Puglia: il Nero di Troia

Puglia: il Nero di Troia

Diversi anni fa, Milano tentava di rubare la scena a Verona e a Vinitaly inaugurando MiWine. I locali del nuovo polo fieristico meneghino furono la sede di questa nuova manifestazione vitivinicola internazionale. Un tentativo che non proseguì negli anni e che oggi non c’è più. Di quelle edizioni ho un ricordo ancora netto in mente. Anzi due, ma il secondo riguarda uno dei peggiori assaggi della mia vita e pertanto non ne parlerò mai. Il primo invece è un ricordo estremamente piacevole, trattasi di un vino rosso di PugliaNero di Troia.

Erano anni in cui il Sud Italia aveva definitivamente cancellato l’immagine di sé come grande serbatoio di vini da taglio per l’Italia del nord e non solo. I successi di vendita e di riconoscimenti ottenuti da alcuni grandi alfieri dell’enologia siciliana avevano aperto la strada a tutte le regioni del meridione, che tentavano in quegli anni di trovare la propria dimensione commerciale e d’immagine, possibilmente connotata da una nuova aurea di qualità. La Puglia, oltre che su NegroamaroPrimitivo, anzi forse più che su questi due vitigni, puntò sul Nero di Troia, il terzo alfiere del vino rosso di Puglia. Come per la Sicilia il Nero d’Avola ha rappresentato e rappresenta l’emblema del vino isolano, anche la Puglia schierava i suoi migliori cavalli e puntava dritta al podio.
Dei tre grandi rossi prodotti nel tacco d’Italia, quello meno famoso era proprio il Nero di Troia; forse lo è anche adesso. Peccato, è un gran bel vino.
Il nome indica con precisione due elementi: per primo il colore, che come molti vitigni meridionali è cupo e carico, di un rosso rubino che tende al nero, impenetrabile, quasi un inchiostro. Per secondo il legame con la città di Troia, sul Gargano, sua prima e più naturale casa.
È un vitigno che non produce in abbondanza, ciò che non nega di contro è la qualità. La sua scarsa produttività però l’ha spesso fatto abbandonare in favore di coltivazioni più redditizie, anche non necessariamente viticole. Dal Gargano la sua coltivazione si è estesa in tutta la Puglia, tanto che in periodi diversi è stato coltivato più al centro sud della Regione che non nel Nord. Rimane tuttavia il centro-nord Pugliese, da Castel del Monte al Gargano, la sua terra d’elezione.

È un’uva in grado di produrre vini profondi, come detto molto scuri e ricchi di colore, con note fruttate intense e spesso dotati di buon corpo. In molti casi i vini possiedono anche buona propensione all’invecchiamento.
Un buon esempio di Nero di Troia, ma anche di tanti altri vini rossi di Puglia, sono Torrevento e Donato Angiuli, di cui oggi vi consiglio l’assaggio: "Vigna Pedale Riserva" Torrevento, "Bolonero" Castel del Monte Torrevento, Nero di Troia Donato Angiuli, "Ottagono" Nero di Troia Riserva Torrevento.


Se vuoi seguire il mio blog con tutti i miei articoli ==>clicca qui<==
Di seguito trovi un breve elenco ed il relativo link:
Il Metodo Ancestrale
Viticoltura e paesaggio: la Val di Cembra e la Piana Rotaliana
Viticoltura eroica all'ombra del Vesuvio
Prié Blanc: un vitigno di alta montagna
Le parole del vino
"A Muntagna", i vini dell'Etna
Vino Bianco della Puglia
Che vino abbinare alla frutta
Vini bianchi da invecchiamento
Pillole di vino: la forma delle bottiglie
I Vini Rossi dell'Alto Adige e del Trentino
Il Trentino ed i suoi vini
La Riscoperta del Timorasso

L'importanza del vitigno
Cambia l'annata, viva l'Alto Adige
Chianti Classico: il Gallo Nero
Ricordando Mario Soldati: Montevecchia
Un vitigno mediterraneo: il Vermentino
Tanto vino da fare girare la testa: il Veneto
Frutti e profumi di Sicilia
Marche: una pubblicità vera
Toscana: il Sangiovese
Piemonte: dialogo improbabile tra Barbera e Nebbiolo
Il Friuli ed i suoi grandi vini
Dieci Millenni di Vino parte 2
Dieci Millenni di vino parte 1
Montalcino. quando il vino fa economia
Tre buoni motivi per bere Lambrusco
Montalcino: quando il vino fa economia
L'Amarone. In principio fu Recioto
Gewurztraminer: l'uva di Termeno cresciuta in Alsazia
Collio: DOC inter ...statale
Sua Maestà il Barolo
Bolgheri: Cipressi e Vino
Lugana: un vino da scoprire
Bortolomiol: Prosecco da tre Secoli
C'è Prosecco e ... Cartizze
Hofstatter: l'importanza della vigna
Ca' del Bosco. L'arte del vino
Il successo di Bellavista: ottimo vino, idee e marketing
Il Marsala tra storia e mito parte 2
Il Marsala tra storia e mito parte 1
Discussione "alta" sulla mineralità del vino
Tre falsi miti sul vino ed una verità
Uva e Nuraghi. I grandi rossi di Sardegna
Uva e Nuraghi. I grandi bianchi di Sardegna
Il caso Gaja e quanto vale una DOP (o DOCG)
Trento DOC
La vita della vite
La sequenza dei vini a tavola
I profumi del vino

La giusta temperatura
Geografia del vino: le Langhe
Come conservare un vino

Tappi, tappi, tanti tappi ...
La degustazione parte 1: guardare un vino
La degustazione parte 2: colore ed intensità
La degustazione parte 3: la densità
La degustazione parte 4: prima di berlo ... annusiamolo
La degustazione parte 5: il Vino all'assaggio
La degustazione parte 6: la strana bilancia
La degustazione parte 7: lo stato evolutivo
Un passito è sempre un vino dolce?
Ad un piatto orientale, quale vino abbinare?
Il Pinot Nero ed il decanter
Bollicine a pasto? Certo che SI
Come nasce uno spumante

Articoli suggeriti


Iscriviti alla newsletter

Nome:
E-mail:
Informativa sul trattamento