BLOG  

Il vino in anfora

Il vino in anfora

Il vino in anfora è il più moderno dei vini. Dopo essere stato il più antico dei contenitori, utilizzato ben prima dell’introduzione del vetro, l’anfora di terracotta è oggi il più moderno dei recipienti per l’affinamento del vino. Nell’antichità era contenitore, punto e basta; serviva per contenere, trasportare, mescere. Oggi si parla di affinamento, ovvero più che di contenimento puro e semplice, fine a sé stesso, di funzione relativa alla maturazione e quindi compartecipe alla realizzazione del gusto finale del prodotto.
È difatti corretto parlare di vino invecchiato in anfora, o vino affinato in anfora, esattamente come parliamo di barricato, ovvero invecchiato in barrique, oppure affinato in solo acciaio, cioè di vino che prima dell’imbottigliamento vede solo contenitori in acciaio e mai in legno.
Tutti conosciamo Josko Gravner, il padre della Ribolla Gialla prodotta sul Collio italiano, vinificata in rosso e invecchiata. I suoi vini affinano in anfora, grossi contenitori di terracotta importati direttamente dalla Georgia, patria degli antichi e moderni produttori di vino in anfora, che Josko interra per tre quarti, per limitare la traspirazione che la terracotta concede.
Appunto la micro ossigenazione che la terracotta consente è il punto della questione. I vini evolvono in riduzione, senza presenza di ossigeno, oppure in ossidazione, cioè con presenza di ossigeno. Una micro ossigenazione, data da un contenitore di materiale poroso è l’ideale per quei vini che, dopo la fermentazione, richiedono un lungo tempo per completarsi e risultare piacevoli al gusto. Questi vini godono appieno dell’effetto di un minimo contatto con l’ossigeno, che ne accelera il processo di evoluzione. Due le soluzioni possibili: il legno, soprattutto la botte piccola, oppure la terracotta delle anfore.
Il vantaggio dell’affinamento di un vino in anfore di terracotta è però un altro, almeno rispetto alla barrique. Se difatti le doghe della botte piccola consentono una traspirazione ideale, è anche vero che cedono sentori importanti al vino: note di legno, burro e vaniglia. L’anfora di terracotta questo pregio/problema non ce l’ha, perché l’antico materiale consente la traspirazione senza cedere sentore alcuno.
Infatti, se in alcuni casi l’apporto della barrique è voluto e opportuno, in altri potrebbe risultare eccessivo perché coprente, il vino in anfora questo problema non se lo pone proprio, il suo affinamento è scevro da ogni apporto organolettico esterno.
La storia è ciclica, e anche l’uso dell’anfora è tornato attuale, dunque tutti di corsa ad assaggiare la nuova moda del momento, che affonda le sue radici in millenni di storia del vino, dall’antica Georgia all’Italia dei nostri giorni.

Se vuoi seguire il mio blog con tutti i miei articoli ==>clicca qui<==
Di seguito trovi un breve elenco ed il relativo link:

Champagne: peculiarità, storia e mito. Parte 1
DOC e DOCG. Storia ed utilità - Parte 1
Numeri e curiosità sul vino italiano nel 2017

Natale e Capodanno a bollicine
Un vino da abbinare al Tiramisù
Cantina Produttori del Barbaresco

10 luoghi comuni sul vino: ovvero 10 cose da non dire. Parte 2
10 luoghi comuni sul Vino: ovvero 10 cose da non dire. Parte 1
Quale contenitore per l'affinamento del vino?
I Materiali per l'affinamento del vino

Triple "A": Agricoltori, Artigiani, Artisti
Vendemmia 2017

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Carica un nuovo codice
Inserisci il codice che leggi qui sopra: