Il Trentino ed i suoi vini

Il Trentino ed i suoi vini

Appena si entra in Trentino, con il lago di Garda ormai alle spalle, si incominciano subito a vedere ai lati dell’Adige vigneti e frutteti che si avvicendano in un paesaggio punteggiato di paesini con chiese e torri campanarie dai tetti appuntiti. L’allevamento della vite sale fino a dove il clima lo permette, per poi cedere inevitabilmente il passo alla vegetazione lussureggiante dei boschi. Oltre, alzando ancora lo sguardo, le onnipresenti montagne.

Il Trentino è terra di bianchi profumati, grazie al clima alpino caratterizzato da forti escursioni termiche che valorizzano i profumi dei vini, di rossi più o meno corposi, e dello Spumante Trento Doc, ottenuto con il metodo classico. La regione è divisa in cinque zone di produzione che seguono la morfologia del territorio: visto il clima alpino, la vite cresce in corrispondenza delle valli. In Val di Cembra, la valle più a nord, i terreni sono più ripidi e si coltivano vitigni come il Muller-Thurgau, il Pinot Bianco, lo Chardonnay e la Schiava, vitigno a bacca rossa. La Val dell’Adige, soprattutto nella Piana Rotaliana, è terra di Teroldego, un vitigno che sa regalare rossi di grande corpo e longevità. Attorno a Trento si produce il Trento Doc, mentre la Vallagarina è patria del Marzemino che dà Vini più leggeri ma senza perdere in finezza; e per finire c’è la Valle del Sarca, dove spicca la produzione del Nosiola, vitigno a bacca bianca con cui si ottiene anche un Vin Santo. I vigneti sono solitamente allevati col sistema della pergola trentina, che pur rendendo difficile la meccanizzazione permette alle uve di asciugarsi meglio dopo le frequenti piogge.

Una produzione variegata, quella del Trentino, iniziata con gli Illiri, prima ancora che i Romani arrivassero da queste parti, che ha continuato a svilupparsi anche in epoca medievale e oltre, fino all’arrivo di oidio, fillossera e peronospora. Non è un caso dunque se è proprio qui, a San Michele all’Adige, che è nata, nel 1874, la prima Stazione sperimentale di enologia, un vero punto di riferimento anche al di fuori dei confini regionali.

Se vuoi seguire il mio blog con tutti i miei articoli ==>clicca qui<==
Di seguito trovi un breve elenco ed il relativo link:
I Vini rossi dell'Alto Adige e del Trentino
Il Trentino ed i suoi vini
L'importanza del vitigno
Cambia l'annata, viva l'Alto Adige
Chianti Classico: il Gallo Nero
Ricordando Mario Soldati: Montevecchia
Un vitigno mediterraneo: il Vermentino
Tanto vino da fare girare la testa: il Veneto
Frutti e profumi di Sicilia
Marche: una pubblicità vera
Toscana: il Sangiovese
Piemonte: dialogo improbabile tra Barbera e Nebbiolo
Il Friuli ed i suoi grandi vini
Dieci Millenni di Vino parte 2
Dieci Millenni di vino parte 1
Montalcino. quando il vino fa economia
Tre buoni motivi per bere Lambrusco
Montalcino: quando il vino fa economia
L'Amarone. In principio fu Recioto
Gewurztraminer: l'uva di Termeno cresciuta in Alsazia
Collio: DOC inter ...statale
Sua Maestà il Barolo
Bolgheri: Cipressi e Vino
Lugana: un vino da scoprire
Bortolomiol: Prosecco da tre Secoli
C'è Prosecco e ... Cartizze
Hofstatter: l'importanza della vigna
Ca' del Bosco. L'arte del vino
Il successo di Bellavista: ottimo vino, idee e marketing
Il Marsala tra storia e mito parte 2
Il Marsala tra storia e mito parte 1
Discussione "alta" sulla mineralità del vino
Tre falsi miti sul vino ed una verità
Uva e Nuraghi. I grandi rossi di Sardegna
Uva e Nuraghi. I grandi bianchi di Sardegna
Il caso Gaja e quanto vale una DOP (o DOCG)
Trento DOC
La vita della vite
La sequenza dei vini a tavola
I profumi del vino

La giusta temperatura
Geografia del vino: le Langhe
Come conservare un vino

Tappi, tappi, tanti tappi ...
La degustazione parte 1: guardare un vino
La degustazione parte 2: colore ed intensità
La degustazione parte 3: la densità
La degustazione parte 4: prima di berlo ... annusiamolo
La degustazione parte 5: il Vino all'assaggio
La degustazione parte 6: la strana bilancia
La degustazione parte 7: lo stato evolutivo
Un passito è sempre un vino dolce?
Ad un piatto orientale, quale vino abbinare?
Il Pinot Nero ed il decanter
Bollicine a pasto? Certo che SI
Come nasce uno spumante

Articoli suggeriti


Iscriviti alla newsletter

Nome:
E-mail:
Informativa sul trattamento