BLOG  

Gewurztraminer: l'uva di Termeno cresciuta in Alsazia

Gewurztraminer: l'uva di Termeno cresciuta in Alsazia

Gewurztraminer è l’uva di Termeno, meglio dire Tramin, in Alto Adige. Anzi no, il Gewurztraminer è nato in Alsazia (Francia), forse si e forse no, perché anche la Jura, sempre in Francia, ne rivendica la paternità.
Di fatto, da dove arrivi il Gewurztraminer non si sa. Ragionando con logica è però possibile supporre che l’uva bianca che oggi conosciamo con questo nome, abbia a che fare con tutte queste zone, sicuramente con almeno due di esse.
Se prendessimo per buona la nascita altoatesina, non potremmo comunque escludere una contaminazione alsaziana. Mi spiego meglio, ipotizzando la nascita del Gewurztraminer in Alto Adige, nella zona di Tramin, esattamente come suppose Goethe nel 1876, durante il suo famoso viaggio in Italia, potremmo con ciò stabilire l’etimologia della sola parola Traminer, che significa appunto “di Termeno”. Rimarrebbe però da spiegare il suffisso “gewurz”, che in tedesco vuol dire “speziato”. E, nonostante in Sud Tirolo si parla ampiamente tedesco, per spiegarlo occorre rivolgersi all’Alsazia, che adesso è francese, ma che in passato è stata, per lunghi tratti di storia, tedesca.



Una vulgata tra le più accreditate parla infatti di un uva bianca, nata in Alto Adige e poi emigrata verso la Francia, forse anche in Jura, perché no, sicuramente in Alsazia, dove a seguito di incroci più o meno voluti divenne aromatica e prese il nome di Traminer aromatico”, o come lo chiamarono gli alsaziani: Gewurztraminer.
Rimarrebbe da spiegare la Jura, zona di produzione vitivinicola ai Piedi delle Alpi transalpine, che pare abbia un qualche legame con l’uva di Termeno. Si vorrebbe infatti una parentela tra il Sauvagnin, uva a bacca rossa della Jura e il Traminer rosso, una varietà rossa altoatesina chiamata nell’antichità “Traminer rosso”.
Se il passato è un crocevia di varietà e luoghi, anche lontani tra loro, il presente è più semplice e delineato: Alsazia e Alto Adige si contendono la palma dei migliori Gewurztraminer al mondo.



Trattasi nello specifico di uva aromatica, ovvero di una varietà che possiede alcuni marcatori aromatici identici nell’acino, nel mosto e nel vino; sono i così detti sentori primari. A differenza della maggior parte dei vitigni, che acquistano i propri marcatori durante il processo fermentativo.
Oltre alla connotazione aromatica identitaria e quindi ben riconoscibile, anche la forza con la quale questa si esprime è notevole; inoltre al Gewurztraminer non manca mai un buon apporto alcoolico. Ecco che il cocktail è fatto: sentori caratteristici, forza olfattiva e molto alcool che ne favorisce la volatilità, il vino aromatico per eccellenza.
Divertitevi a riconoscere i sentori di frutta tropicale, agrume, fiori e spezie nell’assaggio dei Gewurztraminer delle seguenti Cantine: Hofstatter, Tramin, Ritterhof, Abbazia di Novacella, Erste+Neue, Franz Haas, Weger, Colterenzio, Laimburg.



Se vuoi seguire il mio blog con tutti i miei articoli ==>clicka qui<==
Di seguito trovi un breve elenco ed il relativo link:
L'Amarone: In principio fu Recioto Secco
Collio: DOC inter ...statale
Sua Maestà il Barolo
Bolgheri: Cipressi e Vino
Lugana: un vino da scoprire
Bortolomiol: Prosecco da tre Secoli
C'è Prosecco e ... Cartizze
Hofstatter: l'importanza della vigna
Ca' del Bosco. L'arte del vino
Il successo di Bellavista: ottimo vino, idee e marketing
Il Marsala tra storia e mito parte 2
Il Marsala tra storia e mito parte 1
Discussione "alta" sulla mineralità del vino
Tre falsi miti sul vino ed una verità
Uva e Nuraghi. I grandi rossi di Sardegna
Uva e Nuraghi. I grandi bianchi di Sardegna
Il caso Gaja e quanto vale una DOP (o DOCG)
Trento DOC
La vita della vite
La sequenza dei vini a tavola
I profumi del vino

La giusta temperatura
Geografia del vino: le Langhe
Come conservare un vino

Tappi, tappi, tanti tappi ...
La degustazione parte 1: guardare un vino
La degustazione parte 2: colore ed intensità
La degustazione parte 3: la densità
La degustazione parte 4: prima di berlo ... annusiamolo
La degustazione parte 5: il Vino all'assaggio
La degustazione parte 6: la strana bilancia
La degustazione parte 7: lo stato evolutivo
Un passito è sempre un vino dolce?
Ad un piatto orientale, quale vino abbinare?
Il Pinot Nero ed il decanter
Bollicine a pasto? Certo che SI
Come nasce uno spumante

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Carica un nuovo codice
Inserisci il codice che leggi qui sopra: