I Supertuscan

I Supertuscan

Nel 1970, in Toscana nella regione del Chianti, nascono i vini denominati Super Tuscan che rivoluzioneranno il mondo del vino italiano. Creare questa tipologia di vino è stato un atto di anticonformismo in contrasto con la certificazione DOC del Chianti. Il disciplinare prevedeva che il Chianti fosse prodotto con almeno il 70% di Sangiovese. Per il restante 30% potevano essere utilizzate uve complementari (come Canaiolo, Aleatico …) tra cui massimo 10% di uve locali a bacca bianca. Tale regola molto rigida non permetteva di inserire varietà di Bordeaux come Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc e Merlot.
L’atto rivoluzionario fu compiuto da Piero Antinori e dal grande enologo Giacomo Tachis nel 1978, che realizzarono il Tignanello, il primo Super Tuscan che non rispettava il disciplinare DOC del Chianti. Il Tignanello era prodotto con 85% Sangiovese e 15% di Cabernet Sauvignon.



L’obiettivo era quello di creare un vino da invecchiamento prestigioso quanto un bordolese, ma con il Sangiovese come cardine. Fu questo l’inizio dell’ascesa per questo meraviglioso vitigno autoctono italiano.
I vitigno bordolesi Cabernet SauvignonCabernet Franc erano già stati impiantati nei terreni di Bolgheri dal Marchese Incisa Rocchetta per creare un grande bordolese toscano: il Sassicaia. All’epoca si accese la controversia tra le due correnti di pensiero: da una parte i sostenitori dei vini Super Tuscan e dall’altra del Chianti DOC. Sono stati poi i consumatori ad affermare la popolarità del Super Tuscan apprezzandone la qualità non inferiore ad un Chianti DOC.
Gli amanti del Sangiovese tendono spesso a liquidare “sdegnosamente” i Super Tuscan come vini modaioli, in realtà è proprio grazie a questi che si è riusciti a cogliere le grandi qualità del vitigno Sangiovese ed elevarlo ad autentica opere d’arte come il Cepparello.



Per scoprire tutti gli articoli del nostro blog ==> clicca qui <==
Ecco un breve elenco degli articoli del nostro blog:
I Vini rossi dell'Alto Adige e del Trentino
Il Trentino ed i suoi vini
La tradizione di stappare lo Champagne con la sciabola
Negroamaro per tutti i gusti
La viticoltura ad "alberello" patrimonio dell'UNESCO
Perchè lo champagne, il prosecco e gli spumanti hanno le bolle?
Vino degli Abissi
Assaggiatori o prestigiatori?
Barrique si o barrique no?
Barrique. Qualche informazione

Il Barone Bettino Ricasoli ed il Chianti
Vino in cambio di libertà
Il Pinot Nero e l'Alto Adige
Cabernet a Barbaresco? Si vergogni!
Viticoltura Eroica. Costa d'Amlfi DOC
Sa di Tappo!!
Piemonte e Borgogna, due storie di successo con tante analogie
Perchè il Gallo Nero è il simbolo del Chianti Classico?
Vino e Tartufo
Che vino abbinare alla pizza? Ecco i nostri consigli
Le origini della pasta alla carbonara ed un suggerimento sul vino da abbinare
Che vino abbinare ai pizzoccheri
Stelvin (tappo a vite) o tappo in sughero
Storia, curiosità e segreti dello Spritz
Un brindisi con il gatto
Il vino elisir di giovinezza
Il vino nella preparazione dei piatti
Il Vino e l'alimentazione Vegan
Vino e Sushi
Come servire e bere lo Champagne e le bollicine
Come si produce lo Champagne parte 4: invecchiamento, remuage, degorgement e dosaggio
Come si produce lo champagne parte 3: la presa di spuma con la seconda fermentazione
Come si produce lo champagne parte 2: l'arte dell'assemblaggio o blending
Come si produce lo champagne parte 1: prima fermentazione alcolica
Come è nato lo Champagne: una grande Storia
La Leggenda dell'Aeroplan Servaj. Barolo Aeroplanservaj Domenico Clerico
Dal vino all'uva. I lieviti
Il vino come medicinale in epoca antica
La domanda di vino nell'Antica Grecia
Il Metodo Champenoise o Metodo Classico
I vini muffati. La botrytis cinerea
Il Vino nella storia
Il Mito dei miti: il Sassicaia
Foto di persone dopo il primo ... secondo e terzo bicchiere di vino
Vinificare in rosato
Come fare i brindisi in varie lingue … ricordando che in giapponese “chinchin” (si pronuncia cin cin) vuol dire “ca . . o”
Mario Soldati. "Vino al vino"
Franciacorta. Origine del nome
Perchè i grandi Cru sono spesso chiamati "Sant'Urbano"?
Come fare i fighi ad una degustazione tra amici

Articoli suggeriti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Carica un nuovo codice
Inserisci il codice che leggi qui sopra: