Scopri tutti i Vini Premiati con i 3 Bicchieri del Gambero Rosso

Ricordando Mario Soldati: Montevecchia

Ricordando Mario Soldati: Montevecchia

Quando, a partire dal 2008, venne codificata la Denominazione IGT Terre Lariane, qualcuno secondo me gridò allo scandalo: la neonata provincia di Monza e Brianza esigeva la sua denominazione. Del resto in Italia le IGT, Doc e Docg aumentano progressivamente, spesso (c’è da supporre) senza un reale legame al territorio e ad una vera produzione di qualità.
Nel caso dei vini di Montevecchia, cuore della citata denominazione che comprende in vero 195 Comuni tra le provincie di Lecco e Como, l’ugola ben ha fatto se è rimasta silenziosa, perché lo scandalo proprio non c’è.



Montevecchia è la terrazza di Milano, circa 25 chilometri in linea d’aria dalla Madonnina, che ben si scorge nelle giornate serene. È il piano alto di un palazzo nobile, che poggia le fondamenta nel capoluogo lombardo con i comignoli che sbuffano fumo in riva al lago di Lecco.
Si produceva vino negli anni che furono, molti anni fa il vino di Montevecchia godeva di buona fama nazionale. Lo stesso Soldati, quando decise di intraprendere il suo viaggio alla (ri)scoperta di vini genuini, non poté esimersi dal recarsi a Montevecchia, sorvolando invece sulla Franciacorta, ad esempio, e sostanzialmente anche sull’Oltrepò. Tuttavia già allora il Soldati, nel suo libro “Vino al Vino”, non fece mistero di non avere molta fiducia di ritrovare in quelle terre un buon bicchiere genuino ed autentico. Era l’autunno del 1969. Già allora infatti il Montevecchia era poco più che un ricordo nei cuori degli appassionati; successivamente se ne parlò ancora meno.
Fortunatamente a volte la storia è ciclica e negli ultimi vent’anni i vini di Montevecchia pare abbiano ripreso ad essere prodotti, gustati ed apprezzati localmente e non solo. Molto merito di ciò va alla cantina che più di altre ne è diventata il simbolo, bandiera di una fortunata rinascita enologica; stiamo parlando di Cantina La Costa, con sede proprio alle pendici di Montevecchia: i suoi vini sono ovviamente anche l’imprescindibile consiglio di assaggio per oggi.



Andando alla scoperta di queste bottiglie, troverete molti vitigni internazionali: RieslingChardonnay e Sauvignon per i bianchi, Pinot Nero, Merlot e Syrah per i rossi. Fortunatamente non solo quelli, ma certamente difficilmente si ritroveranno gli uvaggi tutti italiani citati dal Soldati.
Rileggiamo insieme il Soldati: “Credevo, in buona fede, che il Montevecchia non esistesse più […] è una tra le più belle posizioni di tutta la Brianza: uno spalto altissimo, un balcone che si erge, fuori dalle nebbie, che si affaccia diritto a sud: nelle giornate di vento si vede dalla Cisa al Monte Rosa.”
Nulla da aggiungere, buona degustazione.



Se vuoi seguire il mio blog con tutti i miei articoli ==>clicca qui<==
Di seguito trovi un breve elenco ed il relativo link:
I Vini rossi dell'Alto Adige e del Trentino
Il Trentino ed i suoi vini
Chianti Classico: il Gallo Nero
Un vitigno mediterraneo: il Vermentino
Tanto vino da fare girare la testa: il Veneto
Frutti e profumi di Sicilia
Marche: una pubblicità vera
Toscana: il Sangiovese
Piemonte: dialogo improbabile tra Barbera e Nebbiolo
Il Friuli ed i suoi grandi vini
Dieci Millenni di Vino parte 2
Dieci Millenni di vino parte 1
Montalcino. quando il vino fa economia
Tre buoni motivi per bere Lambrusco
Montalcino: quando il vino fa economia
L'Amarone. In principio fu Recioto
Gewurztraminer: l'uva di Termeno cresciuta in Alsazia
Collio: DOC inter ...statale
Sua Maestà il Barolo
Bolgheri: Cipressi e Vino
Lugana: un vino da scoprire
Bortolomiol: Prosecco da tre Secoli
C'è Prosecco e ... Cartizze
Hofstatter: l'importanza della vigna
Ca' del Bosco. L'arte del vino
Il successo di Bellavista: ottimo vino, idee e marketing
Il Marsala tra storia e mito parte 2
Il Marsala tra storia e mito parte 1
Discussione "alta" sulla mineralità del vino
Tre falsi miti sul vino ed una verità
Uva e Nuraghi. I grandi rossi di Sardegna
Uva e Nuraghi. I grandi bianchi di Sardegna
Il caso Gaja e quanto vale una DOP (o DOCG)
Trento DOC
La vita della vite
La sequenza dei vini a tavola
I profumi del vino

La giusta temperatura
Geografia del vino: le Langhe
Come conservare un vino

Tappi, tappi, tanti tappi ...
La degustazione parte 1: guardare un vino
La degustazione parte 2: colore ed intensità
La degustazione parte 3: la densità
La degustazione parte 4: prima di berlo ... annusiamolo
La degustazione parte 5: il Vino all'assaggio
La degustazione parte 6: la strana bilancia
La degustazione parte 7: lo stato evolutivo
Un passito è sempre un vino dolce?
Ad un piatto orientale, quale vino abbinare?
Il Pinot Nero ed il decanter
Bollicine a pasto? Certo che SI
Come nasce uno spumante

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Carica un nuovo codice
Inserisci il codice che leggi qui sopra: