Il Vino e l'alimentazione Vegan

Il Vino e l'alimentazione Vegan

Il numero di persone che scelgono un’alimentazione vegana in Italia e nel mondo è in forte crescita ed ha suscitato grande interesse anche nel mercato enologico, dando vita a una notevole richiesta di vino con specifiche vegan. Chi sceglie un’alimentazione vegana non mangia carne e prodotti di origine animale come uova, latte e latticini. E’ un scelta di vita contro qualsiasi forma di sfruttamento e maltrattamento animale. E’ inoltre da sottolineare che una dieta vegana è più rispettosa dell’ambiente: per dare mangime agli animali da allevamento si fa infatti largo uso di antiparassitari e concimi chimici inquinanti che entrano poi nella catena alimentare fino ad arrivare all’uomo. Nell’allevamento si fa inoltre ampio uso di antibiotici e farmaci che favoriscono la formazione di ceppi virali resistenti a terapie antibiotiche e pericolosi anche per l’uomo.

Molti viticoltori stanno iniziando a soddisfare la grande richiesta di vini vegan. Un vino per essere considerato vegano deve essere prodotto con uve da viticoltura biologica o biodinamica e durante la vinificazione non devono essere impiegate sostanze di origine animale come caseina, gelatina ed albumina che, in piccole quantità, possono essere utilizzate nella produzione enologica tradizionale.

Le bottiglie Vegan hanno la certificazione Qualità Vegetariana e Vegan®” che viene rilasciata da appositi enti come il CSQA. La certificazione è riconosciuta e promossa dall'AVI (Associazione Vegetariana Italiana). Basterà verificare la presenza dell’etichetta con apposito marchio sulla bottiglia per attestarne la produzione Vegan.
Se vuoi scoprire una selezione di vini vegan ==> clicca qui <==

Per scoprire tutti gli articoli del nostro blog ==> clicca qui <==
Ecco un breve elenco degli articoli del nostro blog:
Il Barone Bettino Ricasoli ed il Chianti
Vino in cambio di libertà
Il Pinot Nero e l'Alto Adige
Cabernet a Barbaresco? Si vergogni!
Viticoltura Eroica. Costa d'Amlfi DOC
Sa di Tappo!!
Piemonte e Borgogna, due storie di successo con tante analogie
Perchè il Gallo Nero è il simbolo del Chianti Classico?
Vino e Tartufo
Che vino abbinare alla pizza? Ecco i nostri consigli
Le origini della pasta alla carbonara ed un suggerimento sul vino da abbinare
Che vino abbinare ai pizzoccheri
Stelvin (tappo a vite) o tappo in sughero
Storia, curiosità e segreti dello Spritz
Un brindisi con il gatto
Il vino elisir di giovinezza
Il vino nella preparazione dei piatti
Il Vino e l'alimentazione Vegan
Vino e Sushi
Come servire e bere lo Champagne e le bollicine
Come si produce lo Champagne parte 4: invecchiamento, remuage, degorgement e dosaggio
Come si produce lo champagne parte 3: la presa di spuma con la seconda fermentazione
Come si produce lo champagne parte 2: l'arte dell'assemblaggio o blending
Come si produce lo champagne parte 1: prima fermentazione alcolica
Come è nato lo Champagne: una grande Storia
La Leggenda dell'Aeroplan Servaj. Barolo Aeroplanservaj Domenico Clerico
Dal vino all'uva. I lieviti
Il vino come medicinale in epoca antica
La domanda di vino nell'Antica Grecia
Il Metodo Champenoise o Metodo Classico
I vini muffati. La botrytis cinerea
Il Vino nella storia
Il Mito dei miti: il Sassicaia
Foto di persone dopo il primo ... secondo e terzo bicchiere di vino
Vinificare in rosato
Come fare i brindisi in varie lingue … ricordando che in giapponese “chinchin” (si pronuncia cin cin) vuol dire “ca . . o”
Mario Soldati. "Vino al vino"
Franciacorta. Origine del nome
Perchè i grandi Cru sono spesso chiamati "Sant'Urbano"?
Come fare i fighi ad una degustazione tra amici



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Carica un nuovo codice
Inserisci il codice che leggi qui sopra: