Piemonte e Borgogna, due storie di successo con tante analogie

Piemonte e Borgogna, due storie di successo con tante analogie

Le Langhe presentano una serie di affinità con la Côte d’Or di Borgogna. In entrambe le zone il vino rappresenta l’essenza stessa di queste terre. ln esse, la storia e la cultura sono incentrate su una tradizione di enogastronomia di primo livello. Si tratta di due regioni la cui economia è basata sul vino e sul turismo enogastronomico. Entrambe le proprietà sono frazionate tra innumerevoli piccoli proprietari-produttori che sono i veri protagonisti della loro terra.

Solo di rado gli enologi di fama internazionale riescono a entrare nelle cantine di Langa e Borgogna, a dimostrazione della vitalità e della passione, anche per la vigna e la cantina, dei locali proprietari. Insomma, si tratta di gente orgogliosa della propria terra, poco disposta a rinnegare le proprie radici, sposando le mode del momento e i vitigni più noti. 

Tra i vini rossi, il Pinot Nero e il Nebbiolo regnano incontrastati nei siti più vocati, a dimostrazione della fiducia e della passione che i produttori nutrono nei confronti di queste piante. 

Inoltre, Pinot Nero e Nebbiolo sono entrambi vitigni che non amano gli uvaggi e che si esprimono al meglio da soli, in purezza. Sia il Pinot Nero che il Nebbiolo hanno inoltre dimostrato di non apprezzare zone che non siano quelle di loro provenienza. l numerosi tentativi fatti quasi in ogni parte del mondo per imitare i Pinot Nero della Borgogna hanno dato talvolta risultati incoraggianti, ma non hanno niente a che vedere con i migliori esempi di rossi di Borgogna. Nel caso del Nebbiolo è andata anche peggio. l tentativi di esportare il vitigno all’estero si sono risolti quasi sempre in vini che non ricordano neppure lontanamente quelli di Langa.

Anche in Piemonte si è inoltre diffusa la prassi di indicare in etichetta il nome del vigneto di provenienza delle uve, il cru. Oggi nomi come Rabaja, Brunate, Cannubi sono diventati familiari al pari dei celeberrimi Chambertin e Clos de Vougeot



Per scoprire tutti gli articoli del nostro blog ==> clicca qui <==
Ecco un breve elenco degli articoli del nostro blog:
Il Barone Bettino Ricasoli ed il Chianti
Vino in cambio di libertà
Il Pinot Nero e l'Alto Adige
Cabernet a Barbaresco? Si vergogni!
Viticoltura Eroica. Costa d'Amlfi DOC
Sa di Tappo!!
Piemonte e Borgogna, due storie di successo con tante analogie
Perchè il Gallo Nero è il simbolo del Chianti Classico?
Vino e Tartufo
Che vino abbinare alla pizza? Ecco i nostri consigli
Le origini della pasta alla carbonara ed un suggerimento sul vino da abbinare
Che vino abbinare ai pizzoccheri
Stelvin (tappo a vite) o tappo in sughero
Storia, curiosità e segreti dello Spritz
Un brindisi con il gatto
Il vino elisir di giovinezza
Il vino nella preparazione dei piatti
Il Vino e l'alimentazione Vegan
Vino e Sushi
Come servire e bere lo Champagne e le bollicine
Come si produce lo Champagne parte 4: invecchiamento, remuage, degorgement e dosaggio
Come si produce lo champagne parte 3: la presa di spuma con la seconda fermentazione
Come si produce lo champagne parte 2: l'arte dell'assemblaggio o blending
Come si produce lo champagne parte 1: prima fermentazione alcolica
Come è nato lo Champagne: una grande Storia
La Leggenda dell'Aeroplan Servaj. Barolo Aeroplanservaj Domenico Clerico
Dal vino all'uva. I lieviti
Il vino come medicinale in epoca antica
La domanda di vino nell'Antica Grecia
Il Metodo Champenoise o Metodo Classico
I vini muffati. La botrytis cinerea
Il Vino nella storia
Il Mito dei miti: il Sassicaia
Foto di persone dopo il primo ... secondo e terzo bicchiere di vino
Vinificare in rosato
Come fare i brindisi in varie lingue … ricordando che in giapponese “chinchin” (si pronuncia cin cin) vuol dire “ca . . o”
Mario Soldati. "Vino al vino"
Franciacorta. Origine del nome
Perchè i grandi Cru sono spesso chiamati "Sant'Urbano"?
Come fare i fighi ad una degustazione tra amici

Articoli suggeriti


Iscriviti alla newsletter

Nome:
E-mail:
Informativa sul trattamento