Panettone Fiasconaro. Natale in Sicilia

Piatto dolce, vino dolce

Piatto dolce, vino dolce

Abbiamo già parlato di passiti, abbiamo visto come non necessariamente un vino passito sia un vino dolce (vedi articolo "Un passito è sempre un vino dolce?"). Questa volta tuttavia prendiamo in considerazione i passiti in quanto vini dolci e, più in generale, prendiamo in considerazione ogni vino che presenti un residuo zuccherino sufficiente a farlo considerare vino dolce. Non necessariamente un vino passito dunque, ma necessariamente un vino dolce.
Dico ciò, perché è proprio la dolcezza in un vino che, ove presente, ne condiziona l’abbinamento con il cibo.
Partiamo da ciò che non si fa: torta Chantilly e Spumante brut. Il classico abbinamento da fine matrimonio, che vede servire abbinate una portata dolce e un vino secco, è il peggio che si possa fare in termini di corretto abbinamento cibo vino.
Vediamo perché e cominciamo da un assunto elementare, ma necessario.



Per piatto dolce, intendiamo una preparazione cui è stato aggiunto fisicamente del dolcificante, zucchero o equipollente che sia, ad esempio miele o un generico dolcificante. Questa portata, che con tutta probabilità sarà un dessert, risulterà dolce al palato ovviamente, ma soprattutto vedrà lo zucchero come una delle sue caratteristiche strutturali, difatti lo zucchero è fisicamente aggiunto alla preparazione.
Come tutte le caratteristiche strutturali di un piatto, anche la dolcezza richiede che l’abbinamento con il vino sia fatto per concordanza, ovvero cibo e vino devono presentare la stessa caratteristica; ecco perché è buona norma abbinare un cibo dolce, un dessert, con un vino dolce, ad esempio un passito.
Conviene comportarsi come detto, non seguire questa semplice regola infatti, porta a risultati molto poco soddisfacenti. Il motivo è presto detto: tutte le caratteristiche strutturali di un piatto, se non assecondate parallelamente e proporzionalmente dal vino, portano ad uno squilibrio certo e quindi a far predominare l’uno sull’altro, con evidente penalizzazione o del cibo o del vino, a seconda di chi soccombe.



Spesso si accostano dolci molto zuccherini a vini molto secchi, amplificando un errore di base già grave. La buona norma invece, prevede che al crescere dello zucchero nel piatto, cresca anche lo zucchero residuo nel vino. Pertanto se ad un panettone abbiniamo un Moscato d’Asti, con una Cassata siciliana, molto più dolce, proporremmo invece uno Passito di Pantelleria, che a sua volta è molto più dolce del Moscato.
Questa appena espressa è una delle poche regole ferree in tema di abbinamento cibo vino. Dato però che non si tratta di filosofia, ma di mera prova empirica, vi invito all’esperimento, finite una vostra cena con un dessert e provate un moscato passito "La Bella Estate", provate poi anche un qualsiasi vino secco, giudicate voi quale si accompagna meglio.



Se vuoi seguire il mio blog con tutti i miei articoli ==>clicka qui<==
Di seguito trovi un breve elenco dei miei articoli ed il relativo link:
Ricordando Mario Soldati: Montevecchia
Un vitigno mediterraneo: il Vermentino
Tanto vino da fare girare la testa: il Veneto
Frutti e profumi di Sicilia
Marche: una pubblicità vera
Toscana: il Sangiovese
Piemonte: dialogo improbabile tra Barbera e Nebbiolo
Il Friuli ed i suoi grandi vini
Dieci Millenni di Vino parte 2
Dieci Millenni di vino parte 1
Montalcino. quando il vino fa economia
Tre buoni motivi per bere Lambrusco
Montalcino: quando il vino fa economia
L'Amarone. In principio fu Recioto
Gewurztraminer: l'uva di Termeno cresciuta in Alsazia
Collio: DOC inter ...statale
Sua Maestà il Barolo
Bolgheri: Cipressi e Vino
Lugana: un vino da scoprire
Bortolomiol: Prosecco da tre Secoli
C'è Prosecco e ... Cartizze
Il Metodo Solera. Ecco come si vinifica lo Sherry
L'abbinamento di un grande vino rosso
Geografia del vino: la Valpolicella e l'Amarone
Una buona cantina Vini personale
Geografia del vino: Gattinara
Dimostrate di essere dei veri esperti: girate il bicchiere!

L'abbinamento di un vino tannico
Geografia del vino: le Langhe
Come conservare un vino
Tappi, tappi, tanti tappi ...
La degustazione parte 1: guardare un vino
La degustazione parte 2: colore ed intensità
La degustazione parte 3: la densità
La degustazione parte 4: prima di berlo ... annusiamolo
La degustazione parte 5: il Vino all'assaggio
La degustazione parte 6: la strana bilancia
La degustazione parte 7: lo stato evolutivo
Un passito è sempre un vino dolce?
Ad un piatto orientale, quale vino abbinare?
Il Pinot Nero ed il decanter
Bollicine a pasto? Certo che SI

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Carica un nuovo codice
Inserisci il codice che leggi qui sopra: