Un brindisi con il gatto

Un brindisi con il gatto

Il gatto è uno degli animali domestici più amati, e quando si tratta di rendere felice il proprio micio, sembra proprio che non si badi a spese! Tant’è che è nata una vera industria in grado di soddisfare le richieste più bizzarre, dal semplice collare di brillanti al cappottino alle scarpe, allo smalto.
L’industria enologica ha preso in considerazione oltre agli spumanti senza alcool per le persone astemie, anche la produzione di vino per Gatti.
La richiesta espressa dai possessori di gatti è stata portata avanti da una società statunitense di Denver in Colorado. L’Azienda Apollo Peak oggi produce “vino per gatti”.
Le tipologie sono due:
“MosCATo”, bianco, a base di acqua, erba gatta e succo di barbabietola dorata;
“Pinot Meow”
, rosso, a base di acqua, erba gatta e succo di barbabietola rossa.
Entrambi contengono ingredienti che non sono nocivi alla salute del gatto, anzi sono validi integratori per la sua corretta alimentazione. Tra i componenti c’è l’erba gatta, o catnip organica, che è una sostanza capace di produrre un effetto rilassante, un po’ a simulare l’effetto ebbrezza.
Anche in Giappone, l’azienda produttrice B&H Lives, ha realizzato il Nyan Nyan Noveau, un vino rosso per i nostri amici felini. Tra i suoi componenti c’è anche sempre l’erba gatta, vitamina C e succo di Cabernet Sauvignon.
In entrambi i casi si tratta di sostanze non alcoliche e non dannose per il gatto. Sembrerebbe quindi che i vini per il gatto siano delle bevande a base di acqua e con sostanze naturali che hanno un effetto rilassante.
Per ora entrambe le produzioni non sono ancora sbarcate in Europa, dove i gatti sono ancora astemi.

Per scoprire tutti gli articoli del nostro blog ==> clicca qui <==
Ecco un breve elenco degli articoli del nostro blog:
Il Barone Bettino Ricasoli ed il Chianti
Vino in cambio di libertà
Il Pinot Nero e l'Alto Adige
Cabernet a Barbaresco? Si vergogni!
Viticoltura Eroica. Costa d'Amlfi DOC
Sa di Tappo!!
Piemonte e Borgogna, due storie di successo con tante analogie
Perchè il Gallo Nero è il simbolo del Chianti Classico?
Vino e Tartufo
Che vino abbinare alla pizza? Ecco i nostri consigli
Le origini della pasta alla carbonara ed un suggerimento sul vino da abbinare
Che vino abbinare ai pizzoccheri
Stelvin (tappo a vite) o tappo in sughero
Storia, curiosità e segreti dello Spritz
Un brindisi con il gatto
Il vino elisir di giovinezza
Il vino nella preparazione dei piatti
Il Vino e l'alimentazione Vegan
Vino e Sushi
Come servire e bere lo Champagne e le bollicine
Come si produce lo Champagne parte 4: invecchiamento, remuage, degorgement e dosaggio
Come si produce lo champagne parte 3: la presa di spuma con la seconda fermentazione
Come si produce lo champagne parte 2: l'arte dell'assemblaggio o blending
Come si produce lo champagne parte 1: prima fermentazione alcolica
Come è nato lo Champagne: una grande Storia
La Leggenda dell'Aeroplan Servaj. Barolo Aeroplanservaj Domenico Clerico
Dal vino all'uva. I lieviti
Il vino come medicinale in epoca antica
La domanda di vino nell'Antica Grecia
Il Metodo Champenoise o Metodo Classico
I vini muffati. La botrytis cinerea
Il Vino nella storia
Il Mito dei miti: il Sassicaia
Foto di persone dopo il primo ... secondo e terzo bicchiere di vino
Vinificare in rosato
Come fare i brindisi in varie lingue … ricordando che in giapponese “chinchin” (si pronuncia cin cin) vuol dire “ca . . o”
Mario Soldati. "Vino al vino"
Franciacorta. Origine del nome
Perchè i grandi Cru sono spesso chiamati "Sant'Urbano"?
Come fare i fighi ad una degustazione tra amici



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Carica un nuovo codice
Inserisci il codice che leggi qui sopra: