Cantina Produttori del Barbaresco

Cantina Produttori del Barbaresco

La Denominazione di Origine Controllata Barbaresco, una delle prime in Italia, è del 1966. Nel 1980, ancor tra le prime in Italia, diventerà DOCG. Altre date però sono importanti per la produzione di Barbaresco, ad esempio il 1870 è l’anno che vede la prima bottiglia con nome Barbaresco in etichetta. Oppure pochi anni dopo, il 1894, quando il Professor Domizio Cavazza, Direttore della Regia Scuola di Enologia di Alba, acquista il castello di Barbaresco che ha, tra le varie proprietà, anche alcune vigne in Pora e Ovello. Sempre nello stesso anno il Professor Cavazza fonda la Cantina Sociale di Barbaresco, riunendo a sé un’altra decina di produttori di uve. Sul finire del secolo diciannovesimo comincia la lunga storia del vino Barbaresco, che da quel momento in avanti non scosterà più il suo nome dal paese che gli diede i natali.

Altre date, altri anni fondamentali, vanno però ricordati, due imprescindibili sono il 1912 e il 1922. In questi anni, ad una decade esatta di distanza l’uno dall’altro, avvengono infatti due eventi che destabilizzano fortemente la produzione e il prestigio stesso del vino. Prima la morte di Cavazza, vera guida per i produttori del paese e, dieci anni dopo, la chiusura della Cantina Sociale, fatto che segna l’inizio di un periodo buio per la storia del nostro amato vino. Il ventennio successivo, dominato dalle politiche agricole fasciste che favorivano coltivazioni diverse dalla vite, come quella del grano, non facilitò certo la ricerca di una nuova strada dopo lo sbandamento successivo alla dipartita di Domizio Cavazza. La rinascita però era inevitabile ed infatti arrivò. Se ad un esimio professore dobbiamo la nascita del vino Barbaresco, ad un prete di campagna dobbiamo la sua “resurrezione”. Fu infatti Don Marengo, Parroco di Barbaresco, che nel 1958 ispirò la fondazione della Cantina Produttori del Barbaresco, il cui scopo era di proteggere i piccoli produttori di uve, che ogni anno erano vittime dell’oscillare del prezzo. La Cantina Produttori del Barbaresco iniziò la sua produzione con 19 conferitori, oggi sono oltre sessanta i vignaioli che portano in cantina le loro uve.

A differenza di quello che si potrebbe pensare, la Cantina Produttori del Barbaresco non è soltanto una cantina sociale che ha lo scopo di tutelare i piccoli artigiani dell’uva, è in realtà una delle migliori cantine della denominazione, con prodotti di assoluta eccellenza, dal 1958 ad oggi.
La sua linea “base”, se così si può chiamare, è un esempio di Barbaresco DOCG classico, nello stile e nel gusto, un gran bel vino che ottimamente rappresenta un territorio di eccellenza. Le linee Crù, ovvero le selezioni di singole vigne, identificate in etichetta, rappresentano ciascuna la personalità di quello specifico appezzamento di terra.
Non ultimo va sottolineato il pregevole rapporto qualità prezzo, eticamente in linea con lo scopo per il quale era nata la Cantina

Se vuoi seguire il mio blog con tutti i miei articoli ==>clicca qui<==
Di seguito trovi un breve elenco ed il relativo link:

Slow Food
10 luoghi comuni sul vino: ovvero 10 cose da non dire. Parte 2
10 luoghi comuni sul Vino: ovvero 10 cose da non dire. Parte 1
Quale contenitore per l'affinamento del vino?
I Materiali per l'affinamento del vino

Triple "A": Agricoltori, Artigiani, Artisti
Vendemmia 2017
Vino Biologico, Biodinamico, Naturale. Parte 4

Vino Biologico, Biodinamico, Naturale. Parte 3
Vino Biologico, Biodinamico, Naturale. Parte 2
Vino Biologico, Biodinamico, Naturale. Parte 1
Il Metodo Ancestrale

Puglia: il Nero di Troia
Viticoltura e paesaggio: la Val di Cembra e la Piana Rotaliana
Viticoltura eroica all'ombra del Vesuvio
Prié Blanc: un vitigno di alta montagna
Le parole del vino
"A Muntagna", i vini dell'Etna
Vino Bianco della Puglia
Che vino abbinare alla frutta
Vini bianchi da invecchiamento
Pillole di vino: la forma delle bottiglie
I Vini Rossi dell'Alto Adige e del Trentino
Il Trentino ed i suoi vini
La Riscoperta del Timorasso

L'importanza del vitigno
Cambia l'annata, viva l'Alto Adige
Chianti Classico: il Gallo Nero
Ricordando Mario Soldati: Montevecchia
Un vitigno mediterraneo: il Vermentino
Tanto vino da fare girare la testa: il Veneto
Frutti e profumi di Sicilia
Marche: una pubblicità vera
Toscana: il Sangiovese
Piemonte: dialogo improbabile tra Barbera e Nebbiolo
Il Friuli ed i suoi grandi vini
Dieci Millenni di Vino parte 2
Dieci Millenni di vino parte 1
Montalcino. quando il vino fa economia
Tre buoni motivi per bere Lambrusco
Montalcino: quando il vino fa economia
L'Amarone. In principio fu Recioto
Gewurztraminer: l'uva di Termeno cresciuta in Alsazia
Collio: DOC inter ...statale
Sua Maestà il Barolo
Bolgheri: Cipressi e Vino
Lugana: un vino da scoprire
Bortolomiol: Prosecco da tre Secoli
C'è Prosecco e ... Cartizze
Hofstatter: l'importanza della vigna
Ca' del Bosco. L'arte del vino
Il successo di Bellavista: ottimo vino, idee e marketing
Il Marsala tra storia e mito parte 2
Il Marsala tra storia e mito parte 1
Discussione "alta" sulla mineralità del vino
Tre falsi miti sul vino ed una verità
Uva e Nuraghi. I grandi rossi di Sardegna
Uva e Nuraghi. I grandi bianchi di Sardegna
Il caso Gaja e quanto vale una DOP (o DOCG)
Trento DOC
La vita della vite
La sequenza dei vini a tavola
I profumi del vino

La giusta temperatura
Geografia del vino: le Langhe
Come conservare un vino

Tappi, tappi, tanti tappi ...
La degustazione parte 1: guardare un vino
La degustazione parte 2: colore ed intensità
La degustazione parte 3: la densità
La degustazione parte 4: prima di berlo ... annusiamolo
La degustazione parte 5: il Vino all'assaggio
La degustazione parte 6: la strana bilancia
La degustazione parte 7: lo stato evolutivo
Un passito è sempre un vino dolce?
Ad un piatto orientale, quale vino abbinare?
Il Pinot Nero ed il decanter
Bollicine a pasto? Certo che SI
Come nasce uno spumante


Iscriviti alla newsletter

Nome:
E-mail:
Informativa sul trattamento