Franciacorta. Origine e curiosità

Franciacorta. Origine e curiosità

Nel 1961 nasce ufficialmente la Franciacorta, nelle antiche terre franche del basso lago d’Iseo, prende vita quella che sarà l’area spumantistica più famosa d’Italia nei decenni a venire e fino ad oggi.
Grazie al piglio e all’attenzione di imprenditori capaci che decisero di dedicare sforzi e capitali al vino, cominciò quella che a tutti gli effetti è stata una cavalcata trionfale.
Il massiccio apporto di strategie di marketing e comunicazione lo si vede già dal disciplinare di produzione, dal quale emerge il divieto di chiamare spumante il vino con bresciano con le bollicine; il termine da usare è solo uno: Franciacorta, un termine che diventerà sinonimo di bollicina metodo classico.
Solo per citare le principali caratteristiche che distinguono un franciacorta possiamo dire che, questo spumante è solo Metodo Classico, non è infatti consentito il Metodo Charmat, la raccolta delle uve Pinot NeroChardonnayPinot Bianco, deve inoltre essere fatta a mano, non sono consentite meccanizzazioni in vendemmia. Franciacorta si propone dunque di essere spumante di qualità.

Il termine Franciacorta non ha nulla a che vedere con la Francia, i cugini d’oltralpe non c’entrano nulla; Franciacorta è solo la contrazione italianizzata di “Curte Franca”, ovvero di corte franca, ovvero di zona esentata, affrancata, dal pagamento dei tributi. Questo avveniva durante la dominazione della Serenissima, la Repubblica di Venezia aveva infatti esentato questo fazzoletto di terra per lo più paludoso dal pagamento delle tasse. Da lì il nome.
La peculiarità dei termini franciacortini è però un’altra, il nome Saten è la vera gemma della Franciacorta. Non è un termine inglese e nemmeno francese, è una parola di origine dialettale e significa seta. La Franciacorta era ed è zona di grandi setifici.
Se tutte le zone spumantistiche italiane possono avere un brut, come un extra-brut o un non dosato, un millesimato come un rosè, solo la Franciacorta può avere un Saten. Si tratta di una tipologia di prodotto in più, prevista solo nel disciplinare del Franciacorta DOCG. È uno spumante metodo classico ovviamente, prodotto però solo con uve a bacca bianca autorizzate, ovvero ChardonnayPinot Bianco. Questo perché eliminano il Pinot Nero si toglie un poco di struttura ma si accentua la rotondità del prodotto, grazie soprattutto alla morbidezza fornita dallo Chardonnay. Morbido e setoso anche grazie ad una pressione interna che viene tenuta sensibilmente più bassa delle altre tipologie. Più morbido e meno gassato per uno spumante setoso, il Saten di Franciacorta appunto

Se vuoi seguire il mio blog con tutti i miei articoli ==>clicca qui<==
Di seguito trovi un breve elenco ed il relativo link:

Un vino da abbinare al Tiramisù
Cantina Produttori del Barbaresco
10 luoghi comuni sul vino: ovvero 10 cose da non dire. Parte 2
10 luoghi comuni sul Vino: ovvero 10 cose da non dire. Parte 1
Quale contenitore per l'affinamento del vino?
I Materiali per l'affinamento del vino

Triple "A": Agricoltori, Artigiani, Artisti
Vendemmia 2017
Vino Biologico, Biodinamico, Naturale. Parte 4

Vino Biologico, Biodinamico, Naturale. Parte 3
Vino Biologico, Biodinamico, Naturale. Parte 2
Vino Biologico, Biodinamico, Naturale. Parte 1
Il Metodo Ancestrale

Puglia: il Nero di Troia
Viticoltura e paesaggio: la Val di Cembra e la Piana Rotaliana
Viticoltura eroica all'ombra del Vesuvio
Prié Blanc: un vitigno di alta montagna
Le parole del vino
"A Muntagna", i vini dell'Etna
Vino Bianco della Puglia
Che vino abbinare alla frutta
Vini bianchi da invecchiamento
Pillole di vino: la forma delle bottiglie
I Vini Rossi dell'Alto Adige e del Trentino
Il Trentino ed i suoi vini
La Riscoperta del Timorasso

L'importanza del vitigno
Cambia l'annata, viva l'Alto Adige
Chianti Classico: il Gallo Nero
Ricordando Mario Soldati: Montevecchia
Un vitigno mediterraneo: il Vermentino
Tanto vino da fare girare la testa: il Veneto
Frutti e profumi di Sicilia
Marche: una pubblicità vera
Toscana: il Sangiovese
Piemonte: dialogo improbabile tra Barbera e Nebbiolo
Il Friuli ed i suoi grandi vini


Iscriviti alla newsletter

Nome:
E-mail:
Informativa sul trattamento