Cambia l’annata, viva l’Alto Adige

Cambia l’annata, viva l’Alto Adige

Avevo già scritto riguardo l’Alto Adige, è stato uno dei primi miei articoli per WinePoint, ed è un piacere poterne parlare ancora. La scusa è il cambio dell’annata in corso, che cade come ogni anno in prossimità del Vinitaly. Arrivano i buyer stranieri e le aziende propongono la produzione nuova e più recente, sperando di confermare i favori ricevuti negli anni precedenti.
Il vino è materia viva, potremmo poeticamente aggiungere che è dotato di anima, certamente composto da sostanze che evolvono e che quindi lo rendono più o meno piacevole a seconda della sua età. È il così detto stato evolutivo del vino, argomento già toccato in diversi modi in diversi articoli e che non escludo di approfondire in futuro.
Dicevamo però dell’Alto Adige, che come altre zone vitivinicole comincia in questo periodo a proporre sul mercato le nuove annate. Bianchi e rossi cambiano il millesimo e si ripropongono agli appassionati.

I profumi dei bianchi alpini, così fragranti, floreali e freschi, spesso godono del rinnovo delle annate, perché la gioventù del vino valorizza proprio la freschezza degli aromi.
Attenzione però a non far diventare questo semplice pensiero un dogma sempre valido; ho di recente scritto di Mosella, ne scriverò ancora e parlerò di come diventano buoni i riesling con il passare di molti, molti anni.
Se vogliamo però andare a caccia di vini giovani, che vanno bevuti giovani, allora divertiamoci a degustare le nuove annate tanto attese.
Quali scegliere però? Dovendo generalizzare, potremmo dire che è meglio puntare sulla gioventù, quindi sull’ultima annata per vini più freschi e semplici, che attingono dalla giovane età le loro migliori doti. Meglio invece attendere qualche anno per le riserve, che i produttori mettono già in commercio più tardi, come per i Crù o le selezioni. Questi vini offrono un panorama organolettico molto più variegato e a volte l’annata in corso, ovvero l’ultima uscita, non è la migliore da degustare.
Detto ciò, di Alto Adige non ho praticamente parlato, mi riprometto quindi di farlo in futuro, però per l’assaggio quotidiano nessuno mi vieta di consigliarvi proprio alcune cantine altoatesine che fanno dei grandi bianchi riserva: Hofstatter, Franz Haas, San Michele Appiano e Terlano


Se vuoi seguire il mio blog con tutti i miei articoli ==>clicca qui<==
Di seguito trovi un breve elenco ed il relativo link:
I Vini rossi dell'Alto Adige e del Trentino
Il Trentino ed i suoi vini
L'importanza del vitigno
Chianti Classico: il Gallo Nero
Ricordando Mario Soldati: Montevecchia
Un vitigno mediterraneo: il Vermentino
Tanto vino da fare girare la testa: il Veneto
Frutti e profumi di Sicilia
Marche: una pubblicità vera
Toscana: il Sangiovese
Piemonte: dialogo improbabile tra Barbera e Nebbiolo
Il Friuli ed i suoi grandi vini
Dieci Millenni di Vino parte 2
Dieci Millenni di vino parte 1
Montalcino. quando il vino fa economia
Tre buoni motivi per bere Lambrusco
Montalcino: quando il vino fa economia
L'Amarone. In principio fu Recioto
Gewurztraminer: l'uva di Termeno cresciuta in Alsazia
Collio: DOC inter ...statale
Sua Maestà il Barolo
Bolgheri: Cipressi e Vino
Lugana: un vino da scoprire
Bortolomiol: Prosecco da tre Secoli
C'è Prosecco e ... Cartizze
Hofstatter: l'importanza della vigna
Ca' del Bosco. L'arte del vino
Il successo di Bellavista: ottimo vino, idee e marketing
Il Marsala tra storia e mito parte 2
Il Marsala tra storia e mito parte 1
Discussione "alta" sulla mineralità del vino
Tre falsi miti sul vino ed una verità
Uva e Nuraghi. I grandi rossi di Sardegna
Uva e Nuraghi. I grandi bianchi di Sardegna
Il caso Gaja e quanto vale una DOP (o DOCG)
Trento DOC
La vita della vite
La sequenza dei vini a tavola
I profumi del vino

La giusta temperatura
Geografia del vino: le Langhe
Come conservare un vino

Tappi, tappi, tanti tappi ...
La degustazione parte 1: guardare un vino
La degustazione parte 2: colore ed intensità
La degustazione parte 3: la densità
La degustazione parte 4: prima di berlo ... annusiamolo
La degustazione parte 5: il Vino all'assaggio
La degustazione parte 6: la strana bilancia
La degustazione parte 7: lo stato evolutivo
Un passito è sempre un vino dolce?
Ad un piatto orientale, quale vino abbinare?
Il Pinot Nero ed il decanter
Bollicine a pasto? Certo che SI
Come nasce uno spumante


Iscriviti alla newsletter

Nome:
E-mail:
Informativa sul trattamento