Le Migliori offerte del giorno

Come si produce lo champagne parte 2: l'arte dell'assemblaggio o blending

Come si produce lo champagne parte 2: l'arte dell'assemblaggio o blending

È assai difficile che un solo vino ottenuto in una singola annata e proveniente da un unico vigneto e un'unica varietà di vitigno possa dare origine all'equilibrio perfetto di aroma, livello di zuccheri e acidità necessari per produrre un ottimo champagne; ecco perché di solito si mescolano diverse varietà di vini fermi. Questa procedura nota come assemblaggio o blending, viene compiuta direttamente al termine della prima fermentazione ed è considerata la vera chiave nell'arte della produzione dello champagne. Il capo cantiniere in alcuni casi può assemblare fino a 40 vini differenti, provenienti da vigneti, vitigni e annate diversi, per produrre un solo champagne: in qualche modo il capo cantiniere si comporta come una sorta di architetto dello champagne. Questa operazione di assemblaggio richiede un'esperienza notevole perché è estremamente difficile prevedere il risultato finale del mescolamento dato che il vino verrà consumato anni dopo. L’assemblaggio iniziale di vini fermi prevede l'uso di tre tipi di uve per formare un vino che viene sottoposto a una seconda fermentazione, il passaggio chiave in cui si ha la formazione della spuma nei vini frizzanti.



Di seguito tutti gli articoli su come si produce lo champagne:
Come servire e bere lo champagne e le bollicine
Come si produce lo champagne parte 1: prima fermentazione alcolica
Come si produce lo champagne parte 2: l'arte dell'assemblaggio o blending
Come si produce lo champagne parte 3: la presa di spuma con la seconda fermentazione
Come si produce lo Champagne parte 4: invecchiamento, remuage, degorgement e dosaggio



Per scoprire tutti gli articoli del nostro blog ==> clicca qui <==
Ecco un breve elenco degli articoli del nostro blog:
Il Barone Bettino Ricasoli ed il Chianti
Vino in cambio di libertà
Il Pinot Nero e l'Alto Adige
Cabernet a Barbaresco? Si vergogni!
Viticoltura Eroica. Costa d'Amlfi DOC
Sa di Tappo!!
Piemonte e Borgogna, due storie di successo con tante analogie
Perchè il Gallo Nero è il simbolo del Chianti Classico?
Vino e Tartufo
Che vino abbinare alla pizza? Ecco i nostri consigli
Le origini della pasta alla carbonara ed un suggerimento sul vino da abbinare
Che vino abbinare ai pizzoccheri
Stelvin (tappo a vite) o tappo in sughero
Storia, curiosità e segreti dello Spritz
Un brindisi con il gatto
Il vino elisir di giovinezza
Il vino nella preparazione dei piatti
Il Vino e l'alimentazione Vegan
Vino e Sushi
Come servire e bere lo Champagne e le bollicine
Come si produce lo Champagne parte 4: invecchiamento, remuage, degorgement e dosaggio
Come si produce lo champagne parte 3: la presa di spuma con la seconda fermentazione
Come si produce lo champagne parte 2: l'arte dell'assemblaggio o blending
Come si produce lo champagne parte 1: prima fermentazione alcolica
Come è nato lo Champagne: una grande Storia
La Leggenda dell'Aeroplan Servaj. Barolo Aeroplanservaj Domenico Clerico
Dal vino all'uva. I lieviti
Il vino come medicinale in epoca antica
La domanda di vino nell'Antica Grecia
Il Metodo Champenoise o Metodo Classico
I vini muffati. La botrytis cinerea
Il Vino nella storia
Il Mito dei miti: il Sassicaia
Foto di persone dopo il primo ... secondo e terzo bicchiere di vino
Vinificare in rosato
Come fare i brindisi in varie lingue … ricordando che in giapponese “chinchin” (si pronuncia cin cin) vuol dire “ca . . o”
Mario Soldati. "Vino al vino"
Franciacorta. Origine del nome
Perchè i grandi Cru sono spesso chiamati "Sant'Urbano"?
Come fare i fighi ad una degustazione tra amici



Articoli suggeriti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Carica un nuovo codice
Inserisci il codice che leggi qui sopra: