Il vino ideale da abbinare allo zampone

Il vino ideale da abbinare allo zampone

Nel cenone di fine anno come da tradizione sulle tavole italiane non può mancare lo zampone; accompagnato dalle lenticchie simbolo di buon auspicio, augurio, abbondanza e ricchezza. Lo zampone è un insaccato tipico del modenese e consiste in un impasto di carne suina tritata, speziata e conservata nella cotenna del maiale.
La nascita dello zampone risale al 1511 nella cittadina di Mirandola in provincia di Modena. In quel tempo la città di Mirandola, fedele alleata della Francia, fu messa sotto assedio dalle truppe pontificie di Papa Giulio II Della Rovere. I mirandolesi, per sopravvivere al lungo assedio e per non abbandonare i maiali al nemico, furono costretti a macellarli. Per poter conservare la carne si inventarono una nuova tecnica: la tritarono e la chiusero all’interno della cotenna con sale e spezie. La carne effettivamente si conservò più a lungo. Ne nacque così un nuovo gustoso piatto!

I vini ideali da abbinare allo zampone sono rossi giovani perché con la loro acidità “sgrassano” il palato ed “asciugano” dalla succulenza. Ma devono essere anche corposi per equilibrarsi con la struttura del piatto.

Tra gli abbinamenti potremmo individuare, per le caratteristiche sopra elencate, un vino rosso frizzante: come il Lambrusco o la Bonarda Frizzante.
Le caratteristiche che rendono perfetto l’abbinamento sono le seguenti:
bollicine, che aiutano a sgrassare il palato;
tannino giovane che asciuga la bocca dalla succulenza;
una buona acidità che rinfresca il palato.

Si può anche abbinare un rosso fermo di grande freschezza e con buona acidità come la Barbera, la Schiava o lo Schioppettino Friulano

Per scoprire tutti gli articoli del nostro blog ==> clicca qui <==
Ecco un breve elenco degli articoli del nostro blog:
Il Barone Bettino Ricasoli ed il Chianti
Vino in cambio di libertà
Il Pinot Nero e l'Alto Adige
Cabernet a Barbaresco? Si vergogni!
Viticoltura Eroica. Costa d'Amlfi DOC
Sa di Tappo!!
Piemonte e Borgogna, due storie di successo con tante analogie
Perchè il Gallo Nero è il simbolo del Chianti Classico?
Vino e Tartufo
Che vino abbinare alla pizza? Ecco i nostri consigli
Le origini della pasta alla carbonara ed un suggerimento sul vino da abbinare
Che vino abbinare ai pizzoccheri
Stelvin (tappo a vite) o tappo in sughero
Storia, curiosità e segreti dello Spritz
Un brindisi con il gatto
Il vino elisir di giovinezza
Il vino nella preparazione dei piatti
Il Vino e l'alimentazione Vegan
Vino e Sushi
Come servire e bere lo Champagne e le bollicine
Come si produce lo Champagne parte 4: invecchiamento, remuage, degorgement e dosaggio
Come si produce lo champagne parte 3: la presa di spuma con la seconda fermentazione
Come si produce lo champagne parte 2: l'arte dell'assemblaggio o blending
Come si produce lo champagne parte 1: prima fermentazione alcolica
Come è nato lo Champagne: una grande Storia
La Leggenda dell'Aeroplan Servaj. Barolo Aeroplanservaj Domenico Clerico
Dal vino all'uva. I lieviti
Il vino come medicinale in epoca antica
La domanda di vino nell'Antica Grecia
Il Metodo Champenoise o Metodo Classico
I vini muffati. La botrytis cinerea
Il Vino nella storia
Il Mito dei miti: il Sassicaia
Foto di persone dopo il primo ... secondo e terzo bicchiere di vino
Vinificare in rosato
Come fare i brindisi in varie lingue … ricordando che in giapponese “chinchin” (si pronuncia cin cin) vuol dire “ca . . o”
Mario Soldati. "Vino al vino"
Franciacorta. Origine del nome
Perchè i grandi Cru sono spesso chiamati "Sant'Urbano"?
Come fare i fighi ad una degustazione tra amici



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Carica un nuovo codice
Inserisci il codice che leggi qui sopra: