BLOG  

La degustazione 3: la densità

La degustazione 3: la densità

Questo pezzo segue da “La Degustazione: colore e intensità”.
Stabilito che il vino non ha un colore fisso, ma che questo cambia a seconda del vitigno e dell’età del vino stesso, una buona degustazione, quando prende in considerazione l’aspetto visivo deve considerare anche la vitalità del colore. Non è semplice da spiegare, possiamo dire che alcuni vini, a parità di limpidezza, tonalità ed intensità del colore, sono comunque più vivi di altri, più lucidi? Questa vitalità del colore è spesso segno di buona mineralità presente nel vino e spesso si ritrova in vini di montagna.



Definito con quest’ultimo particolare l’aspetto visivo del vino in relazione al suo colore, per completare la parte visiva della degustazione occorre ora valutare la densità del vino.
Facciamo roteare leggermente il bicchiere e osserviamo quello che succede. Il vino, una volta fermato il bicchiere tenderà a continuare a girare per ancora alcuni istanti. Molti vini appariranno particolarmente fluidi, altri invece sembreranno dotati di abs tanto si arrestano immediatamente. Nella degustazione questa si chiama densità e indica specificatamente la struttura e la corposità del vino. Attenzione, struttura e colore non sono sinonimi, pertanto se nella vostra degustazione troverete un vino scarico di colore, facevamo l’esempio di un Pinot nero, non è assolutamente detto che questo vino sia debole di struttura, anzi. Vale la stessa regola per un vino che alla degustazione presenta un colore molto cupo ed impenetrabile, come ad esempio un Negroamaro pugliese, ebbene questo vino non è assolutamente detto sia strutturato e corposo.  Questo passaggio della degustazione vale sia per vini bianchi che rossi, ma non vale per un’altra tipologia di vino, le bollicine! Spumanti e Champagne non vanno mai agitati nel bicchiere, guai a ruotare un bicchiere di bollicine, faremmo semplicemente sgasare il vino, rovinandolo per sempre.



Quando si esegue la degustazione di un vino frizzante infatti non si giudica mai la densità, bensì si analizza il suo perlage. Questo termine francese indica le colonnine di bollicine che risalgono verso la superficie. Delle nostre bollicine osserveremo il diametro, più sono fini e tendenzialmente più lo spumante è di qualità; osserveremo il numero, quante sono, ma in questo caso non ci lanceremo in giudizi qualitativi sul vino, troppi fattori infatti interagiscono condizionando il numero di bollicine presenti. Nella degustazione giudicheremo poi anche la persistenza delle bollicine nel vino, cioè quanto le colonnine di piccole bolle rimangono presenti nel bicchiere. Anche in questo caso però non esprimeremo giudizi di meritò, perché anche per questo particolare aspetto, sono molteplici i fattori che determinano la persistenza del perlage e ben pochi di questi hanno a che fare con la qualità intrinseca del vino.
In questi tre articoli abbiamo ben capito cosa osservare nel bicchiere di vino e come deve essere condotta la nostra degustazione visiva. Dalla vista all’olfatto dunque; nella prossima puntata porteremo il vino al naso scoprendone il fantastico bouquet.



Se vuoi seguire il mio blog con tutti i miei articoli ==>clicka qui<==
Di seguito trovi un breve elenco ed il relativo link:
Ricordando Mario Soldati: Montevecchia
Un vitigno mediterraneo: il Vermentino
Tanto vino da fare girare la testa: il Veneto
Frutti e profumi di Sicilia
Marche: una pubblicità vera
Toscana: il Sangiovese
Piemonte: dialogo improbabile tra Barbera e Nebbiolo
Il Friuli ed i suoi grandi vini
Dieci Millenni di Vino parte 2
Dieci Millenni di vino parte 1
Montalcino. quando il vino fa economia
Tre buoni motivi per bere Lambrusco
Montalcino: quando il vino fa economia
L'Amarone. In principio fu Recioto
Gewurztraminer: l'uva di Termeno cresciuta in Alsazia
Collio: DOC inter ...statale
Sua Maestà il Barolo
Bolgheri: Cipressi e Vino
Lugana: un vino da scoprire
Bortolomiol: Prosecco da tre Secoli
C'è Prosecco e ... Cartizze
Hofstatter: l'importanza della vigna
Ca' del Bosco. L'arte del vino
Il successo di Bellavista: ottimo vino, idee e marketing
Il Marsala tra storia e mito parte 2
Il Marsala tra storia e mito parte 1
Discussione "alta" sulla mineralità del vino
Tre falsi miti sul vino ed una verità
Uva e Nuraghi. I grandi rossi di Sardegna
Uva e Nuraghi. I grandi bianchi di Sardegna
Il caso Gaja e quanto vale una DOP (o DOCG)
Trento DOC
La vita della vite
La sequenza dei vini a tavola
I profumi del vino

La giusta temperatura
Geografia del vino: le Langhe
Come conservare un vino

Tappi, tappi, tanti tappi ...
La degustazione parte 1: guardare un vino
La degustazione parte 2: colore ed intensità
La degustazione parte 3: la densità
La degustazione parte 4: prima di berlo ... annusiamolo
La degustazione parte 5: il Vino all'assaggio
La degustazione parte 6: la strana bilancia
La degustazione parte 7: lo stato evolutivo
Un passito è sempre un vino dolce?
Ad un piatto orientale, quale vino abbinare?
Il Pinot Nero ed il decanter
Bollicine a pasto? Certo che SI

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Carica un nuovo codice
Inserisci il codice che leggi qui sopra: