sardegna
Uva e Nuraghi. I grandi bianchi di Sardegna
Il caso Gaja e quanto vale una DOP (o DOCG)
Trento DOC
La vita della vite
La sequenza dei vini a tavola
I profumi del vino

La giusta temperatura
Geografia del vino: le Langhe
Come conservare un vino

Tappi, tappi, tanti tappi ...
La degustazione parte 1: guardare un vino
La degustazione parte 2: colore ed intensità
La degustazione parte 3: la densità
La degustazione parte 4: prima di berlo ... annusiamolo
La degustazione parte 5: il Vino all'assaggio
La degustazione parte 6: la strana bilancia
La degustazione parte 7: lo stato evolutivo
Un passito è sempre un vino dolce?
Ad un piatto orientale, quale vino abbinare?
Il Pinot Nero ed il decanter
Bollicine a pasto? Certo che SI
Come nasce uno spumante

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Carica un nuovo codice
Inserisci il codice che leggi qui sopra: