Che vino abbinare alla frutta?

Che vino abbinare alla frutta?

È una delle classiche domande trabocchetto degli esami per Sommelier: quale vino abbinerebbe ad una macedonia di frutta fresca? La risposta esatta, da manuale, è una sola: con la frutta non si abbina nessun vino, così come con l’insalata, i finocchi, il peperoncino, il gelato. Questo solo per fare degli esempi di prodotti detti inabbinabili. Ma è poi vero che con la frutta nessun vino può essere accostato con soddisfazione? Probabilmente sì, però ragioniamo un momento sulla questione prima di esprimere un dogma così poco emendabile.

Di norma viene attribuita alla frutta fresca una componente acida tale da rendere quasi impossibile l’abbinamento. Questo però non può essere vero nella frutta tropicale, ad esempio, che è molto ricca di zucchero e molto poco acida.

Viene attribuita alla frutta anche una struttura talmente debole che qualsiasi vino la sovrasterebbe, ma se così fosse anche ad un gambero crudo non andrebbe abbinato nessun vino, dato che l’alimento è talmente poco strutturato da non aver quasi bisogno di essere masticato.

Altra caratteristica che fa propendere verso l’assenza di vino in abbinamento è il momento del pasto in cui si consuma la frutta, ovvero alla fine, quando secondo la corretta sequenza dei vini a tavola, si è già arrivati a vini molto corposi e strutturati, che quindi mal si abbinerebbero ad una macedonia.

Detto tutto ciò, si evince che un vero e proprio divieto non esiste, nessun elemento tecnico impedisce di trovare un vino da abbinare alla frutta, tuttavia, anche alla luce delle argomentazioni sopra espresse, viene da porsi una domanda fondamentale: perché voler abbinare un vino alla frutta? Se esistono moltissimi vini che seppur ben abbinabili a molte preparazioni gastronomiche, sono meglio apprezzati se degustati da soli, perché non lasciare qualche piatto a sé stesso, senza la necessità di trovargli un abbinamento per forza?

La frutta è fresca, dissetante e fa bene alla salute, gustiamola da sola per quello che è e può dare, così come beviamo un vino per quello che è e che può dare.

Da ricordarsi una cosa però, la fantasia degli chef è ormai senza freni, così alcuni frutti posso ritrovarsi a fare da contorno, condimento e completamento del piatto; nessun allarme in questo caso, ricordatevi solo che il piatto si assaggia nella sua interezza, di struttura e di gusto, pertanto un singolo elemento, inserito in una preparazione più ampia non pregiudica in alcun modo il possibile abbinamento con un buon vino.

Se vuoi seguire il mio blog con tutti i miei articoli ==>clicca qui<==
Di seguito trovi un breve elenco ed il relativo link:
Vino Bianco della Puglia
Vini bianchi da invecchiamento
Pillole di vino: la forma delle bottiglie
I Vini Rossi dell'Alto Adige e del Trentino
Il Trentino ed i suoi vini
La Riscoperta del Timorasso

L'importanza del vitigno
Cambia l'annata, viva l'Alto Adige
Chianti Classico: il Gallo Nero
Ricordando Mario Soldati: Montevecchia
Un vitigno mediterraneo: il Vermentino
Tanto vino da fare girare la testa: il Veneto
Frutti e profumi di Sicilia
Marche: una pubblicità vera
Toscana: il Sangiovese
Piemonte: dialogo improbabile tra Barbera e Nebbiolo
Il Friuli ed i suoi grandi vini
Dieci Millenni di Vino parte 2
Dieci Millenni di vino parte 1
Montalcino. quando il vino fa economia
Tre buoni motivi per bere Lambrusco
Montalcino: quando il vino fa economia
L'Amarone. In principio fu Recioto
Gewurztraminer: l'uva di Termeno cresciuta in Alsazia
Collio: DOC inter ...statale
Sua Maestà il Barolo
Bolgheri: Cipressi e Vino
Lugana: un vino da scoprire
Bortolomiol: Prosecco da tre Secoli
C'è Prosecco e ... Cartizze
Hofstatter: l'importanza della vigna
Ca' del Bosco. L'arte del vino
Il successo di Bellavista: ottimo vino, idee e marketing
Il Marsala tra storia e mito parte 2
Il Marsala tra storia e mito parte 1
Discussione "alta" sulla mineralità del vino
Tre falsi miti sul vino ed una verità
Uva e Nuraghi. I grandi rossi di Sardegna
Uva e Nuraghi. I grandi bianchi di Sardegna
Il caso Gaja e quanto vale una DOP (o DOCG)
Trento DOC
La vita della vite
La sequenza dei vini a tavola
I profumi del vino

La giusta temperatura
Geografia del vino: le Langhe
Come conservare un vino

Tappi, tappi, tanti tappi ...
La degustazione parte 1: guardare un vino
La degustazione parte 2: colore ed intensità
La degustazione parte 3: la densità
La degustazione parte 4: prima di berlo ... annusiamolo
La degustazione parte 5: il Vino all'assaggio
La degustazione parte 6: la strana bilancia
La degustazione parte 7: lo stato evolutivo
Un passito è sempre un vino dolce?
Ad un piatto orientale, quale vino abbinare?
Il Pinot Nero ed il decanter
Bollicine a pasto? Certo che SI
Come nasce uno spumante


Iscriviti alla newsletter

Nome:
E-mail:
Informativa sul trattamento