Montalcino: quando il vino fa economia

Montalcino: quando il vino fa economia

Uno dei rossi di riferimento in Italia non ha una storia poi tanto lunga. In Toscana si fa vino da prima dell’impero romano, questo si! Il Chianti classico, ad esempio, ha festeggiato nel 2016 i trecento anni dalla prima delimitazione della zona di produzione; il Sangiovese a Montepulciano dava origine al vino dei nobili. Tutto questo è vero, però il Brunello non è così antico come si possa credere, almeno il Brunello che conosciamo oggi.
Tuttavia, il vino prodotto nel Comune del basso senese, ha un’importanza decisamente più ampia del semplice contenuto delle bottiglie. Negli anni settanta l’area era depressa e l’importanza del vino, nel senso economico del termine, risollevò le sorti delle finanze locali. Col passare degli anni e con il crescere del mito, il turismo a Montalcino, che è un comune pittoresco ma che ha anche una notevole concorrenza nei dintorni, è cresciuto contribuendo anch’esso a fare economia.
Non ultimo il prezzo raggiunto dalle bottiglie, che per alcune in particolare, è notevole.
Anche in quest’ottica, va letta le recente notizia della vendita della storica azienda Biondi Santi ad un importante gruppo francese dello Champagne. Non è una prima assoluta. Molti vigneti di Toscana parlano inglese, sponda occidentale dell’Atlantico per la precisione, però il nome dell’azienda coinvolta questa volta è di quelli che fanno notizia e qualche riflessione nasce spontanea.
- Riflessione numero uno: il vino italiano piace e attira investimenti. Questo fa piacere, dato che le vigne non possono essere spostate altrove, ogni euro o dollaro o rublo che arriva in Italia qui rimane. Più o meno.
- Riflessione numero due: produrre vino in Italia è complicato, le aziende di dimensioni sufficienti per affrontare un mercato internazionale sono ben poche; la maggioranza del tessuto produttivo nostrano è composto da piccole aziende a conduzione familiare, con al massimo uno o due collaboratori fissi, o addirittura saltuari. A questa fotografia della produzione tricolore, aggiungete che non tutti i consorzi di tutela sanno operare al meglio per la promozione del vino in Italia e all’estero.
- Riflessione numero tre, che è il rovescio della medaglia della prima: arrivano investimenti e quindi contante che rimane nel Belpaese, le decisioni che contano però possono essere prese fuori dall’Italia e non necessariamente con in testa gli interessi locali.
Non è una valutazione specifica del caso di Biondi Santi, dove peraltro la famiglia ha comunicato di rimanere comunque al timone dell’azienda. Sono considerazioni generali, per di più fatte da un sommelier e non certo da un professore di Harvard, pertanto prendetele così e, mentre ci ragionate, vi consiglio un buon bicchiere di una delle seguenti cantine: Cantina di Montalcino, Folonari, San Polo Montalcino, Banfi, Ciacci Piccolomini d’Aragona, Il Poggione, Col d’Orcia, Pieve Santa Restituta, Antinori

Se vuoi seguire il mio blog con tutti i miei articoli ==>clicka qui<==
Di seguito trovi un breve elenco ed il relativo link:
Dieci Millenni di Vino parte 1
Tre buoni motivi per bere Lambrusco
Montalcino: quando il vino fa economia
L'Amarone. In principio fu Recioto
Gewurztraminer: l'uva di Termeno cresciuta in Alsazia
Collio: DOC inter ...statale
Sua Maestà il Barolo
Bolgheri: Cipressi e Vino
Lugana: un vino da scoprire
Bortolomiol: Prosecco da tre Secoli
C'è Prosecco e ... Cartizze
Hofstatter: l'importanza della vigna
Ca' del Bosco. L'arte del vino
Il successo di Bellavista: ottimo vino, idee e marketing
Il Marsala tra storia e mito parte 2
Il Marsala tra storia e mito parte 1
Discussione "alta" sulla mineralità del vino
Tre falsi miti sul vino ed una verità
Uva e Nuraghi. I grandi rossi di Sardegna
Uva e Nuraghi. I grandi bianchi di Sardegna
Il caso Gaja e quanto vale una DOP (o DOCG)
Trento DOC
La vita della vite
La sequenza dei vini a tavola
I profumi del vino

La giusta temperatura
Geografia del vino: le Langhe
Come conservare un vino

Tappi, tappi, tanti tappi ...
La degustazione parte 1: guardare un vino
La degustazione parte 2: colore ed intensità
La degustazione parte 3: la densità
La degustazione parte 4: prima di berlo ... annusiamolo
La degustazione parte 5: il Vino all'assaggio
La degustazione parte 6: la strana bilancia
La degustazione parte 7: lo stato evolutivo
Un passito è sempre un vino dolce?
Ad un piatto orientale, quale vino abbinare?
Il Pinot Nero ed il decanter
Bollicine a pasto? Certo che SI
Come nasce uno spumante



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Carica un nuovo codice
Inserisci il codice che leggi qui sopra: