BLOG  

Champagne: peculiarità, storia e mito. Parte 1

Champagne: peculiarità, storia e mito. Parte 1

Con questo pezzo inizio un ciclo di cinque articoli dedicati allo Champagne. Il pregiato vino francese è conosciuto in tutto il mondo e forse come nessun altro vino ha saputo conquistarsi la fama di eccellenza assoluta dell’enologia mondiale.
Prima di ripercorrere alcune tappe fondamentali dalla sua storia è il caso di chiedersi perché lo Champagne sia lo Champagne. Si tratta di un vino spumante ottenuto con Metodo Classico, o come dicono i francesi con Metodo Champenoise, utilizzando il nome della regione per identificare anche il metodo di produzione, proprio per legare indissolubilmente il prodotto al territorio di origine. Vedremo che il vanto della primogenitura del vino con le bolle è un falso storico, ma ne parleremo più avanti. La rifermentazione in ogni caso è forzatamente in bottiglia, il più giovane Metodo Charmat o Martinotti non è ammesso. Le uve sono diverse, ma le principali e ormai quasi le uniche utilizzate sono: Pinot Nero, Pinot MeunierChardonnay.



Sebbene Pinot NeroChardonnay siano le varietà più impiegate per la spumantizzazione ovunque nel mondo, in Champagne la loro resa è particolare e unica. Ciò avviene grazie ad alcune coincidenze di fattori che ritroviamo in quest’area del nord est della Francia. In primis il nord, ovvero la Champagne è la regione più a Nord dove si produce vino, almeno per quanto riguarda vino di qualità. Il clima certamente meno mite che si offre alle vigne della Champagne rende più difficoltosa la piena maturazione delle uve rispetto ad altre latitudini, ma consente tuttavia il mantenimento di un’acidità dell’acino molto elevata, condizione necessaria per una buona base spumante. La seconda caratteristica è il gesso. Una faglia gessosa che percorre gran parte d’Europa, da Jerez de La Frontiera fino alle bianche scogliere di Dover e che, come un fiume carsico, in alcuni punti penetra in profondità la crosta terrestre, mentre in altri affiora in superficie. Nella regione della Champagne, ovvio dirlo, la percentuale di gesso nell’immediato sottosuolo è altissima. Questa componente chimica dei terreni, ideale per conferire al vino sapidità, mineralità ed eleganza, combinata con il clima freddo, consente la realizzazione di vini base ideali per subire la seconda fermentazione in bottiglia e diventare così ottimi Champagne.
Alle condizioni giuste si aggiunge la giusta dose di mito, che trasforma la Champagne da una regione (Champagne in francese significa campagna) ad un prodotto, che diventa prima uno status symbol e infine appunto un mito.
In tutto ciò c’entrano figure magiche come quella dell’abate benedettino Dom Perignon, titolare oggi dell’etichetta più famosa di Champagne e figura fondamentale dello sviluppo iniziale di questo vino. Una storia antica che inizia alla fine del ‘600 e che noi affronteremo nel prossimo articolo.



Se vuoi seguire il mio blog con tutti i miei articoli ==>clicca qui<==
Di seguito trovi un breve elenco ed il relativo link:

Champagne: l'evoluzione del gusto. Parte 3
Champagne: peculiarità, storia e mito. Parte 2

DOC e DOCG. Storia ed utilità - Parte 2
DOC e DOCG. Storia ed utilità - Parte 1
Numeri e curiosità sul vino italiano nel 2017

Natale e Capodanno a bollicine
Un vino da abbinare al Tiramisù
Cantina Produttori del Barbaresco

10 luoghi comuni sul vino: ovvero 10 cose da non dire. Parte 2
10 luoghi comuni sul Vino: ovvero 10 cose da non dire. Parte 1
Quale contenitore per l'affinamento del vino?
I Materiali per l'affinamento del vino

Triple "A": Agricoltori, Artigiani, Artisti
Vendemmia 2017
Vino Biologico, Biodinamico, Naturale. Parte 4

Vino Biologico, Biodinamico, Naturale. Parte 3
Vino Biologico, Biodinamico, Naturale. Parte 2
Vino Biologico, Biodinamico, Naturale. Parte 1
Il Metodo Ancestrale

Puglia: il Nero di Troia
Viticoltura e paesaggio: la Val di Cembra e la Piana Rotaliana
Viticoltura eroica all'ombra del Vesuvio
Prié Blanc: un vitigno di alta montagna
Le parole del vino
"A Muntagna", i vini dell'Etna
Vino Bianco della Puglia



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Carica un nuovo codice
Inserisci il codice che leggi qui sopra: